Cantu balit custu tesoru? (Gara poetica de su 1831)

"Gara poetica campidanesa fata in Cuartuciu in domu de Arramundu Putzu su cabesusesu, po su sposalitziu de Allicu Secci cun Anna Piras su merì de su 15 de su mesi de Lamparas de su 1831 de custus cantadoris: Severinu Pilleri de Settimu, Spiga de Cuartuciu, Efis Pillai de Cuartu, Bittiredda Melis de Lunamatrona, Pippiccu Cardia... Continue Reading →

Annunci

La poesia epica in Sardegna: la grande assente

Secondo Augusto Bollier (Canti popolari della Sardegna) la tradizione sarda non ha una grande poesia epica. Cita solamente due poesie, una rivolta alla Sarda Rivoluzione, la "Marsigliese sarda", Su Patriotu Sardu a su Feudatariu, nota "Procura de moderare", di Mannu. L'altra è una poesia rivolta alla "patria" italiana, del 1848, nel momento in cui l'Italia... Continue Reading →

Mutos e Mutetus e l’unità morale dei sardi

[...] "Credo che il lavoro fornito soddisfi a questi scopi, e che sia lecito a me ricavarne la conferma del fatto già osservato dal Mari e avvalorato dalle mie illustrazioni della ritmica sarda, dell'unità morale del popolo isolano e di una comune tradizione poetica. Ha, (c'è bisogno di dirlo?) ciascuna regione i suoi canti, e... Continue Reading →

Pregadorias sardas antigas

Creu tottu cantu, tottu cantu (Credo in tutto quanto, tutto quanto) Heis rivelau. (avete rivelato.) In sa Cresia chi eis fundau, (Nella Chiesa che avete fondato,) Cresia Santa Cattolica, (Chiesa Santa Cattolica,) Cresia Santa Apostolica e Romana. (Chiesa Santa Apostolica e Romana.)   S'Ave Maria, sa grassia prena, (L'Ave Maria, piena di grazia) Cando si... Continue Reading →

Medusa, regina di Sardegna

Per i greci era la Regina d'Occidente. Per i romani era la Regina di Sardegna, figlia di Forco il marinaio, Re di Sardegna e Corsica. Per i sardi era una bellissima regina, dai lunghi capelli, che lottava e cavalcava, guidando il popolo sardo. A Samugheo e a Lotzorai esistono i castelli di Medusa. Si narrano... Continue Reading →

La “costante resistenziale” primitiva nella musica campidanese: cantus a sa bastascina

Secondo Giulio Fara, etnomusicologo di inizio novecento, la musica campidanese ha tenuto maggiori elementi primitivi e originari, rispetto al resto della musica sarda. "Come i proverbi sono la saggezza dei popoli, così la musica ne è l'anima; dalla musica popolare deriva tutta l'altra: essa risale attraverso i secoli fino alle origini della parola." (...) "Musiche... Continue Reading →

Moda a sa Sardigna, poesia di Peppe Montesu

La tecnica della retrograda, consiste nel modificare l'ordine della frase, trovando nuove soluzioni in rima, con altre frasi, anch'esse in retrograda. Molto usata nella poesia sarda (specialmente nei mutetus longus campidanesi), la difficoltà sta nel trovare nella stessa frase più rime incrociandole con altre frasi retrograde. Particolarmente interessante l'ultimo fiore, all'inizio, in cui riesce ad... Continue Reading →

Canzone contro l’occupazione militare e industriale: un “gòciu” di Enea Danese

La protesta può prendere varie forme: Manifestazioni, scioperi, libri, articoli giornalistici, manifesti, volantini, poesie, murales, canzoni. Una di queste canzoni tradizionali sarde, è "su gòciu". In genere i gòcius sono dei canti religiosi dedicati ai santi, ma vengono eseguiti anche per scopi civili. Ecco un esempio di gòciu religioso, dedicato al martire Sant'Efisio, uno dei... Continue Reading →

La terra delle Muse

Il gesuita trentino Antonio Bresciani, diceva nel 1850: " Perch' io vi prometto, che in Gallura e in Barbagia (n.d.r., non era stato in Campidano evidentemente), e per tutte le montane parti dell'Isola vi menerei per mano a udir pastori e bifolchi dialogizzare le ore intere per versi all'improvviso, con tale grazia, vivacità, arguzia e... Continue Reading →

Atitidus della vendetta

Gli atitidus sono poesie improvvisate dalle atitadoras, donne anziane che con il canto dovevano strappare più lacrime possibili alla gente. Ricordavano le gesta e le virtù del morto, ma qualche volta incitavano alla vendetta. Furono proibiti per questo motivo. L'AN MORTU CHENTZA NECHE (L'hanno ucciso senza colpa) Una binza e un'ortu ( Una vigna e... Continue Reading →

La modestia e la superbia del grano

S'ispiga ch'est piena est ingranida (La spiga che è piena di grano) s'inchinat e abasciat tot'umile (si inchina e abbassa umilmente) sa boida, ca est vana, istat fichida, (la vuota, perché è vana e diritta) s'insuperbit fozosa e signorile: (si insuperbisce fogliosa e signorile) umil'est cudda ed est apretziada, (umile e apprezzata è quella ) superb'est... Continue Reading →

Domenico Simon, illuminista eccentrico e rivoluzionario algherese

Fu un agiato illuminista sardo, di origini liguri, trapiantato ad Alghero. Appassionato della Sardegna, si occupa di migliorare l'agricoltura, la pastorizia introducendo innovazioni e scrivendo dei poemetti. Durante il periodo della sarda rivoluzione di fine settecento, sposò la causa autonomistica e aderì alle nuove idee di libertà e democrazia. La feroce repressione savoiarda chiuse quella... Continue Reading →

Sa scomuniga de Predi Antiogu

La scomunica del Prete Antiogu, è una poesia-commedia in rima, di un anonimo dell''800. La storia, studiata anche dal linguista tedesco Wagner, narra di un prete a cui hanno rubato le capre e, dal pulpito della chiesa, lancia strali al pubblico. Il carattere burbero del prete ce lo fa immaginare un tipo simile a don... Continue Reading →

Mànigas de oru

Poesia di Giulio Solinas, poeta contemporaneo, di Quartucciu e Quartu S.Elena. A tui modernu paisaneddu, a sa vida appenas affacciau, ‘ollu contai su chi a piccioccheddu de’s bisaius nostus fiat costumau. Pensendu a cantu t’itregai, in carri currit unu striori prexosu chi m’inci torrat a su tempus biviu diciosu. E aicci m’agat in bias connotas... Continue Reading →

A chie t’opprimet linghes

Ma tue, populu, finghes (ma tu popolo fingi) de protestar'e times: (di protestare e hai paura:) de pedire su tou birgonzosu. (restìo a chiedere ciò che ti spetta) A chie t'opprimet linghes, (e lecchi chi ti opprime) e de islancios sublimes (e di slanci sublimi) ses incapaze, zegh'e (sei incapace, cieco e) sonnigosu, (assonnato,) si... Continue Reading →

It’ est sa vita

Sa vida est s' amore lontanu, (La vita è l'amore lontano) una cosa bramada e non godida (una cosa bramata e non goduta) tott'in cue est sa vida. (totta qui è la vita) Issa passat currinde onzi die: (Lei passa correndo ogni giorno) mentras ses cun issa discuntentu (mentre sei di lei scontento) si nd' andat... Continue Reading →

Potenzia Cappai, quella che taglia e non cuce mai

Un giorno qualsiasi dell'800, due poeti improvvisatori, Antiogu Bray e Chicheddu Salis incontrarono una donna alla fontana del paese di Lunamatrona, a cui chiesero: “Nara, femina bona: custa e’ Lunamatrona?” "Nara femina giusta: Lunamatrona è custa?" (“Dimmi, giovane buona: questa è Lunamatrona?”, dimmi donna giusta, Lunamatrona è questa?). Lei, pronta alla rima, rispose: Poita mi domandais... Continue Reading →

Il più piccolo editore del mondo: Tziu Antoni Cuccu

Quando la passione per i libri e per la cultura, va oltre il semplice tornaconto momentaneo. Tziu Antoni Cuccu, umilmente, entra di diritto tra i grandi che hanno "creato" letteratura sarda, salvando dall'oblio centinaia o forse migliaia di poesie estemporanee. Si recava presso le (migliori) gare poetiche estemporanee sarde delle feste paesane, trascriveva i testi, pubblicava i libretti e poi... Continue Reading →

Sa limba mea

Cann’in iscola galu minoreddu (quando a scuola ero piccolino) In sardu progaia a faeddare (In sardo solevo parlare) Su mastru meu pro mi mezorare (il mio maestro  per migliorarmi) A corfos mi piccavat de bacheddu (a colpi mi picchiava con la bacchetta) De ainu mi davat su capeddu (mi dava il cappello d'asino) E mi fachiat s’iscola... Continue Reading →

Tziu Efisieddu Lecca [filastrocca sarda]

Tziu Efisieddu Lecca (Sig. Efisieddu Lecca) nc'est arrutu a mari (è caduto in mare) e no dd'ant acutu (e non hanno fatto in tempo) a ndi ddu piscai (a tirarlo fuori) beni tzia Marietedda (viene signora Marietedda) cun sa carrettedda (con la carriola) a ndi ddu portai (per portarlo) derettu a campusantu (dritto in camposanto) s'intendit su prantu (si sente il pianto) de totu... Continue Reading →

Frastimos (Frasi di Malaugurio)

A chie m’at furadu s’impagliada (A chi mi ha rubato l'impagliata) bonu proe li fettat, bonu proe. (Buon augurio gli faccia, buon augurio) S’est massaju, li molzat unu oe, (Se è contadino, gli muoia un bue) s’est pastore, sa roba tot’anzada. (Se è pastore, la roba tutta "partorita"(?)) E si est unu chi nudda no ada, (E se uno non ha... Continue Reading →

I poeti cagliaritani: racconti di un tempo dalla città bianca

Casteddu mannu, frori de su mundu, (Cagliari grande, fiore del mondo) Londra terza e Napoli segundu! (Londra terza e Napoli secondo) cantavano un tempo i cagliaritani, a cui risponde Sassari (eterna rivale): Tatari mannu, Cagliari minori (Sassari grande, Cagliari monore) e a tutti risponde Sanluri: Roma capu mundu (Roma capitale del mondo) e Seddori segundu! (Sanluri secondo) (bontà loro, hanno... Continue Reading →

L’attualità della poesia-denuncia di Peppino Mereu

Peppino Mereu, nato a Tonara (provincia di Nùoro)  nel 1872, fu un poeta inserito nella corrente della scapigliatura. Impressiona l'attualità di alcune poesie, che sembrano scritte oggi. Per esempio sui laureati-spiantati. Pensavo fosse un problema esclusivamente odierno, dovuto al sovraffollamento delle Università italiane, rispetto alla richiesta del mercato italiano, fatto da piccole e medie imprese.... Continue Reading →

La poesia contro l’attacco a Cagliari dei rivoluzionari francesi (1793)

La poesia "Sa religione contra sa libertade e s'iguaglianza" fu attribuita al prete-poeta Luca Cubeddu (ma qualcuno la attribuì al poeta prete Pietro Pisursi) un poemetto, andato perduto, fatto di 97 stanze, scritte per il respinto tentativo di invasione dei francesi rivoluzionari del 1792-1793. Alcune tracce vengono citate dal canonico Spano. Eccone alcune: Stanza 83, sulla caducità... Continue Reading →

La poesia ironica e canzonatoria di Pisurzi

Pietro Pisurzi fu un prete, nato (povero) nel nord Sardegna nel 1724. I piemontesi vennero nel 1720, la società sarda era ancora intrisa di cultura spagnola. Ecco alcuni "racconti-mutetus", che sono vere e proprie storielle di paese in cui ci si rispondeva in rima, quotidianamente per sbeffeggiarci o per risolvere delle questioni. Il prete-poeta Pisurzi un giorno vede... Continue Reading →

Ciccittu Masala, il poeta ribelle

"[...] La mia missione evangelica finì lì. Era durata, più o meno, una giornata. Sul far della sera, lasciai il lager e mi avviai verso l'aeroporto, lungo una strada d'asfalto coperta da grandi chiazze di fango e di catrame. Ai lati della strada, alte ciminiere conficcate come croci sopra un calvario di nebbia. Camminai a... Continue Reading →

Fikide, est arveskendhe

Si puru eo sie athesu (Se anche io sono lontano) in d'una isthranza altura (in una straniera altura) su entu de Gallura (il vento di Gallura) mi attidi sa oghe tua  (mi porta la voce tua) E bos bio a unu a unu (e vi vedo ad uno ad uno) bessire dae mattones (uscire dai... Continue Reading →

Eleonora d’Arborea nelle leggende popolari

Gabriella Da Re analizza la leggenda di Eleonora secondo P. Lutzu, studioso di tradizioni popolari di San Vero Milis, che nell'ottocento aveva raccolto le leggende e fa delle interviste sul campo alla ricerca del mito di Eleonora. Sa sarda Eleonora d'Arborea (La sarda Eleonora d'Arborea) fi fizza de su prode Marianu (era figlia del prode Mariano) generada... Continue Reading →

I nuovi “tres Gurreis”

Sincretismo civile-religioso Jaja mia is tres Gurreis abettàda Mamma mia  sa Befana festeggiàda Arregalus meda deu appu arriccìu, de Bambinu Gesù filla mia "Babbu Nadali" abèttada a conca a sùsu (mia nonna i tre Re Magi aspettava) (mia mamma la Befana festeggiava) (Molti regali io ho ricevuto da Gesù Bambino) (mia figlia Babbo Natale aspetta a... Continue Reading →

[Breve filastrocca triste] Amazon e il monopolio mondiale del commercio

[Breve filastrocca triste] Nara Metcalfe*: (Dice Metcalfe*:) "cun sa lei mia s'emmu avvisau ("con la mia legge vi avevo avvisato) in is retis seis intrappolaus" (nelle reti siete intrappolati") Su buttegheri c'hadi bogau (Il commerciante ha cacciato) su magasineri currendi s'esti azzoppiau (il magazziniere correndo si è azzoppato) su traballadori, scetti a Paschixedda hadi traballau (il... Continue Reading →

Forzis Re Ospitone

Forzis   Rè   Ospitone   est   gal' ishidu (Forse Re Ospitone è sveglio) a   dromi   pahu    unu    guvernadore. (dorme poco un governatore) Passiza     un    Basili     su     Dottore  (passeggia Basilio il Dottore) sa  notte  in  mancosu e perdu didu  Animas   l' han'... Continue Reading →

La passerella dei padroni

LA PASSERELLA L'isola fu, nel Mediterraneo, la passerella dei conquistatori: ogni ribaldo che venne da fuori ottenne almeno un feudo temporaneo. Oggi, ancora, se un invadente estraneo aspira a conquistarsi nuovi allori, verrà scelto dai nostri reggitori innanzi a ogni aspirante conterraneo. Vige il mito dell'ospitalità col motto: " il miglior letto al forestiero! Per... Continue Reading →

Tiu Bustianu Sale (poesia di Montanaru)

Un giovane ragazzo va sui monti per cercare Tiu Bustianu, un vecchio ancora temuto per le sue gesta giovanili. Il vecchio racconta che orfano, da bambino iniziò a fare il porcaro, senza abiti e quasi senza pane. Da ragazzo costituì il suo allevamento, "rubando", ma gli è testimone Dio, non è un ladro. Una volta in... Continue Reading →

Tzacca manedda, filastrocca sarda

Tzacca manedda, tzacca manedda (batti manine, batti manine) tzacca manedda chi 'enit babbai (batti manine che viene papà) e ti portada a ciucciù a cuaddu (e ti porta in giro a cavallo) e ti portada a ciuciù a Casteddu (e ti porta in giro a Cagliari) e ti comprada unu bistireddu ( e ti compra... Continue Reading →

Il sangue degli eroi (poesia di Montanaru)

La bellezza e la delicatezza della poesia di Montanaru (Antioco Casula) in queste due poesie. La prima è una poesia d'amore: Muttos  A s'ispuntare 'e sa die (Allo spuntare del giorno) Cuminzan da oriente (Cominciano dall'oriente) Sas istellas a fuire (Le stelle a fuggire) Deo m'ispanto comente (Mi stupisco come) sia potudo vivìre (abbia potuto vivere)... Continue Reading →

La sedia del Paraninfo

Ovvero Sa cadira 'e su Paralimpu Sa cadira de su paralimpu era una sedia sgangherata che veniva offerta al paraninfo per rifiutare la richiesta di matrimonio da parte di una persona, di cui il paraninfo era solo l'ambasciatore. Le cause principali del rifiuto erano, il parere negativo della figlia, oppure lo status sociale "inferiore"  oppure la poca... Continue Reading →

Ninnananne, atitidus, poesie e banditi sardi

Tre testi che parlano di banditi in diverse situazioni: una ninnananna, una poesia, un attittidu (pianto di morte). Ninnananna Fizzu e su coro meu benedittu,  (Figlio del mio cuore benedetto,) canno ser mannu diventes banditu (quando sarai grande ti auguro di diventare bandito.) T’azudet sa Mamma Soberana, (Ti aiuti la Madonna) a diventare capu 'e... Continue Reading →

Noi siamo sardi (G.Deledda)

Siamo spagnoli, africani, fenici, cartaginesi, romani, arabi, pisani, bizantini, piemontesi. Siamo le ginestre d'oro giallo che spiovono sui sentieri rocciosi come grandi lampade accese. Siamo la solitudine selvaggia, il silenzio immenso e profondo, lo splendore del cielo, il bianco fiore del cisto. Siamo il regno ininterrotto del lentisco, delle onde che ruscellano i graniti antichi, della... Continue Reading →

Melchiorre Murenu, l’Omero sardo

Probabilmente il più grande poeta estemporaneo sardo di tutti i tempi, visse nel 1800, nacque cieco e, per questo, fu soprannominato l'Omero sardo. Ebbe una vita piena di stenti, analfabeta e orfano di padre, data la sua cecità non poté rendersi utile alla già povera famiglia. Morì precipitando da un dirupo, probabilmente spinto da sicari,... Continue Reading →

Sardi, popolo di poeti… ma solo in lingua sarda

In Sardegna esistono ancora i tradizionali poeti estemporanei, che riescono ad andare avanti per delle ore improvvisando rime, sfidando altri poeti, tessendo degli argomenti, con delle fini metafore e riferimenti colti. Ma qui non parleremo di questi poeti, antichi aedi discendenti di Omero, ma del resto della popolazione che, in qualche modo, assorbiva l'arte dei grandi maestri... Continue Reading →

Ho trovato l’Erbaluzza!!!

Sergio Atzeni, uno dei migliori scrittori sardi (a parer mio)  scriveva non inventando, ma cercando storie vere che riproponeva con il suo modo di raccontare affabulatorio. Ad esempio, nell'Apologo del giudice bandito, il romanzo inizia con un processo della corte spagnola alle cavallette. Ovviamente si tratta di una invenzione letteraria in questo caso... E invece... Continue Reading →

Bittiredda: la poetessa che metteva in riga gli uomini

Bittiredda (Maria Itria Melis) era una poetessa estemporanea di Selargius o di Lunamatrona, del 1700, che gareggiava alle feste con i colleghi maschi, con ottave in stile campidanese, ritagliandosi uno spazio tra gli "eroi" de is cantadoris mannus (i grandi poeti). Erroneamente si crede che sia nata a Lunamatrona, confusa forse con Potenzia Cappai di Lunamatrona, entrambi... Continue Reading →

Gare poetiche logudoresi: poesia o teatro?

Nelle gare poetiche logudoresi (centro-nord Sardegna), rispetto alle gare campidanesi (centro-sud Sardegna), i partecipanti interpretano un ruolo o difendono comunque una posizione assegnata dal comitato della festa. Nella gara logudorese, ognuno tenta di dare maggiori ragioni alla sua posizione o ruolo, dando vita ad una improvvisazione teatrale, in ottave e in rima, che può andare... Continue Reading →

Horoène: l’ultimo guerriero nuragico

“Qua bínquidu l’hat Horoène a Malqueo / Re guerrieri de sos Cartaguenesos / A dae pustis de unos degue annos / Guerrendhe contra de sos Affricanos […]” “(Perché Oroène ha vinto Malco / Re guerriero dei Cartaginesi / Dopo circa dieci anni / Guerreggiando contro gli Africani […])” OROÈNE (o HOROÈNE), secondo un’antica leggenda popolare... Continue Reading →

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑