Chi era su Buginu, dimòniu, boia o ministro savoiardo?

Ancu ti currat su Buginu” («Possa tu essere inseguito dal Bogino»)  o “ancu ti pighit su Buginu“,
dicevamo fino a poco tempo fa, per malaugurare qualcosa di negativo ad una persona.

  • Da bambino sapevamo che su buginu era il diavolo o il boia.
  • Poi apprendemmo che in realtà era il ministro per gli affari sardi, un piemontese savoiardo.
  • Da poco scopriamo che, forse, deriverebbe dalla parola latina bocinum, cioè la tromba con cui si usava condurre i condannati alla forca.

Prendiamo per ipotesi quest’ultima.
Era cioè, il ricordo del suono del corno per i condannati, che portava dritto al boia, alla fine del corno della forca.

Facile allora immaginare sa sprama de is nostus ajàjus, candu iant biu torrendi in terra a su Buginu, il boia/dimòniu.
Lo spavento nel rivedere tornare a su Buginu, tante volte evocato, doveva essere stata una cosa devastante, accolta inizialmente con incredulo stupore, e poi con atavica paura.

Gei mi parit de ddus intendi a is ajàjus mius.
Avrebbero detto più o meno così:

-“Nara, intèndiu dd’as a chini s’at a gubernai?”
-“No, e chini at a essi?”
-“No c’as a crei, deu puru no arrennèsciu ancora a ci crei.”
-“Eh, gei no at a essi no isciu chini.”
-“No m’as a crei ti naru!”… su gubernanti nou si tzerriat…
tropu, tropu est su spantu… si tzerriat… su Buginu.”
-“Brullendi ses? o as bufau? Imoi mi ses nendi chi su dimòniu nd’est bènniu a si gubernai?”
-“E-j-è, pentzadda cumenti ‘olis”… “su Buginu, t’apu nau,
ancu ti ndi pighit oii etotu”.
-“E bai toca, e citi-tì”.
-“Bai ca ses conca tostada. Ma ses pistulosu, chi ti dd’apu nau, ‘olit nai chi est diaici.”
-“Agitòriu, ma diaderus ses nendi?”
-“Ellus po brulla! su Buginu nd’est bènniu in terra, torrau po si ndi pigai a totu is sardus.”
-“Intza’ toca ca andaus de pressi a ddu nai a totu su bixinau, po biri ita tocat a fai”.
-“Toca ca a innantis andaus anc”e su predi, ca mancai issu dd’at a iscudi su lìburu a-i custu maladitu Buginu.”

È ovvio che se, per ipotesi, fosse stato vero il significato latino del termine “bocinum“, dalla venuta del Bogino in poi, il significato originario si deve essere perso completamente, per assumerne uno nuovo, cioè legato al nuovo boia dei tempi moderni:
su Buginu de is Savoia.

Tanto più che appena arrivato il Bogino piemontese, fece installare una forca in ogni paese, perché quella mobile impiegava troppo tempo nello spostamento tra un paese e l’altro.

Po nosus Sardus, no est stètia meda sa diferèntzia: Dimòniu, boja o Sabòja, sa matessi cosa est.
A dd’acabai a su corr”e sa furca!

Giovanni Battista Lorenzo Bogino

 

 

Immagine: La lampada del diavolo, Francisco Goya

http://www.cagliariartmagazine.it/bogino-e-larte-a-cagliari-nel-1759/

https://it.wikipedia.org/wiki/Giovanni_Battista_Lorenzo_Bogino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: