Atitidus della vendetta

Gli atitidus sono poesie improvvisate dalle atitadoras, donne anziane che con il canto dovevano strappare più lacrime possibili alla gente. Ricordavano le gesta e le virtù del morto, ma qualche volta incitavano alla vendetta. Furono proibiti per questo motivo. L'AN MORTU CHENTZA NECHE (L'hanno ucciso senza colpa) Una binza e un'ortu ( Una vigna e... Continue Reading →

Annunci

Tziu Efisieddu Lecca [filastrocca sarda]

Tziu Efisieddu Lecca (Sig. Efisieddu Lecca) nc'est arrutu a mari (è caduto in mare) e no dd'ant acutu (e non hanno fatto in tempo) a ndi ddu piscai (a tirarlo fuori) beni tzia Marietedda (viene signora Marietedda) cun sa carrettedda (con la carriola) a ndi ddu portai (per portarlo) derettu a campusantu (dritto in camposanto) s'intendit su prantu (si sente il pianto) de totu... Continue Reading →

Ninnananne, atitidus, poesie e banditi sardi

Tre testi che parlano di banditi in diverse situazioni: una ninnananna, una poesia, un attittidu (pianto di morte). Ninnananna Fizzu e su coro meu benedittu,  (Figlio del mio cuore benedetto,) canno ser mannu diventes banditu (quando sarai grande ti auguro di diventare bandito.) T’azudet sa Mamma Soberana, (Ti aiuti la Madonna) a diventare capu 'e... Continue Reading →

Il ritorno di S’Erkitu

I - S'Erkitu, l'uomo-toro della Sardegna delle leggende popolari (1953, un giorno di Febbraio) L'urlo spezza il silenzio della fredda notte. Un fortissimo muggito gela il sangue della gente del villaggio di Serdaxu (Serdagiu). S'Erkitu, l'uomo-toro delle leggende sarde, condannato a trasformarsi per aver commesso un grave reato non punito, è tornato. Qualcuno morirà entro breve... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑