Haiku, poesias giaponesas

L’haiku nasce dal renga (poesia a catena) che raggiunge il massimo splendore in Giappone tra la fine del 1300 e la seconda metà del 1500.

I poeti compongono a turno un emistichio su un tema stabilito, di solito legato alla natura e all’amore.

La strofa iniziale è composta da versi di 5-7-5 sillabe.

Come lampi che illuminano a giorno una noti scuria, sembrano fotografare e cogliere un dato momento.

Così, solo per sentire che suono fanno in lingua sarda…

———————————————————————-

Matsuo Bashô

afinamentu de ierru:
in-d-unu mundu a unu colori sceti
su son’ ‘e su ‘entu

languore d’inverno:
nel mondo di un solo colore
il suono del vento

fuyugare ya
yo wa hito iro ni
kaze no oto

———————————————————————-

mancu unu granu de pruini
a strobai su craru
de su biancu fror”e campusantu

non un grano di polvere
a turbare il chiarore
del crisantemo bianco

shiragiku no
me ni tatete miru
chiri mo nashi

———————————————————————-

Naito Jôsô

nudda c’est –
is campus e is montis
furaus de sa nii

non c’è nulla –
i campi e le montagne
rubati dalla neve

no mo yama mo
yuki ni torarete
nani mo nashi

———————————————————————-

Masaoka Shiki

medau de piscadoris:
a su craru de sa luna si baddat
in su fragu de su pisci cruu

villaggio di pescatori:
al chiaro di luna si balla
nel profumo del pesce crudo

namagusaki
gyoson no tsuki no
odori kana

———————————————————————-

mafiedda de otòngiu
biveus, e si castiaus s’unu cun s’atra,
tui e deu

vanto d’autunno:
viviamo, e ci guardiamo l’un l’altra,
tu ed io

akikaze ya
ikite aimiru
nare to ware

———————————————————————-

colat sa locomotiva
in su fum”e bentu Maimoni
de follas noeddas

passa la locomotiva:
nel fumo di turbine
di giovani foglie

kisha sugite
kemuri uzumaku
wakaba kana

———————————————————————-

Kobayashi Issa

unu fil”e fumu
pintat imoi
su primu celu de s’annu

un filo di fumo
disegna adesso
il primo cielo dell’anno

hatsuzora wo
ima koshiraeru
kemuri kana

———————————————————————-

luna e froris:
corantanoi annus
caminaus po debadas

luna e fiori:
quarantanove anni
camminati invano

tsuki hana ya
shijukunen no
muda aruki

———————————————————————-

Matsuo Basho

citius!
scarràfia sa pedra
sa boxi de is angesas

silenzio:
graffia la pietra
la voce delle cicale

shizukasa ya
iwa ni shimiiru
semi no koe

———————————————————————-

Kobayashi Issa

“Sa domu nosta”:
giai in custus fueddus,
friscura

“La nostra casa”:
già in queste parole,
freschezza

waga yado to
iu bakari de mo
suzushisa yo

———————————————————————-

basca:
in is ogus mius, ancora tremi tremi
una cara chi arriit

calura:
nei miei occhi trema ancora
un viso che ride

kagero ya
me ni tsukimatou
waraigao

———————————————————————-

pentzamentus de nexi:
in su meigama miu
su cantu de is messàjus

senso di colpa:
nel mio sonno pomeridiano
il canto dei piantatori di riso

motaina ya
hirune shite kiku
taue-uta

———————————————————————-

sa barraca de unu pedidori:
a pitzus si ndi pesat un acuiloni
spantu de bellesa

la baracca di un mendicante:
sopra si alza un aquilone
bellissimo

utsukushiki
tako agarikeri
kojiki goya

———————————————————————-

celexia de su mengianu
in is campaneddas bèndias
de un òmini grezu

rugiada del mattino
sulle campanule vendute
da un uomo rozzo

asatsuyo no
asagao uruya
araotoko

——————————————————————————————————————————

Haiku, diVersi, Corriere della Sera, Raccolta di poesie tratte da Haiku, Il fiore della poesia giapponese da Bashô all’Ottocento.

Traduzione in italiano di Elena Dal Pra.

Imàgini pigada de https://www.greenme.it/vivere/mente-emozioni/haiku-poesie-giapponesi/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: