Cronache di Biddafraddoca 3: – Tutti al mare

… continua dall’episodio precedente

Fatto il bilancio dei feriti, Jacu fu accusato di aver portato jella.

“Ah, issu est, apicaiddu a una mata”, disse Luiginu su Buginu, “si at scuminigau”.
“Awhn, berus est” continuò Fidericu su Burricu.
“Deve essere invidioso delle buone idee di Mussingallone”, decretò Maria Oppu, facendo  il segno della croce.
“Aciapeiddu a sa coa”, biascicò Batista Nuxi.

La mamma di Jacu si intromise e iniziò a fai citiri a totus, cumenti sciiat fai issa:
“Fidericu su Burricu, un ogu mannu e s’àteru piticu!”
“Luiginu su Buginu, a arrogheddus in-d-unu cadinu!”
“Maria Oppu, essi’ chitzi e torra’ a is otu!”
“Batista Nuxi, apicau in-d-una cruxi, t’agatint”.
Baxeisindi totucantus!

La determinata autorevolezza di Maria Itria fu sufficiente a far calmare gli animi.
Ognuno rientrò a casa sua.

 

Passata la festa di Santa Maria de sa Pixi Niedda, iniziò l’estate.

Il caldo torrido preannunciava un’estate afosa, la più calda degli ultimi 3.273 anni, quando, nel mes’ ‘e austu del 1.254 a.C, il sole prosciugò metà Mediterraneo per poi ributtarlo in pioggia in su mes’ ‘e ladàmini successivo.

Giuanni Pau, su messàju disse: “questa siccità distruggerà tutto il raccolto, se non piove sarà un guaio”.
Dal giorno nacque il detto “is bascas de Giuanni Pau”.

“Terra sicada, àcua disìgiat!”, sentenziò Maistu Ambrògiu, il saggio del paese dalla capacità di sintetizzare concetti lapalissiani e di renderli immortali.
La lunga barba bianca e il vestito tradizionale che portava sempre addosso, gli conferivano un’autorevolezza biblica.

Srabadori su pastori propose: “il bestiame ha sete, andiamo da Mussingallone troverà lui una soluzione per noi”.

Mussingallone parlò: “il caldo è un grande problema per questa terra, la siccità non vincerà. L’uomo non può perdere contro la natura. Nel mio vecchio regno di Fàulamanna avevamo il mare vicino e andavamo a rinfrescarci tutto il giorno.
Chi di voi ha mai visto il mare?”.
“Io no”, rispose Maria Oppu.
“Neppure io”, disse Fidericu su Burricu.
“Nessuno di noi lo ha mai visto”, confermò Batista Nuxi.

“Allora organizzeremo una gita al mare. Andrete a rinfrescarvi, e lo vedrete per la prima volta”, ordinò il sovrano.
“È pericoloso”, intervenne Maria Oppu.
“Il mare è pericoloso, è vero, ma andrete con l’assessore per gli affari dirompenti. Vi guiderà lui in vece mia” rispose Mussingallone.

Soddisfatti andarono tutti dall’assessore e partirono in 100.

Chichinu Mischinu disse: “come è fatto il mare?”
“Deu no ddu sciu”, rispose Bernadru Scova-de-forru.
“Neanche io”, ribadì Maria Oppu.
“Ddu sciu deu”, disse tziu Cheu, che sapeva sempre tutto, per questo soprannominato “Chi-no-ddu-sciit-issu-ddu-sciu-deu”.
“Est biaitu, cioè blu, e si muove come il grano con il vento”.

Camminarono per oltre 25 chilometri, finché arrivarono di fronte ad un campo di lino.
Blu era blu. E si muoveva come un campo di grano con il vento.

“Ecco il mare”, urlò Luiginu su Buginu.
“Deu timu”, chi si butta per primo?” disse Maria Oppu.
“Ci penso io”, si fece coraggio l’assessore agli affari dirompenti.

Prese la rincorsa e si tuffò di testa.

“Ohi”, si lamentò, “teniant arrexoni ca su mari est perigulosu”.
“Tocai ca si ndi torraus a bidda, tocai”, disse Srabadori su pastori.

“Abetai ca innantis de partiri si contaus, a bortas chi calincunu no si siat pèrdiu”, disse l’assessore agli affari dirompenti, ancora dolorante.

Iniziò a contare, ma non contando se stesso, arrivò a 99.
Ripeté la conta, ma neppure quella volta arrivò a 100.
Anche la terza volta arrivò a 99.

“Dev’essere l’assessore, ad essere morto, dopo che si è tuffato”, disse tziu Cheu.
“Ceee, gei est beru’. Tocai ca torraus a bidda”, disse Batista Nuxi, “gei dd’eus a fai unu bellu interru”.

Tornarono tutti tristi e a testa bassa in fila indiana.
L’ultimo della fila era l’assessore, avvilito pure lui per sua triste scomparsa.

continua

Piccolo frasario Biddafraddochese (tradotto letteralmente, in ordine di apparizione):

Ah, issu est, apicaiddu a una mata. Si at scuminigau, È stato lui, appendetelo ad un albero. Ci ha portato jella
Èja, si
Aciapeiddu a sa coa, acchiappatelo alla coda
Fai citiri a totus, cumenti sciiat fai issa, far star zitti tutti, come sapeva fare lei
Un ogu mannu e s’àteru piticu, un occhio grande e uno piccolo
A arrogheddus in-d-unu cadinu, t’agatint, tagliato a pezzi in un catino, ti ritrovino
Essit chitzi e torra’ a is otu, esce presto e torna alle otto
Apicau in-d-una cruxi, t’agatint, appeso ad una croce ti trovino
Baxeisindi totucantus, andatevene tutti quanti
Mes’ ‘e austu, mese di agosto
Mes’ ‘e ladàmini,  mese del letame (ottobre)
L’anno sardo seguiva il ciclo agricolo e iniziava a Settembre: Cabudanni, Mes’ ‘e ladàmini, donniasantu/sant’Andria, mes’ ‘e Idas /Nadali, gennàrgiu, friaxu, martzu, abrili, màju, mes”e lampadas, mes”e argiolas/triulas, austu.
Su messàju, l’agricoltore
Is bascas de Giuanni Pau, i caldi di Giovanni Pau, detto cagliaritano
Terra sicada, àcua disìgiat, terra asciutta, desiderosa d’acqua
Est arribendi Maistu Ambrògiu, sta arrivando Mastro Ambrogio, detto cagliaritano. Quando i bambini non riuscivano a tenere gli occhi aperti dal sonno, si diceva “est arribendi Maistu Ambrògiu”.
Deu no ddu sciu, io non lo so
Ddu sciu deu, lo so io
Chi-no-ddu-sciit-issu-ddu-sciu-deu, se non lo sa lui, lo so io
Est biaitu, è blu
Deu timu, io ho paura
Teniant arrexoni ca su mari est perigulosu, avevano ragione a dire che il mare era pericoloso
Tocai ca si ndi torraus a bidda, tocai, Torniamo a casa, forza
Abeta ca innantis de partiri si contaus, a bortas chi calincunu no si siat pèrdiu, aspetta, prima di partire ci contiamo, per scoprire se qualcuno si e perso
Dev’essere l’assessore, ad essere morto, dopo che si è tuffato, ha la forma grammaticale sarda, “depit essi s’assessori chi s’est mortu, agoa di essi acabussau”
Ceee, gei est beru. Tocai ca torraus a bidda, È vero. Torniamo a casa, forza
Gei dd’eus a fai unu bellu interru, gli faremo un bel funerale

Episodi:

Cronache di Biddafraddoca: Mussingallone, 1° re di Biddafraddoca
Cronache di Biddafraddoca 2: Maistu Giuanni, il cavaliere della fame e il campanile del paese
Cronache di Biddafraddoca 3: Tutti al mare
Cronache di Biddafraddoca 4: Il funerale dell’assessore
Cronache di Biddafraddoca 5: Santu Sadurru in fund”e su putzu
Cronache di Biddafraddoca 6: Centus cropus de bastoni
Cronache di Biddafraddoca 7 : La finanza, la benzina e i figli di troika
Cronache di Biddafraddoca 8: Attacco a Bidda-gei-est-a-froris
Cronache di Biddafraddoca 9: Scherzi da prete
Cronache di Biddafraddoca 10: Sa not’ ‘e Cena, la vigilia di Natale
Cronache di Biddafraddoca 11: Mulleri mia… e una!
Cronache di Biddafraddoca 12: No spoiler XXXX
Cronache di Biddafraddoca 13: No spoiler XXXX

Immagine

Ogni riferimento a fatti, nomi, persone o cose è puramente casuale.

© vietata la riproduzione

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: