Catza manna, poesia di Zizi

https://www.youtube.com/watch?v=fQ5kBLx89uU   Avrèschidu el da ora e pare sera (Albeggiato ha da tempo, e pare sera) sos èlighes e chelcos in su monte, (le elci e le querce nel monte) che umbras pigant subra s'orizonte (come ombre prendono sopra l'orizzonte) dae sos truncos in sos(?) zigantes, (dai tronchi nei giganti ...) mentras sas nues nieddas... Continue Reading →

Advertisements

La modestia e la superbia del grano

S'ispiga ch'est piena est ingranida (La spiga che è piena di grano) s'inchinat e abasciat tot'umile (si inchina e abbassa umilmente) sa boida, ca est vana, istat fichida, (la vuota, perché è vana e diritta) s'insuperbit fozosa e signorile: (si insuperbisce fogliosa e signorile) umil'est cudda ed est apretziada, (umile e apprezzata è quella ) superb'est... Continue Reading →

Sa scomuniga de Predi Antiogu

La scomunica del Prete Antiogu, è una poesia-commedia in rima, di un anonimo dell''800. La storia, studiata anche dal linguista tedesco Wagner, narra di un prete a cui hanno rubato le capre e, dal pulpito della chiesa, lancia strali al pubblico. Il carattere burbero del prete ce lo fa immaginare un tipo simile a don... Continue Reading →

Mànigas de oru

Poesia di Giulio Solinas, poeta contemporaneo, di Quartucciu e Quartu S.Elena. A tui modernu paisaneddu, a sa vida appenas affacciau, ‘ollu contai su chi a piccioccheddu de’s bisaius nostus fiat costumau. Pensendu a cantu t’itregai, in carri currit unu striori prexosu chi m’inci torrat a su tempus biviu diciosu. E aicci m’agat in bias connotas... Continue Reading →

It’ est sa vita

Sa vida est s' amore lontanu, (La vita è l'amore lontano) una cosa bramada e non godida (una cosa bramata e non goduta) tott'in cue est sa vida. (totta qui è la vita) Issa passat currinde onzi die: (Lei passa correndo ogni giorno) mentras ses cun issa discuntentu (mentre sei di lei scontento) si nd' andat... Continue Reading →

Potenzia Cappai, quella che taglia e non cuce mai

Un giorno qualsiasi dell'800, due poeti improvvisatori, Antiogu Bray e Chicheddu Salis incontrarono una donna alla fontana del paese di Lunamatrona, a cui chiesero: “Nara, femina bona: custa e’ Lunamatrona?” "Nara femina giusta: Lunamatrona è custa?" (“Dimmi, giovane buona: questa è Lunamatrona?”, dimmi donna giusta, Lunamatrona è questa?). Lei, pronta alla rima, rispose: Poita mi domandais... Continue Reading →

Il più piccolo editore del mondo: Tziu Antoni Cuccu

Quando la passione per i libri e per la cultura, va oltre il semplice tornaconto momentaneo. Tziu Antoni Cuccu, umilmente, entra di diritto tra i grandi che hanno "creato" letteratura sarda, salvando dall'oblio centinaia o forse migliaia di poesie estemporanee. Si recava presso le (migliori) gare poetiche estemporanee sarde delle feste paesane, trascriveva i testi, pubblicava i libretti e poi... Continue Reading →

Sa limba mea

Cann’in iscola galu minoreddu (quando a scuola ero piccolino) In sardu progaia a faeddare (In sardo solevo parlare) Su mastru meu pro mi mezorare (il mio maestro  per migliorarmi) A corfos mi piccavat de bacheddu (a colpi mi picchiava con la bacchetta) De ainu mi davat su capeddu (mi dava il cappello d'asino) E mi fachiat s’iscola... Continue Reading →

La poesia contro l’attacco a Cagliari dei rivoluzionari francesi (1793)

La poesia "Sa religione contra sa libertade e s'iguaglianza" fu attribuita al prete-poeta Luca Cubeddu (ma qualcuno la attribuì al poeta prete Pietro Pisursi) un poemetto, andato perduto, fatto di 97 stanze, scritte per il respinto tentativo di invasione dei francesi rivoluzionari del 1792-1793. Alcune tracce vengono citate dal canonico Spano. Eccone alcune: Stanza 83, sulla caducità... Continue Reading →

La poesia ironica e canzonatoria di Pisurzi

Pietro Pisurzi fu un prete, nato (povero) nel nord Sardegna nel 1724. I piemontesi vennero nel 1720, la società sarda era ancora intrisa di cultura spagnola. Ecco alcuni "racconti-mutetus", che sono vere e proprie storielle di paese in cui ci si rispondeva in rima, quotidianamente per sbeffeggiarci o per risolvere delle questioni. Il prete-poeta Pisurzi un giorno vede... Continue Reading →

Fikide, est arveskendhe

Si puru eo sie athesu (Se anche io sono lontano) in d'una isthranza altura (in una straniera altura) su entu de Gallura (il vento di Gallura) mi attidi sa oghe tua  (mi porta la voce tua) E bos bio a unu a unu (e vi vedo ad uno ad uno) bessire dae mattones (uscire dai... Continue Reading →

Eleonora d’Arborea nelle leggende popolari

Gabriella Da Re analizza la leggenda di Eleonora secondo P. Lutzu, studioso di tradizioni popolari di San Vero Milis, che nell'ottocento aveva raccolto le leggende e fa delle interviste sul campo alla ricerca del mito di Eleonora. Sa sarda Eleonora d'Arborea (La sarda Eleonora d'Arborea) fi fizza de su prode Marianu (era figlia del prode Mariano) generada... Continue Reading →

Forzis Re Ospitone

Forzis   Rè   Ospitone   est   gal' ishidu (Forse Re Ospitone è sveglio) a   dromi   pahu    unu    guvernadore. (dorme poco un governatore) Passiza     un    Basili     su     Dottore  (passeggia Basilio il Dottore) sa  notte  in  mancosu e perdu didu  Animas   l' han'... Continue Reading →

La passerella dei padroni

LA PASSERELLA L'isola fu, nel Mediterraneo, la passerella dei conquistatori: ogni ribaldo che venne da fuori ottenne almeno un feudo temporaneo. Oggi, ancora, se un invadente estraneo aspira a conquistarsi nuovi allori, verrà scelto dai nostri reggitori innanzi a ogni aspirante conterraneo. Vige il mito dell'ospitalità col motto: " il miglior letto al forestiero! Per... Continue Reading →

Tiu Bustianu Sale (poesia di Montanaru)

Un giovane ragazzo va sui monti per cercare Tiu Bustianu, un vecchio ancora temuto per le sue gesta giovanili. Il vecchio racconta che orfano, da bambino iniziò a fare il porcaro, senza abiti e quasi senza pane. Da ragazzo costituì il suo allevamento, "rubando", ma gli è testimone Dio, non è un ladro. Una volta in... Continue Reading →

La sedia del Paraninfo

Ovvero Sa cadira 'e su Paralimpu Sa cadira de su paralimpu era una sedia sgangherata che veniva offerta al paraninfo per rifiutare la richiesta di matrimonio da parte di una persona, di cui il paraninfo era solo l'ambasciatore. Le cause principali del rifiuto erano, il parere negativo della figlia, oppure lo status sociale "inferiore"  oppure la poca... Continue Reading →

Ninnananne, atitidus, poesie e banditi sardi

Tre testi che parlano di banditi in diverse situazioni: una ninnananna, una poesia, un attittidu (pianto di morte). Ninnananna Fizzu e su coro meu benedittu,  (Figlio del mio cuore benedetto,) canno ser mannu diventes banditu (quando sarai grande ti auguro di diventare bandito.) T’azudet sa Mamma Soberana, (Ti aiuti la Madonna) a diventare capu 'e... Continue Reading →

Bittiredda: la poetessa che metteva in riga gli uomini

Bittiredda (Maria Itria Melis) era una poetessa estemporanea di Selargius o di Lunamatrona, del 1700, che gareggiava alle feste con i colleghi maschi, con ottave in stile campidanese, ritagliandosi uno spazio tra gli "eroi" de is cantadoris mannus (i grandi poeti). Erroneamente si crede che sia nata a Lunamatrona, confusa forse con Potenzia Cappai di Lunamatrona, entrambi... Continue Reading →

Horoène: l’ultimo guerriero nuragico

“Qua bínquidu l’hat Horoène a Malqueo / Re guerrieri de sos Cartaguenesos / A dae pustis de unos degue annos / Guerrendhe contra de sos Affricanos […]” “(Perché Oroène ha vinto Malco / Re guerriero dei Cartaginesi / Dopo circa dieci anni / Guerreggiando contro gli Africani […])” OROÈNE (o HOROÈNE), secondo un’antica leggenda popolare... Continue Reading →

Blog at WordPress.com.

Up ↑