Cronache di Biddafraddoca 2: – Maistu Giuanni, il cavaliere della fame e il campanile del paese

... continua dal primo episodio ... Dopo aver mangiato tutte le scorte, le torte e anche le porte, a marzo, in paese, non c’era più niente da mangiare. La gente iniziò ad avere fame. “Su fàmini de s’annu doxi! Deu ci femu in su 1812”, disse Batista Nuxi, il vecchio scarrabeciau dalle ginocchia che si... Continue Reading →

Cronache di Biddafraddoca: Mussingallone, 1° re di Biddafraddoca

Mussingallone era il re del villaggio di Biddafraddoca. Mangiava pane e volpe a colazione, pranzo e cena. Era arrivato “da fuori”, via mare, con una piccola barchetta, trasandato e con la fame nera alle calcagna. Aveva chiesto ospitalità al pastore del villaggio, che si spaccava la schiena tutti i giorni per portare un po’ di... Continue Reading →

“Servi-tù” ddas ant tzerriadas

"Servi-tù" ddas ant tzerriadas nòmini beni scioberau po cumenti tratant a sa Mama bombas, aereus e sodraus De su Getsèmani nci dd'iant bogau 30 dinais no funt pagus po su polìticu rinnegau de petròlliu s'intendit su fragu "Servi-tù" ddas ant tzerriadas de sa gleba, fiant in su passau scraus, a is tempus de is ròmanus... Continue Reading →

Gli antichi Sardi nella penisola Iberica e la rivoluzione neolitica.

"Cercando Atlantide abbiamo scoperto gli Shardana" (cit.) All'inizio del '900 era assodata la sardità degli Shardana; c'erano poesie, opere liriche, canzoni, testi scientifici. Oggi emerge una storia di primo piano degli Shardana, protagonisti nel Mediterraneo. Accuse di fantarcheologia, mitopoiesi e archeo-sardismo? 7000 nuraghi, tombe dei giganti, statue di Monti Prama, pozzi sacri, prove documentali scritte,... Continue Reading →

S’ispada de Lionora

Bandat su Longobardu (Avanza il Longobardo) in mes''e su padenti (in mezzo al bosco) cun su cuaddu làngiu (con il cavallo smunto) Narat: "Prima su sardu"(dice: "Prima il sardo") ddi ponint a menti (gli prestano ascolto) e si ghetant a su stràngiu (e si concedono allo straniero) Arribat a conc'a susu (Arriva a testa alta) burricu a... Continue Reading →

La leggenda del dio Ba’al

Narait cuddu, ca su Mesuderràneu, fiat un'arruga chi de millantas e millantas annus, ponit a paris pòpulus diferentis. Amesturat musicas, cantus, lìnguas, cumèrcius, tennologias, deus. In-d-unu fueddu amesturat genti! De calincuna de is antigas paristòrias de su Mesu Orienti, de s'Egitu e de Cartagini s'agatant arrastus in is paristòrias chi si contant ancora calincunu annu... Continue Reading →

La peste del 1652 e Sant’Efisio

A sconfiggere gli Arborea, tra 1300 e 1400, non furono gli aragonesi, ma fu la peste. Mariano IV fu falciato de sa maladia niedda quando ormai solo Calaris e s'Alighera (sotto assedio marino e terrestre) erano in mano agli aragonesi. Anche Eleonora d'Arborea morì di peste. In una Sardegna fiaccata dalle guerre e dalla peste,... Continue Reading →

Debutto storico de sa Natzionali Sarda

Pòpulu chi perdit is gherras, si sculat, naraiat cuddu. Sa stòria si fait cun medas ainas. Unu pòpulu puru po si intendi pòpulu, depit tenni simbulus, banderas, obietivus e tretus de fai impari. Sa storia de unu pòpulu si fait puru cun su palloni, o cun sa bòcia. Sa rivista Focus storia, in su mesi... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑