Peppino Marotto, il poeta- sindacalista di Orgosolo che sconfisse l’esercito italiano

Peppino Marotto fu un pastore, sindacalista e poeta di canto a tenore, fondatore dei tenores di Orgosolo, suo paese natale.

Improvvisa la poesia e l’unica musica che lo accompagna è dato dalle voci corali (basciu e contra).

Fu per un breve periodo bandito e latitante (anche se lui negherà sempre le accuse) e morì assassinato con 6 colpi di pistola nel 2007, ormai vecchio, per motivi non ancora noti.

La poesia fu anch’essa un’arma al servizio della lotta sindacale, e anti militarista.
Ad esempio “Sa lota de Pratobello“.
Nel 1969, il governo italiano decise unilateralmente di insediare una base militare nei campi di Pratobello, dove i pastori pascolavano le pecore.

La reazione pacifica fu immediata, donne, bambini, vecchi, preti, sacrestani, pastori, studenti, ragazze, tutti insieme presidiarono il terreno a tutte le ore, per non lasciare entrare i militari.

I militari, erroneamente informati sulle sicure sparatorie a cui sarebbero andati incontro, si stupirono di trovare una popolazione pacifica e dialogante, ma ferma negli obiettivi.

I partiti furono scavalcati nelle decisioni, che venivano prese dalle assemblee spontanee dei cittadini, indifferenti a chi faceva loro notare che una popolazione di 2000 persone (con donne, bambini) contro l’esercito italiano avrebbe perso sicuramente.

Invece vinsero la battaglia e l’esercito non installò le basi.

Fu il sessantotto (nel senso di protesta) sardo e Peppino Marotto fu uno dei capi della rivolta pacifica.

pratobello_2

SA LOTA DE PRATOBELLO (LA LOTTA DI PRATOBELLO)

Candu a binti de maju sun torrados (quando il venti di Maggio sono tornati)
sos pastores in su sessantanoe (i pastori nel sessantanove)
tristos, né untos tepenados. (tristi, né unti …)
Su vinti ‘e sant’Andria proe proe (Il venti del piovoso Novembre  )
fini partidos cun sa roba anzande (sono partiti con gli animali partorienti)
dae sa montagna, passende in Locòe; (dalla montagna, passando il Locòe)
[…]
Ma in lampadas devene isgomberare (Ma a Giugno devono sgombrare)
totu canta sa montagna orgolesa (tutta la montagna orgolesa)
pro faghere una base militare. (per fare una base militare)
L’ordinat su ministru ‘e sa difesa (L’ordina il ministro della difesa)
cun manifestos mannos istampados, (con manifesti grandi stampati)
postos in sos zilleris a sorpresa. (messi nei bar a sorpresa)
che bandu de bandidos tallonados. (come il bando dei banditi tallonati)
E sos pastores cand’an bidu gài, (e i pastori, quando hanno visto questo)
cos cuiles in su bandu elencados: (con le località elencate nel bando)
Su Pradu, S’Ena, Olìni e Olài, (Su Pradu, S’Ena, Olìni e Olài,)
Costa de Turre cun Su Solianu, (Costa de Turre cun Su Solianu,)
Lopàna, Otùlu, Uniàru e Fumài; (Lopàna, Otùlu, Uniàru e Fumài;)
bell’e totu su pasculu montanu (tutto il pascolo montano)
isgombru de animales e de zente (sgombro di animali e di gente)
cheret su ministeru italianu, (vuole il ministero italiano)
espostu a su bersagliu su padente (esposto a bersaglio il bosco)
de bombas e mitraglias e cannones; (di bombe, mitraglie e cannoni)
danu su bandu: pro motivu urgente (danno il bando: per motivi urgenti)
si riuniat sa popolazione (si riunisce la popolazione)
de ambos sessos, mannos e minores (di entrambi i sessi, grandi e minori)
benzan totus a sa riunione. (vangano tutti alla riunione)
S’improvisana tantos oratores (S’improvvisano tanti oratori)
e decidene de lotare unidos (e decidono di lottare uniti)
istudentes, braciantes e pastores; (studenti, braccianti e pastori)
d’acordu sindacados e partidos (d’accordo con sindacati e partiti)
proclamana catolicos, marxistas: (si proclamano i cattolici e i marxisti)
sos bandidores sìana bandidos. (i banditori siano banditi)
Serran butega artigianos, baristas, (Chiudono bottega artigiani e baristi)
e partin totus minores e mannos, (e partono tutti grandi e minori)
pro che cazare sos militares; (per cacciare i militari)
pitzineddos e bezos de chent’annos (piccolini e vecchi di cent’anni)
e zovaneddas de sa prima essida (e giovanette alla loro prima uscita)
an indossadu sos rusticos pannos; (indossano i panni rustici)
totu sa idda in campagna est partida (tutto il paese in campagna è partito )
in camiu e in machina minore. (in camion e con macchine piccole)
Sa lota durat piùs de una chida; (La lotta dura più di una settimana)
a Pratobello finas su retore (a Pratobello anche il prete)
ch’est arrivadu cun su sagrestanu (è arrivato con il sacrestano)
pro difender su pradu e i su pastore… (per difendere il prato e il pastore)
[…]

Sos poliziotos cun mitras in manu (I poliziotti con il mitra in mano)
chircaian sa lota de firmare, (cercano di fermare la lotta)
ma mutìan e currìan invanu, (ma parlavano e correvano invano)
ca dde s’assemblea populare (che dell’assemblea popolare)
ch’in bidda si faghiat frequente (che in paese si faceva frequentemente)
sa zente fit decisa a non mollare (la gente era decisa a non mollare)
e de lotare in modu intelligente (e di lottare in modo intelligente)
totu canta sa popolatzione (tutta la popolazione)
contra cussu invasore prepotente. (contro quegli invasori prepotenti)

[…]
E una lota de populu gai, (E una lotta di popolo così)
naraìan sos betzos pilicanos, (dicevano i vecchi canuti)
chi in vida insoro non l’an bida mai. (in vita loro non l’avevano mai vista)
Totu sos progresistas isolanos (Tutti i progressisti isolani)
solidades, cun tanta simpatia (solidali e con tanta simpatia)
a Orgosolo tochèddana sas manos (a Orgosolo “toccavano la mano”)
e naran: custa si ch’est balentìa (e dicevano: questa si, che è vera balentìa*) *persone di valore

Il concetto di balentìa in Sardegna riguarda il valore di una persona, il coraggio, il rispetto della parola data.
Storicamente include anche il furto e la bardana, cioè l’abigeato, la vendetta che segue agli affronti subiti e il farsi giustizia da soli, senza scomodare la giustizia ufficiale.

Qualcuno ritiene che balentìa sia anche quella di sparare i cartelli stradali e le lampadine.
Ma non Marotto, che bolla questi atti come meschini, per cui l’unica balentìa è quella dello studio e del lavoro.

SA BALENTÌA

Sa zoventude ‘e como est una mina (La gioventù di oggi è una mina)
vagante, in d’un’istadu de anarchia, (vagante, in uno stato di anarchia)
e zertos nana ca est balentìa (e certi dicono che è balentìa)
cando l’isparana una lampadina, (quando sparano ad una lampadina,)

che-i s’iscoberta de sa meighina (come la scoperta della medicina)
pro sanare sa peus maladia, (per sanare la peggior malattia)
ma segundu s’opinione mia (ma secondo l’opinione mia)
est azione misera e mischina. (è una azione misera e meschina)

Sa balentìa est a istudiare (La balentìa è quella di studiare)
cantas pius cosas si poden ischire (quante più cose si possono sapere)
cantu pius menzus si podet istare, (quanto meglio si può stare)
sa balentìa est a costruire (la balentìa è invece costruire)
cosas e domos bellas pro abitare, (cose e case belle da abitare)
pro istare bene e pro si divertire. (per stare bene e per divertirsi)

 

Infine una poesia dedicata allo scrittore Sergio Atzeni, morto tragicamente nelle acque di Carloforte, nel pieno della sua fase creativa.

IN AMMENTU DE SERGIO ATZENI (IN RICORDO DI SERGIO ATZENI)

De abba frisca – in sa terra sidida (Di acqua fresca – nella terra assetata)
de sa Sardigna, fist una sorgente; (della Sardegna, era una sorgente)
t’apo connotu semper sorridente (ti ho conosciuto sempre sorridente)
che pianta in beranu fiorida, (come una pianta fiorita in primavera)
pienu de isperantzia in sa vida (pieno di speranza nella vita)
e de tantas premuras pro sa zente; (e di tante premure per la gente)
dedicare ti cherzo custu cantu (ti voglio dedicare questo canto)
cun d’una rima sarda ‘e rimpiantu (con una rima sarda di rimpianto)

[…]

17_158_20080515124238
Peppino Marotto

Tratto da Peppino Marotto – Su Pianeta ‘e su Supramonte, cantadas in sardu, edizioni Condaghes.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...