Il mistero della tomba di Eleonora di Arborea

A San Gavino Monreale, terra di confine del vecchio giudicato di Arborea con il giudicato di Cagliari, sorge la chiesetta di San Gavino Martire.

Fu fatta costruire intorno al 1347, da Mariano IV, giudice d’Arborea, e forse completata dalla leggendaria figlia, Eleonora.

Infatti lo storico Francesco Cesare Casula scoprì qui il vero volto di Eleonora d’Arborea, riconoscibile dalla cicatrice.
Altri 3 personaggi sono scolpiti: il padre Mariano IV, il marito Brancaleone Doria, e il fratello Ugone III.

Niente figure di santi quindi.
Solo figure dei familiari di Eleonora.

La chiesetta sorge vicino al castello di Monastir e non lontano dal castello di Sanluri.

Il castello di Sanluri, era collegato da un sotterraneo ad un edificio oggi in uso da suore, che Eleonora utilizzava in caso di pericoli o semplicemente solo per andare in convento a pregare.

In questo video viene mostrato il passaggio.

Secondo le leggende paesane, la chiesetta di San Gavino condurrebbe, attraverso un sottopassaggio, al castello di Monreale, a qualche chilometro vicino.

La chiesa di San Gavino, secondo le leggende tramandate dagli anziani, avrebbe una cripta segreta che oltre a contenere tantissimo oro, contiene anche la tomba di Eleonora d’Arborea.

Il riserbo delle Suore del Cenacolo Cuore Addolorato e Immacolato di Maria, che né vietano l’accesso e non permettono di verificare quanto si racconta in paese, non fa altro che aumentare il mistero e i racconti, che si sa, tendono a lievitare.

Mappa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...