Dd’ant “biu” cantendi: Horoène cambia pelle

L’hanno visto cantando!

Il poeta sardo Pietro Mura scrisse la poesia “L’hana mortu cantende” (L’hanno ucciso cantando”) con cui vinse il primo premio al concorso “Città di Ozieri”.

“Biu” significa “visto” ma anche “vivo”.

Questa premessa per dire che a brevissimo Horoène rinascerà e si trasformerà in una band musicale.
Uscirà con il primo cd (ma il secondo è già in preparazione e sarà quasi tutto in sardo) composto da 12 canzoni.
12 storias, paristorias e contus sardi, in 3 lingue (sardo, italiano, inglese) suonate in blues del delta del campidano 😉
Ovviamente la musica sarda la farà da padrona di casa.

Su questo blog continueremo comunque a scrivere “appunti e pensieri in libertà, alla ricerca dell’identità”.

Quindi chiudiamo questo post con la poesia di Pietro Mura e con il video di Piero Marras

Stay tunes 😉

Dd’ant biu cantendi!

Su poeta sardu Pietro Mura iat scritu sa poesia “L’hana mortu cantende” bincendi su primu premiu de su concorsu “Cittadi de Othieri”.

“Biu” bolit nai “visto” e puru “vivo” in italianu.

Totu custu po si nai chi fra pagu Horoène at a torrai a nasci, trasforme-ndi-sì in-d-una truma musicali.
At a bessiri cun su primu cd (su segundu est giai in preparatzioni e at a essi casi totu in sardu) cumpostu de 12 cantzonis.
12 storias, paristorias e contus sardus, in 3 linguuas (sardu, italianu, inglesu) sonadas in blues de su delta de su Campidanu 😉
Mancu a ddu nai, sa musica sarda dd’at a fai de padrona de domu.

In custu blog eus a sighiri a scriiri “appunti e pensieri in libertà, alla ricerca dell’identità”.

Aturais atentus 😉

Insandus serraus cun custu articulu de sa poesia de Pedru Mura e cun su video de Piero Marras.

Chin sa cantone in bucca. (col canto sulle labbra.)
E mil’han accattau (E me l’hanno trovato)
In s’andala predosa ocros a chelu (nel sentiero di pietra, occhi al cielo)
Chin su fror’e sa morte (con il fiore della morte)
Ispart’in fronte. (in fronte spalancato.)
Fit solu chin su frittu (E rimasto solo col freddo)
E chin sa malasorte; (e con la malasorte,)
Chin su bentu mossendeli sos pilos (col vento che gli mordeva i capelli)
E in artu sa luna, pompiande. (e in alto, testimone, la luna.)
Non l’hat cubau nemmancu su dolu. (I suoi assassini in fuga,)
Sos mortores fughios (come ombra maligna,)
Che umbra mala, (Come cattive ombre,)
Los hat bidos su ribu. (li ha visti il fiume.)
E sos seros de luna (E nelle sere di luna)
Cando dormin sas predas (quando le pietre dormono)
Si sedet a contare in segretesa (si siede a raccontare in gran segreto)
A isteddos e nues (a stelle e nuvole)
Comente l’hana mortu. (come l’hanno ucciso.)
Est ruttu chen’ischire d’haer viviu; (E’ caduto senza sapere d’aver vissuto,)
Chen’ischire de morrere; (senza sapere di morire.)
L’hana mortu cantande (Cantava, e l’hanno ucciso)
Chin sa cantone in bucca. (col canto sulle labbra.)

 

 

 

Fonte

Copertina

Annunci

One thought on “Dd’ant “biu” cantendi: Horoène cambia pelle

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: