Haiku, poesias giaponesas

L'haiku nasce dal renga (poesia a catena) che raggiunge il massimo splendore in Giappone tra la fine del 1300 e la seconda metà del 1500. I poeti compongono a turno un emistichio su un tema stabilito, di solito legato alla natura e all'amore. La strofa iniziale è composta da versi di 5-7-5 sillabe. Come lampi... Continue Reading →

Giornata storica per la poesia improvvisata/2: cantadoris de su mundu.

Is cantadoris de su mundu si incontreranno in Sardegna nella rassegna Musas e Terras, organizzata dall'associazione Coordinamento C.A.M.P.O.S.. Idealmente significa che is cantadoris sardi escono de is festas de bidda (che per fortuna mantengono in piedi ancora questa arte) assumendo rilevanza mondiale, in un contesto universale, per confrontarsi con Bertsolaris dei Paesi Baschi, i poeti... Continue Reading →

Giornata storica per la poesia improvvisata sarda

Giornata storica per la letteratura sarda, al centro sociale s'Ulumedu il 23 de Sant'Andria/Donniasantu/Novembre 2019. Per anni i cantadores cabesusesus venivano a cantare in cab''e bàsciu senza mai gareggiare con quelli campidanesi. Chiaramente si capivano (non si spiegherebbe altrimenti come mai li invitassero!). Eppure le strutture metriche, seppur diverse, avevano un terreno comune. L'ottava logudorese... Continue Reading →

Mutetu al Liceo Dettori: commedia teatrale a ghitarra campidanesa, per quattro poeti improvvisatori

https://www.youtube.com/watch?v=BWw4WpQWOA4   Anche al liceo Dettori la tradizione e la lingua sarda un tempo era di casa. A confrontarsi i giganti del passato della poesia de sei: Urru (Burcei), Danese (Monserrato), Maxia (Selargius), e Mascia (Settimo S. Pietro) ad interpretare i ruoli, rispettivamente di professore, preside, studente e bidello. Ognuno accusa gli altri e rivendica... Continue Reading →

55 minuti

55 minuti, il tempo che mi restava 55 gli anni appena compiuti 55 le donne amate 55 i colpi di pugnale ricevuti 55 giorni dalla scoperta della truffa bancaria 55 squilli del telefono 55 porte d'albergo, in pieno centro di Carales 55 le parole che non bastavano per indicare l'assassino. Che si chiamava ... ---... Continue Reading →

“Servi-tù” ddas ant tzerriadas

"Servi-tù" ddas ant tzerriadas nòmini beni scioberau po cumenti tratant a sa Mama bombas, aereus e sodraus De su Getsèmani nci dd'iant bogau 30 dinais no funt pagus po su polìticu rinnegau de petròlliu s'intendit su fragu "Servi-tù" ddas ant tzerriadas de sa gleba, fiant in su passau scraus, a is tempus de is ròmanus... Continue Reading →

S’ispada de Lionora

Bandat su Longobardu (Avanza il Longobardo) in mes''e su padenti (in mezzo al bosco) cun su cuaddu làngiu (con il cavallo smunto) Narat: "Prima su sardu"(dice: "Prima il sardo") ddi ponint a menti (gli prestano ascolto) e si ghetant a su stràngiu (e si concedono allo straniero) Arribat a conc'a susu (Arriva a testa alta) burricu a... Continue Reading →

Cantoris de stòrias tristas

Furas un'angioni e bandas a presoni furas Casteddu e t'ant a fai urrei. Cantoris de stòrias tristas no conteis de urrei stràngius no conteis de baronis allenus canteis de genti nosta bèndia. Canteis de sa dromida chi s'eus fatu de candu s'urtimu Giugi s'iat bèndiu, arròsciu de cumbati is stràngius, po 100.000 fiorinus. Canteis de... Continue Reading →

Mantinicas amasedadas.

Come un "Padre-Padrone" che uccide la "Lìngua-Madre". Violentata e umiliata. Tancada in d-un apostentu sceti po cultoris abarrada, o po poetas macus e fertus. Ti nc'ant bogau amarolla de custa terra, chistionada de millant'annus Cun petiadas in is manus o cun bregùngia di essi greza e inferiori. Su Napoletanu fiat lìngua de Urreis Su Venetzianu... Continue Reading →

Su Camaleonti e su Generali [Trilussa]

S'eroi a pagamentu Un urrei bèciu narat a su Generali -Beni as fatu a arriscai sa vida po difendi s'onori natzionali T'apa donai una medàllia candu acabat sa batalla. -Gràtzias, - iat nau s'eroi - ma po cuntratu mi depis donai centu francus po ferida. E castiit beni, chi dd'apu scontau unu buciconi in-d-un ogu,... Continue Reading →

La barzelletta de su santu “unfrau” de Pauli.

Questa è una barzelletta che si tramanda a Selargius, nei confronti dei vicini Paulesus, cioè monserratini. Non c'era rivalità come con i Quartucciai, ma le cose che si dicevano nei loro confronti erano tante. Piantavano pùncias (chiodi) in terra, sperando che crescessero aciolus (grossi chiodi per travi), ed erano esagerati in tutto, anche nelle accolladas... Continue Reading →

Sushi & Butàriga?

Serrau chi dd'emu su lìburu... Scapiendi a s'apràpidu pentzamentus introghillaus Atumba atumba, imbruchinendi imbruchinendi. Abellu abellu, leri leri, a pagu a pagu. Su connotu no esistit! Esisteus nosu. Resisteus nosu. Bànnia a sa campidanesa de tomàtigas americanas Sonus de ghitarras distortas fueddendi limbas connotas Applicatzionis chi càntant boxis a contra e bò Sushi & Butàriga?... Continue Reading →

S’ùrtima balentia

S'ùrtima balentia no est a segai origas no est a sparai cartellus no est a furai angionis S'ùrtima balentia sa prus chi donat vantu e chi consola' est de si ponni a studiai cun su culu in is bancus de s'iscola   Imàgini pidaga de https://it.wikipedia.org/wiki/Libro

Bolat s’Intruxu

1000 briganti distrussero un regno lo depredaron e lo diedero in pegno Bolat s'intruxu in circa de petza frisca Sull'alzabandiera vile pendula il tricolore (sa vìrgula poneincedda bosatrus) --- In concorso al contest letterario "Santander ci salverà", Autori in evoluzione Imàgini de s'intruxu (grifone) de Tonpiga, pigada de https://www.flickr.com/photos/tonpiga/21214639349

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑