Sa bia de Maistu Giuanni [Desolation Row – Bob Dylan]

Su saloni de bellesa in bixinau
est prenu de marineris
domanda a calincunu it’ora est
t’at arrespundi: “no dd’apu scìpiu mai”

Is cartolinas de sa furca
Funt bende-ndi-ddas a centu francus s’una
su comissàriu tzrupu a palas ‘e sa statzioni
po unu francu ti ligit sa fortuna.

E is buginus inchietus circant(a)
calincuna cosa trota
deu e mulleri mia si nd’andaus
in sa ‘ia de Maistu Giuanni.

Cinixedda est meda cumpria
Dònni’ ‘orta chi arrit ti alluit
Assimbillat a una i-sposa
mancai cun su pann’ ‘e ananti

Arribat Romeo avolotau
e ddi tzèrriat: “ses s’amori miu”
calincunu ddi na’ de si nd’andai
e de no nci torrai prus.

S’ùnicu sonu chi s’intendit
candu s’ambulantza si ndi andat
est Cinixedda mundendi sa ruga
in sa ‘ia de Maistu Giuanni

S’obrescidroxu est bocendi sa luna
e is isteddas si funt cuadas
Sa sennora chi ligit sa fortuna
si nd’est fuja impari a su barrista

Foras de Abeli e Cainu
totus cantus funt andaus a fastigiai
abetendi chi ‘engat s’àcu’ ‘e celu
po sciacuai su prexu e su dolori

E su bonu Samaritanu
est preparendi sa piedadi
si nd’at a andai a su Cronnovali
in sa ‘ia de Maistu Giuanni.

Is tres-g-Urreis funt disisperaus
Gesù Bambinu est imbeciau
e Mister Hide prangit spantau
biendi Jeckil in su sprigu.

Ofèlia a pal’ ‘e una fentana
nisciunu dd’at mai nau chi est bella
teni’ scéti bintiduus annus
est giai una bagadia manna.

At a morri in mes’ ‘e is arrosas
furriendi-sì in oru si nd’at andai
po imoi passillat a giru
in sa ‘ia de Maistu Giuanni

Einstein bistiu de imbriagoni
at cuau is paperis in su baullu
est passau innoi un’ora fait
andendi a s’ùrtima Thule.

Pariat meda bregungiosu
candu m’at domandau de si frimai
luegu at inghitzau a pipai
e a recitai s’ABC.

Bie-ndi-ddu tui no dd’iast a nai
fiat famau calincun’ annu fai,
sonendi su violinu elètricu
in sa ‘ia de Maistu Giuanni

Apariciant(a) po sa festa manna
a calincunu est pighe-ndi-ddi su sidi
su pantasma de s’òbera
s’est postu is bistiris de predi

Est rabufe-ndi Casanova
castighe-ndi-ddu po no fai sciollòriu
ddu bocit chistione-ndi de amori
a pustis d’avelenat de piedadi.

E candu su pantasma tzèrriat
tres piciocas si spollant(a) de giai
Casanova nci dd’ant a bogai
de sa ‘ia de Maistŏ Giuannė

E bravu Netunu, machillotu
su Titanic est afunde-ndi in su scuriu
is scialupas funt totu prenas
su capitanu tzèrriat: “ci ndi capint ancora”.

Ezra Pund e Thomas Eliot,
si pigant a crop’ ‘e buciconis
is sonadoris de Calipsu arrint(ė) de issus
Su celu est atesie-ndi-si-nci.

Incaraus a is fentanas a mari,
totus piscant(a) mimosas i arrosas
nisciunu est pensamentosu
de sa ‘ia de Maistu Giuanni.

Fac’or’ ‘e mesu-noti is buginus
faint su sòlitu traballu;
ponint is ferrus in is brutzus
a is chi ndi scint, prus de insoru.

Is presoneris ‘enint tragaus
a pitzu de su corr’ ‘e sa furca.
Su caporali Adolfu ddus at avisaus
ant(a) passai po sa tziminera.

E su bentu sula forti
nisciunu at a arrennesci mai
a ragirai sa sorti sua
in sa ‘ia de Maistu Giuanni.

Sa lìtera dd’apu arricia ariseru’
mi contas, totu si chi fais
ma no siast(a) brullana
no mi domandis(i): “cumenti stais”.

Custa genti chi mi ses nendi
est genti cument’ a nos’ e totu
no mi pari’ chi siant(a) mostrus
no mi pari’ chi siant(a) erois.

e no mi torris a mandai scedas tuas
nisciunu t’at a arrespundi mai
chi sighis a imbiai is lìteras tuas
de sa bia de Maistu Giuanni.

 

Desolation Row (originale)

They’re selling postcards of the hanging, they’re painting the passports brown
The beauty parlor is filled with sailors, the circus is in town
Here comes the blind commissioner, they’ve got him in a trance
One hand is tied to the tight-rope walker, the other is in his pants
And the riot squad they’re restless, they need somewhere to go
As Lady and I look out tonight, from Desolation Row
Cinderella, she seems so easy, “It takes one to know one, ” she smiles
And puts her hands in her back pockets Bette Davis style
And in comes Romeo, he’s moaning. “You Belong to Me I Believe”
And someone says, “You’re in the wrong place, my friend, you’d better leave”
And the only sound that’s left after the ambulances go
Is Cinderella sweeping up on Desolation Row
Now the moon is almost hidden, the stars are beginning to hide
The fortune telling lady has even taken all her things inside
All except for Cain and Abel and the hunchback of Notre Dame
Everybody is making love or else expecting rain
And the Good Samaritan, he’s dressing, he’s getting ready for the show
He’s going to the carnival tonight on Desolation Row
Ophelia, she’s ‘neath the window for her I feel so afraid
On her twenty-second birthday she already is an old maid
To her, death is quite romantic she wears an iron vest
Her profession’s her religion, her sin is her lifelessness
And though her eyes are fixed upon Noah’s great rainbow
She spends her time peeking into Desolation Row
Einstein, disguised as Robin Hood with his memories in a trunk
Passed this way an hour ago with his friend, a jealous monk
Now he looked so immaculately frightful as he bummed a cigarette
And he when off sniffing drainpipes and reciting the alphabet
You would not think to look at him, but he was famous long ago
For playing the electric violin on Desolation Row
Dr. Filth, he keeps his world inside of a leather cup
But all his sexless patients, they’re trying to blow it up
Now his nurse, some local loser, she’s in charge of the cyanide hole
And she also keeps the cards that read, “Have Mercy on His Soul”
They all play on the penny whistles, you can hear them blow
If you lean your head out far enough from Desolation Row
Across the street they’ve nailed the curtains, they’re getting ready for the feast
The Phantom of the Opera in a perfect image of a priest
They are spoon feeding Casanova to get him to feel more assured
Then they’ll kill him with self-confidence after poisoning him with words
And the Phantom’s shouting to skinny girls, “Get outta here if you don’t know”
Casanova is just being punished for going to Desolation Row”
At midnight all the agents and the superhuman crew
Come out and round up everyone that knows more than they do
Then they bring them to the factory where the heart-attack machine
Is strapped across their shoulders and then the kerosene
Is brought down from the castles by insurance men who go
Check to see that nobody is escaping to Desolation Row
Praise be to Nero’s Neptune, the Titanic sails at dawn
Everybody’s shouting, “Which side are you on?!”
And Ezra Pound and T.S. Eliot fighting in the captain’s tower
While calypso singers laugh at them and fishermen hold flowers
Between the windows of the sea where lovely mermaids flow
And nobody has to think too much about Desolation Row
Yes, I received your letter yesterday, about the time the doorknob broke
When you asked me how I was doing, was that some kind of joke
All these people that you mention, yes, I know them, they’re quite lame
I had to rearrange their faces and give them all another name
Right now, I can’t read too good, don’t send me no more letters no
Not unless you mail them from Desolation Row

 

Via della Povertà (De Andrè – De Gregori)

Il Salone di bellezza in fondo al vicolo
È affollatissimo di marinai
Prova a chiedere a uno che ore sono
E ti risponderà “non l’ho saputo mai”
Le cartoline dell’impiccagione
Sono in vendita a cento lire l’una
Il commissario cieco dietro la stazione
Per un indizio ti legge la sfortuna
E le forze dell’ordine irrequiete
Cercano qualcosa che non va
Mentre io e la mia signora ci affacciamo stasera
Su via della Povertà
Cenerentola sembra così facile
Ogni volta che sorride ti cattura
Ricorda proprio Bette Davis
Con le mani appoggiate alla cintura
Arriva Romeo trafelato
E le grida “il mio amore sei tu”
Ma qualcuno gli dice di andar via
E di non riprovarci più
E l’unico suono che rimane
Quando l’ambulanza se ne va
È Cenerentola che spazza la strada
In via della Povertà
Mentre l’alba sta uccidendo la luna
E le stelle si son quasi nascoste
La signora che legge la fortuna
Se n’è andata in compagnia dell’oste
Ad eccezione di Abele e di Caino
Tutti quanti sono andati a far l’amore
Aspettando che venga la pioggia
Ad annacquare la gioia ed il dolore
E il Buon Samaritano
Sta affilando la sua pietà
Se ne andrà al Carnevale stasera
In via della Povertà
I tre Re Magi sono disperati
Gesù Bambino è diventato vecchio
E Mister Hyde piange sconcertato
Vedendo Jeckyll che ride nello specchio
Ofelia è dietro la finestra
Mai nessuno le ha detto che è bella
A soli ventidue anni
È già una vecchia zitella
La sua morte sarà molto romantica
Trasformandosi in oro se ne andrà
Per adesso cammina avanti e indietro
In via della Povertà
Einstein travestito da ubriacone
Ha nascosto I suoi appunti in un baule
È passato di qui un’ora fa
Diretto verso l’ultima Thule
Sembrava così timido e impaurito
Quando ha chiesto di fermarsi un po’ qui
Ma poi ha cominciato a fumare
E a recitare l’A B C
Ed a vederlo tu non lo diresti mai
Ma era famoso qualche tempo fa
Per suonare il violino elettrico
In via della Povertà
Ci si prepara per la grande festa
C’è qualcuno che comincia ad aver sete
Il fantasma dell’opera
Si è vestito in abiti da prete
Sta ingozzando a viva forza Casanova
Per punirlo della sua sensualità
Lo ucciderà parlandogli d’amore
Dopo averlo avvelenato di pietà
E mentre il fantasma grida
Tre ragazze si son spogliate già
Casanova sta per essere violentato
In via della Povertà
E bravo Nettuno mattacchione
Il Titanic sta affondando nell’aurora
Nelle scialuppe I posti letto sono tutti occupati
E il capitano grida “ce ne stanno ancora”
E Ezra Pound e Thomas Eliot
Fanno a pugni nella torre di comando
I suonatori di calipso ridono di loro
Mentre il cielo si sta allontanando
E affacciati alle loro finestre nel mare
Tutti pescano mimose e lillà
E nessuno deve più preoccuparsi
Di via della Povertà
A mezzanotte in punto I poliziotti
Fanno il loro solito lavoro
Metton le manette intorno ai polsi
A quelli che ne sanno più di loro
I prigionieri vengon trascinati
Su un calvario improvvisato lì vicino
E il caporale Adolfo li ha avvisati
Che passeranno tutti dal camino
E il vento ride forte
E nessuno riuscirà a ingannare il suo destino
In via della Povertà
La tua lettera l’ho avuta proprio ieri
Mi racconti tutto quel che fai
Ma non essere ridicola
Non chiedermi “come stai”
Questa gente di cui mi vai parlando
È gente come tutti noi
Non mi sembra che siano mostri
Non mi sembra che siano eroi
E non mandarmi ancora tue notizie
Nessuno ti risponderà
Se insisti a spedirmi le tue lettere
Da via della Povertà

Copertina pigada de https://www.etsy.com/it/listing/212268051/bob-dylan-ritratto-di-un-giovane-poeta

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: