Le tristi disavventure di Bachis Sulis, il bandito-poeta di Aritzo

Bachis Sulis fu un maestro elementare nel paese di Aritzo (centro Sardegna), nato a fine ‘700, accusato ingiustamente di un omicidio che non aveva commesso.

Datosi alla macchia per scampare la prigione, passò i suoi giorni errando nei monti come un cinghiale solitario, ospitato di volta in volta negli ovili dei pastori o di amici, finché fu ucciso da un latitante (un certo Frucone) di Aritzo con cui aveva dei conti in sospeso.

Scriverà la sorella Anna vincenza, riguardo all’uccisione del fratello proprio da un paesano: “Non mi seo acatada, no ca fio sonnada, no mi seo sapia, sa molte in domo mia” (non mi sono accorta, non che fossi assonnata, non mi sono accorta, la morte in casa mia).

Soffriva la solitudine, e soprattutto la mancanza della sua promessa sposa, Elena, a cui dedicò parecchie poesie d’amore.

Scrisse anche alcune poesie satiriche, “Preides chi bandant de note a ispassu” (Preti che girano nella notte a spasso), “Setzios’ in domo, mongias andarinas” (Statevene a casa, monache girovaghe).

Scrisse anche una poesia rivolta ad un altro poeta -bandito di nome Maloccu, che abbiamo visto in un altro nostro articolo, reo di aver tradito alcuni suoi amici paesani.

 

A S’ULTIMU PERDESI A CORO AMADU (Alla fine ho perduto il cuore amato)

A s’ultimu perdési a coro amadu, (All’ultimo perdetti il cuore amato)
cando tenia sa gherra pro binta; (quando sembrava che la guerra fosse vinta)
dae s’annu degheotto a s’annu trinta (dall’anno ’18 all’anno ’30)
già nd’hapo de penas sopportadu; (ho sopportato troppe pene)
ma che a mie male fortunadu (ma come me sfortunati)
no nd’hat naschidu ater’in sa terra; (non ne sono nati altri nella terra)
dae minore sò faghende gherra, (da piccolo sto facendo la guerra)
fastizzando in sos contos de amore, (amoreggiando nei racconti d’amore)
verunu santu hap’hapidu in favore, (nessun santo ho avuto in mio favore)
chi m’hapat custa pena alleviadu. (che mi abbia alleviato questa pena)

[…]

Gai sa vida mi colo meschinu  (Ora la vita vivo come meschino)
e perseghidu de tantas maneras, (e perseguito in tante maniere)
esiliadu m’hana cun sas feras (esiliato mi hanno con le bestie)
e currelladu che un assassinu; (e rincorso come un assassino)
chi totu custu l’haere in destinu, (che tutto questo era nel destino)
totu lu suffro pro s’amore ‘e Deu; (mi fa soffrire per l’amore di Dio)
perdidu hapo su menzus recreu, (ho perso il miglior svago)
su chi mi causàt totu sos males: (che mi causa tutti i mali)
de totu sas disgrazias fatales (di tutte le disgrazie fatali)
cuss’est sa pius chi m’hat attristadu. (questa è quella che più mi ha rattristato)

Sos males mios non réstana igue, (I mali miei non restano lì)
ancora bivent sos dolos e penas, (ancora vivono i doli e le pene)
girende logos e terras anzenas, (girando posti e terre sconosciute)
andende solu chen’ischire a ue, (andando solitario, senza sapere dove)
in sas nottes oscuras rue rue, (nelle notti oscure, cadendo e inciampando)
attrassende montes e campagnas, (attraversando monti e campagne)
e allozzadu in sas biddas istragnas: (e alloggiato nei paesi non miei)
ohi! Comente n’haiana riziu! (ohi! Come mi hanno ricevuto)
cando cheria mudare de niu, (quando volevo cambiare il nido)
totus m’haian de murru furriadu (tutti mi hanno voltato le spalle)

[…]

SI MI LAMENTO GIA’ EST ARRESONE (Se mi lamento ho le mie ragioni)

Si mi lamento già est arresone, (Se mi lamento ho le mie ragioni)
chi so pianghinde a donzi istante, (che sto piangendo in ogni istante)
non mi s’allirgat coro e nè persone, (non mi rallegra il cuore nessuno)
ca tenzo sa tristura dae s’anante. (perché ho la tristezza davanti)

A un’assimizzante Elena ermosa (A una assomigliante bella Elena )
isto faghinde una pregadoria: (sto facendo una preghiera:)
“ello, ite mi naras, frisca rosa, (“Allora, cosa mi dici, fresca rosa,)
chi s’amore lu lasse o lu sighia?” (l’amore lo lasci o continui?”)

A mie s’allegria m’est privada, (Mi è stata privata l’allegria)
e mi fatto bestires de nieddu: (e mi son vestito di nero)
si cun ateru ti bio cojuada (se con un altro ti vedo sposata)
‘enit a mi oltare su cherveddu. (mi da di volta il cervello)

Pro su faeddu est chi tenzo isettu (Per la parola che ho dato)
e pro cussu est chi so ancora biu; (e per quello che sono ancora vivo)
a lu pigamos de arma e de prettu, (prendiamo l’arma)
e ti balanzat a chie t’hat serbiu. (e scegli chi ti ha servito meglio, nel duello)

Pro cantu chi so biu non ti lasso, (Per quanto se sono vivo non ti lascio)
chi m’has arregordare a donz’istante, (se mi ricorderai in ogni istante)
oras cantu hat in die bei passo, (ora quando sarà il giorno, passerò)
pro biere a tie perla e diamante. (per vedere a te, perla e diamante)

[…]

De su narrer meu non ti olvides (Del detto mio non dimenticarti)
e calchi die tind’has amentare, (o qualche giorno, ti ricorderai)
de allegas anzenas non ti fides, (di parole di altri non fidarti)
mantenilu su primu faeddare. (mantieni la prima parola data)

[…]

cussu disterru ti dana pro vida (questo supplizio ti da la vita)
e no has a tenner un’ora ‘e allegria; (e non avere un’ora di allegria)
has a narrer: mai esser’ naschida, (dirai:” mai esser nata)
pro passare sa vida in tribulia. (per passare la vita tribolando”.)

MALOCCU, TRAITORE, IT’HAS FATU? (Maloccu, traditore, che hai fatto?)*

Il bandito Maloccu, fece arrestare degli altri banditi, con cui era entrato in fiducia,  (anche chiedendo al capo dei banditi stessi, la mano della figlia) in cambio della cancellazione dei suoi precedenti.
Invitati ad un banchetto in una grotta, Maloccu servì vino oppiato a tutti, e quando caddero nel sonno, con un fischio chiamò le guardie, che arrestarono tutti, tranne uno che non fidandosi non aveva bevuto il vino (ma venne acchiappato in seguito).
Questa storia fece molto scalpore al tempo e questa canzone veniva cantata da tutti.

Maloccu, traitore, it’has fatu (Maloccu, traditore, che hai fatto?)
a iscamare sa idda de Fonne? (hai infangato il paese di Fonni?)
s’ora puru hat a benner pro disporrer (l’ora verrà per disporre)
a chie ti det torrare su piatu: (a chi ti deve rendere il piatto)
Maloccu, traitore, it’has fatu! (Maloccu, traditore, che hai fatto?)

[…]

A si bender sos frades e connotos (Per vendere fratelli e amici)
devet esser crudele che moro! (devi essere crudele come un moro!)
a chie giughet fingidu su coro (a chi giudichi fingendo nel cuore)
causat in sos logos avolotos; (causi dei disordini)
totu unidos l’hant dadu sos votos, (tutti uniti ti hanno dato fiducia)
pro andare a bogare su tesoro: (per andare a prendere il tesoro)
inie si hant divisu prata e oro (lì si son divisi argento e oro)
sos tristos chi no tenent riscatu. (i tristi che non hanno riscatto)

SIGNOR ZUCCA SUPREMO COMANDANTE (Signor Zucca supremo comandante)

Signor Zucca su primu cumandante (Signor Zucca, il primo comandante)
suzzat dae s’arruga e dae sas tancas, (sugge dalle strade e dai terreni)
dae sa tirannia cun is Mancas (dalla tirannia dei Manca*) *famiglia con cui Sulis era in lotta
bessidu nd’est bessidu triunfante, (sei uscito trionfante)
ma como cheret bettare farrancas (ora vuoi gettare gli artigli)
pro si l’assuggettare in d’un’istante (per assoggettare in un istante)
a Bachis Sulis poveru iscrivente (a Bachis Sulis povero scrivente)
chi arramassat su prinzipe potente. (che si scaglia contro il principe potente)

SOLITARIU, NOTE E DIE (Solitario, notte e giorno)

Solitariu note e die, (Solitario notte e giorno)
cun suspiros lagrimande, (con sospiri lacrimante)
in sos affannos a tie, (negli affanni a te)
m’incontro sempre jamende. (mi ritrovo sempre chiamando)

In trist’eremitu solu (Solo nel triste eremitaggio)
ue sas feras mi tratan, (dove le bestie mi trattano)
chirchende a tie m’agatan (cercando a te mi trovano)
privu de ogni consolu, (privo di ogni consolazione)
su tristu piantu ‘e dolu, (il triste pianto e il dolo)
sia ischidu, e dormende. (sia sveglio o addormentato.)

In sas horas pius feriadas, (nelle ore più …)
cand’ognun’est in reposu, (quando tutti riposano)
a tie chirco affannosu, (ti cerco affannoso )
ma su chircare est de badas, (ma ricerco invano)
in cuddas diccias passadas (in quei dialoghi passati)
mi tratenzo penetrende. (mi trattengo penetrando)

In cust’estrema agonia (In questa estrema agonia)
chi provat ogni mortale, (che mette alla prova ogni mortale)
m’amentat pro piùs pugnale (mi ricordo per di più il pugnale)
s’idol’ ‘e s’anima mia, (l’idolo della mia anima)
o in sos estremos sia, (nell’estremo sia)
o in sa morte pensende. (alla morte sto pensando)

In sas dies piùs galanas (Nei giorni più belli)
chi solent giogare tantu, (in cui giocavo tanto)
sos ojos mios de piantu (gli occhi miei di pianto)
formant perennes funtanas (formano perenni fontane)
in sas festas pius humanas (nelle feste più umane)
chi sos bios sunt gosende. (che i vivi stanno godendo)

In d’unu desertu afflitu (Nel deserto afflitto)
su nomen tou m’amentat. (il tuo nome mi ricordo)
Su passadu mi turmentat (il passato mi tormenta)
cantu pro te b’hat iscritu (quanto per te ho scritto)
in custu desertu litu (in questo deserto …)
ue m’incontro penende. (dove mi trovo penando)

Finis pro me non b’hat vida (Infine per me non c’è vita)
allegria ne cuntentu, (allegria e contentezza)
sa note m’est de tormentu (la notte mi da tormento)
su die ‘e azerba ferida, (il giorno è acerba la ferita)
in sa trista dispidida (nella triste dipartita)
mi tratenzo meditende. (mi ritrovo meditando)

In sos affannos a tie (Negli affanni a te)
m’incontro sempre jamende. (mi ritrovo sempre pensando)

Bachis Sulis, bandito poeta di Barbagia, a cura di Tonino Mameli, Edizioni Castello

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...