Superstizioni e riti contro s’ogu pigau: su spudu

"Tra le superstizioni dei Sardi - scrive Domenech - ve ne sono anche assai buffe. Quello di sputare contro gli oggetti di cattivo augurio è di una ingenuità sorprendente e vecchia quanto il mondo. Ecco su questa usanza alcuni particolari puerili ma curiosi. Allorché un fanciullo stride coi denti, stravolge gli occhi, si rotola in... Continue Reading →

Annunci

La favola di Rosa Tracca [di Salvatore Cambosu]

Furat chie furat in domo, peius chie benit de mare. Al tempo che i nostri antichi amavano le pietre, gli alberi e le fonti al punto che li adoravano, comandavano le donne: e le cose andavano meglio di adesso. Da quando il bastone del comando è passato agli uomini, sono cominciati anche i guai nel... Continue Reading →

Lingua e letteratura sarda [di Bottiglioni]

La letteratura è anche quella orale? Oppure è solo quella scritta su carta? Bob Dylan ha vinto un premio Nobel per la letteratura, scrivendo canzoni, in cui la poesia si fonde con il suono delle chitarre e dell'armonica. I poeti che improvvisano su Facebook piuttosto che su un supporto informatico, quale ad esempio un sito... Continue Reading →

Mantinicas amasedadas.

Come un "Padre-Padrone" che uccide la "Lìngua-Madre". Violentata e umiliata. Tancada in d-un apostentu sceti po cultoris abarrada, o po poetas macus e fertus. Ti nc'ant bogau amarolla de custa terra, chistionada de millant'annus Cun petiadas in is manus o cun bregùngia di essi greza e inferiori. Su Napoletanu fiat lìngua de Urreis Su Venetzianu... Continue Reading →

Su Camaleonti e su Generali [Trilussa]

S'eroi a pagamentu Un urrei bèciu narat a su Generali -Beni as fatu a arriscai sa vida po difendi s'onori natzionali T'apa donai una medàllia candu acabat sa batalla. -Gràtzias, - iat nau s'eroi - ma po cuntratu mi depis donai centu francus po ferida. E castiit beni, chi dd'apu scontau unu buciconi in-d-un ogu,... Continue Reading →

La barzelletta de su santu “unfrau” de Pauli.

Questa è una barzelletta che si tramanda a Selargius, nei confronti dei vicini Paulesus, cioè monserratini. Non c'era rivalità come con i Quartucciai, ma le cose che si dicevano nei loro confronti erano tante. Piantavano pùncias (chiodi) in terra, sperando che crescessero aciolus (grossi chiodi per travi), ed erano esagerati in tutto, anche nelle accolladas... Continue Reading →

Sushi & Butàriga?

Serrau chi dd'emu su lìburu... Scapiendi a s'apràpidu pentzamentus introghillaus Atumba atumba, imbruchinendi imbruchinendi. Abellu abellu, leri leri, a pagu a pagu. Su connotu no esistit! Esisteus nosu. Resisteus nosu. Bànnia a sa campidanesa de tomàtigas americanas Sonus de ghitarras distortas fueddendi limbas connotas Applicatzionis chi càntant boxis a contra e bò Sushi & Butàriga?... Continue Reading →

S’ùrtima balentia

S'ùrtima balentia no est a segai origas no est a sparai cartellus no est a furai angionis S'ùrtima balentia sa prus chi donat vantu e chi consola' est de si ponni a studiai cun su culu in is bancus de s'iscola   Imàgini pidaga de https://it.wikipedia.org/wiki/Libro

Bolat s’Intruxu

1000 briganti distrussero un regno lo depredaron e lo diedero in pegno Bolat s'intruxu in circa de petza frisca Sull'alzabandiera vile pendula il tricolore (sa vìrgula poneincedda bosatrus) --- In concorso al contest letterario "Santander ci salverà", Autori in evoluzione Imàgini de s'intruxu (grifone) de Tonpiga, pigada de https://www.flickr.com/photos/tonpiga/21214639349

La lingua italiana sardizzata di Cambosu e Masala

Francesco Masala, a proposito degli scrittori sardi in lingua italiana: "Cambosu fu il nostro maestro sul piano stilistico, perché Cambosu ci insegnò un fatto estremamente importante. Pur essendo degli scrittori sardi, noi siamo stati costretti a scrivere nella lingua del vincitore, cioè la lingua italiana. Però Cambosu ci insegnò una cosa, ad introdurre dentro il... Continue Reading →

Faustino Onnis, poeta lìeru e chen”e meri

Quando prendo l'aereo Cagliari-Milano mi spantu sèmpiri de biri su Campidanu giallo e incolto. Una delle terre più fertili del Mediterraneo. Arrivo nell'industriosa Lombardia, e trovo tutti i campi verdi coltivati e organizzati. Eppure loro hanno industria e servizi tali da fargli mollare l'agroindustria. Possono permetterselo. Noi no! Faustino Onnis, ci ricorda come era il... Continue Reading →

Unu soddu antigu (de Remundu Piras).

Remundu Piras cun custa poesia-storia s'at fatu biri sa politica bia de unu pastore campagnolu. In-d-una die 'e caldu luìnu (In una giornata calda e afosa) de Senestri in s'antiga funtanedda (Da Senestri nell'antica fontanella) a tivìa modde e bufende a boìnu (con la bocca nell'acqua, alla maniera del bue) in su fundu ludosu 'e sa... Continue Reading →

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑