Melchiorre Murenu, l’Omero sardo

Probabilmente il più grande poeta estemporaneo sardo di tutti i tempi, visse nel 1800, nacque cieco e, per questo, fu soprannominato l’Omero sardo.

Ebbe una vita piena di stenti, analfabeta e orfano di padre, data la sua cecità non poté rendersi utile alla già povera famiglia.

Morì precipitando da un dirupo, probabilmente spinto da sicari, che attirarono il Murenu con la scusa di condurlo ad una gara poetica.

Tra le motivazioni, si pensa ad una vendetta per una poesia contro la “puzza” di Bosa o ai versi della poesia Sa libertina, nella quale accusa una donna di facili costumi.

Sono famosi i suoi versi contro l’editto delle chiudende, con il quale chiunque poteva recintare la terra comune, appropriandosene.

tanca serradas a muru (terreni chiusi con il muro)
fatta a s’afferra afferra (fatti in tutta fretta)
chi su celu fut in terra (se il cielo fosse stato in terra)
iant serrau cussu puru (avrebbero chiuso anche quello)

Come in tutte le storie, abbiamo l’antagonista Maloccu, un poeta-bandito di Fonni, acerrimo rivale di Murenu, con il quale ingaggiava duelli di metafore e rime senza esclusione di colpi.

Piazze piene assicurate, pubblico che arrivava dagli angoli più remoti e divertimento garantito.

Un messaggero portava a Maloccu un biglietto con l’invito alla gara con il messaggio (in poesia) di sfida di Murenu.

Maloccu accettava la sfida rispondendo in rima a sua volta.

E sul palco, “rime da orbi”:

MURENU
Sa carrighera tua cun s’attelzu, (la tua cartuccera con “attelzu”*) acciarino per  la scintilla del fucile
Maloccu, non mi causat paura: (Maloccu, non mi causa paura)
cun-d-una frusta ti fatto ispanelzu, (con una frusta ti faccio …)
brincas e segas dogni ligadura, (salti e tagli ogni legatura)
comente cane chi linghet s’istelzu (come un cane che lecca s’istelzu*) *pianta
cando li dana calchi frustadura, (quando gli danno qualche frustata)
lassat s’istelzu lintu e chentza linghere (lascia  “s’istelzu”  pulito e senza leccare)
ca sa frusta a fuire lu custringhede. (perché la frusta a scappare lo costringe)

MALOCCU
Maloccu linghet e mandigat s’ossu (Maloccu lecca e mangia l’osso)
ca portat dentes de lu mastigare (perché ha denti per masticare)
cando sa frusta li soles mustrare (quando la frusta gli mostri)
issu sa frusta ti segat a mossu. (lui la frusta te la taglia a morsi)
Mancari siat pitticcu ‘e dossu, (Anche se sia un piccolo …)
si podet de Murenu defensare. (si può da Murenu difendere)
Abramu s’est in Canaam restituidu, (Abrano si è restituito in Canaam)
a mie in Elicona an permittidu. (a me in Elicona mi hanno fatto accedere)

MURENU
Caglia como, Maloccu, e non faeddes (Zitto ora, Maloccu e non parlare)
ca già mi as turbadu s’apposentu: (che già hai turbato l’ambiente)
si morzera istanotte so cuntentu, (se morissi stanotte son contento)
ma, si non morzo, est bisonzu ch’ischeddes. (ma se non muoio, è necessario che lo sappia)
Apo fattu norantanoe peddes, (Ho fatto 99 pelli)
solu sa tua mi mancat pro chentu. (solo la tua mi manca per arrivare a 100)
Da chi fatto su tou pedditzone, (da che faccio la tua pellaccia)
si mi ‘anto, mi ‘anto cun rejone. (se mi vanto mi vanto con ragione)

MALOCCU
Amigu meu, a su Venetzianu, (Amico mio, al Veneziano)
cussu chi faghet festa inue at fogu, (quello che fa festa dove c’è fuoco)
ti prego chi non sias inumanu (ti prego di non essere disumano)
che a Cicciu Derosas e a Delogu; (perché a Ciccio Derosas e a Delogu*)* Banditi sardi
mustra sas peddes chi giughes in manu (mostra le pelli che hai in mano)
si sun peddes de pulighe o priogu: (se sono pelli di pulci e pidocchi)
si sun de cussas, sun de perdonare (se sono di quelle, son da perdonare)
non l’arrestes, ma lassalu andare. (non arrestarlo, ma lascialo andare)

MURENU
Sa tazza mia la buffo piena (bevo piena la mia tazza )
pro nde leare su giustu sabore (per prendere il giusto sapore)
ca non so che a tie traitore (non sono come te un traditore)
c’h’as postu sette frades in cadena (che hai fatto mettere 7 fratelli in cella)
As ingannadu finas sa balena (hai ingannato perfino la balena)
chi t’at nutridu cun latt’ ‘e amore, (che ti ha nutrito con latte e amore)
sa chi t’at giuttu in corpus noe meses. (quella che ti ha tenuto in corpo 9 mesi)
Maloccu, malu fisti e peus ses! (Malocco, cattivo eri e peggio ora sei)

MALOCCU
Semus pruere e torramus a pruere (Polvere siamo e polvere torneremo)
semper in mesu a sa traitzione: (sempre inmezzo alla tradizione)
chi ses poeta dabi attentzione, (se sei poeta dai attenzione)
pagu bi cheret un’omine a ruere; (ci vuole poco per un un uomo a cadere)
da’ cussu puntu non ti podes fuere (da questo punto non puoi fuggire)
ca tue puru ses robb’ ‘e presone. (anche tu sei “roba da prigione”)
Si tue non t’esseras atzegadu, (se non fossi stato cieco)
fisti mortu in galera o impiccadu. (saresti morto in galera o impiccato)

c’è lo spazio anche per improvvisare un indovinello in rima:

MURENU
Maloccu, tue tenes bona fama, (Maloccu tu hai buona fama)
isculta su chi naro in custu muttu: (ascolta quello che ti dico in questa poesia)
naschidu est fizu prima ‘e sa mama (è nato il figlio prima della mamma)
poi da-e sa mama latte at suttu. (poi dalla mamma ha succhiato il latte)
Bogande a pizu cal’est custu fruttu (Scopri qual’è questo frutto)
si tenes ferramentas e fiama: (se hai arnesi e fiamma)
su fizu prima de sa mama est nadu, (il figlio prima della mamma è nato)
poi sa mama su fizu hat allattadu. (poi la mamma il figlio ha allattato)

Ma Maloccu non ci è cascato e ha risposto in rima

MALOCCU
Amigu meu, non cretas chi sia (Amico mio, non credere che sia)
a ti rispunder in nudda turbadu: (turbato nel risponderti)
chie gai su fizu at allattadu (chi il figlio ha allattato)
in custu mundu est ‘istada Maria. (in questo mondo è Maria)
Deus in sinu sou est ammannadu (Dio nel seno suo è diventato grande)
a salvare su mundu unu Messia; (per salvare il mondo il Messia)
chie gai allattadu at cussu fizu (chi ha allattato il figlio)
cuss’este, e non ti les pius fastizu. (questo è, non darti fastidio)

[…]

MURENU
Cando ‘enit Maloccu a Macumere (Quando viene Maloccu a Macomer)
Murenu tinnit che-i sa campana, (Murenu suona come una campana)
tenet sa fortza sa piùs sovrana (ha la forza più sovrana)
ca Deus li at dadu su podere: (perché Dio gli ha dato il dono)
deo ti fatto vendetta tirana, (io ti faccio vendetta tirana)
ammental’assumancu su dovere. (ricordati almeno il dovere)
Giuditta fit ermosa e de presentzia, (Giuditta era di bella presenza)
ti lasso e non ti do sa penetenzia. (ti lascio e non ti do la penitenza)

—-

 

Nella foto (credit wikimapia) un murales della casa di Murenu a Macomer

Annunci

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...