Che fine ha fatto la (sottovalutata) commedia sarda?

La commedia popolare sarda, un tempo di moda tra il popolo (perlopiù in Campidano), al pari delle altre arti culturali sarde, si trova in un periodo di declino, se non proprio di crisi terminale.

Sottovalutata, per il basso valore letterario, prima di tutto dagli intellettuali, è finita nel dimenticatoio.

Se n’era occupato invece Francesco Masala nel suo libro, Storia del teatro sardo (Alfa editrice), anche se ha dedicato pochissimo spazio a quest’arte, che in quanto popolare, andrebbe rivalutata da un punto di vista politico e sociale, come la poesia de is cantadoris e come il canto e il ballo sardo.

Masala, giustamente, dedica ampio spazio alla rappresentazione teatrale “nuragica” del carnevale barbaricino e alle successive rappresentazioni religiose, ma dedica poche pagine alla commedia sarda.

La commedia sarda, soprattutto per merito del commediografo Antonio Garau, ha avuto il merito di rendere evidente e consapevole, quello che stava succedendo a livello linguistico-politico in Sardegna.
Racconta con molta autoironia, evidentemente unica arma di difesa nei confronti di una Sardegna che cambia e si trasforma, sotto i colpi della modernità e della sostituzione linguistica italiana.

La commedia, gioca principalmente sulle storpiature de s’italianu porcheddinu; sono i figli che leggono e interpretano le lettere dal fronte per i genitori analfabeti.

I doppi sensi e le male interpretazioni si sprecano, generando equivoci e situazioni surreali.

Il nonno non insegna più al nipote, ma si rivolge a lui per stare al passo con i tempi moderni.

Consapevolezza storica, assente invece nella classe dirigente e intellettuale di allora e di oggi, preoccupata solo di mostrare fedeltà verso i politici italiani di turno, o perché chiusi nelle proprie inutili astrazioni.
Erano gli unici che avrebbero potuto reagire alla colonizzazione culturale.

Le commedie si basano quindi sulla famosa ironia degli uomini e delle donne campidanesi, sempre pronti alla rima, anche con un po’ di barrosimini.
Alla chiusura di una frase, seguivano degli improperi e delle battute salaci.
Unu cropu a faci, ddis ‘onghinti!

L’ironia campidanese, uno dei tratti peculiari dei nostri nonni, se n’è andata con la lingua sarda, lasciandoci più composti e silenziosi, anche se con una maggiore, o più semplicemente diversa, cultura.
Sparaus a bruvura, sianta!

La sensazione è che prima ancora della commedia sarda, sia scomparsa s’ironia campidanesa.
Nudda agatinti in sa mesa!

Non sarà che l’ironia campidanese si adatta solo al mondo agricolo passato e non, ad esempio, al mondo degli uffici, dei pc e dei colleghi?

Per capire meglio a cosa mi riferisco, ho trovato questo stesso spirito, e la parlata molto teatrale campidanese, scrucullie-ndi in s’arretza, nel dialogo tra queste donne (attrici) sarde, in coda ad una rappresentazione audio teatrale del libro “Il gioco del mondo” di Giulio Angioni, di Quarta Radio, dal minuto 15’38”.

http://quartaradio.it/podcast/il-gioco-del-mondo-di-giulio-angioni-parte-2-di-2/

Il gioco del mondo, di Giulio Angioni (versione teatrale)
con Lilli Fois, Roberta Perra e Caterina Scalas
drammaturgia di scena di Gaetano Marino
Elaborazione del suono a cura di Simon Balestrazzi
Suono di Gaetano Marino

Copertina: disegno di Liliana Cano

 

Sa cumedia popolari sarda, de moda unu tempus, in Campidanu, cumenti is atras artis sardas, est sparesse-ndi.

No posta in giustu contu, ca narant chi tènit unu basciu balori literariu, prima de totu de is intelletualis, est casi scarescia de totus.

Nd’iat scritu Franciscu Masala, in su libru suu, Storia del teatro sardo (Alfa editrice), mancai nd’iat chistionau tropu pagu.
Ca iat adessit depia craculada de prus, propriu poita est una arti de su populu, cumenti is poesia de is cantadoris e su ballu tundu, ca tenit unu balori politicu-sociali.

Masala, in su libru, iat chistionau meda, giustamenti, de sa rapresentatzioni nuragica de su cronnovali de Brabaxia e de is rapresentatzionis religiosas; Iat chistionau pagu, perou, de sa comedia sarda.

Sa cumedia sarda, pruschetotu cun su cumediografu Antoni Garau, nd’at bogau a pillu si chi fiat sussedendi a sa lingua sarda e a sa sociedadi.
Ddu contàt cun autoironia, ca fiat s’unica arma dde su populu, ca fiat balliendi asut’ ‘e sa cambiu de sa lingua e asut’ ‘e sa modernidadi.

In sa cumedia, si strupiant is fueddus italianus, ca no sciant cumenti si narànt, fendi nasci s’italianu porcheddinu; is fillus ligint e accrarant is literas de gherra po is babus e mamas chi fiant analfabetas.

Medas fiant is cosas chi no cumprendiant, a chini cumprendit allu po cipudda, e medas is faddinas surrialis.

S’ajàju no imparat prus a su nebodi, e depit domandai a issu etotu po cumprendi is cosas noas chi ndi funt arribendi de a foras.

Connoscimentu storicu de si chi fiat sussedendi, no dda teniant is intelletualis e is politicus sardus, preocupaus scéti de si fai biri fidelis de is politicus italianus, o poita funt tancaus in ideas “chen’ ‘e cabu ne coa”, ma chi no cambiant nudda.
Issus, iant dèpius-t-essiri si chi s’iant dèpius arrebellài a sa colonizatzioni culturali, no su populu.

Is comedias contànt cun sa famada ironia de is ominis e feminas campidanesus, sempri cun s’arresposta in rima e cun azzùdu barrosimini.
A sa serrada de dònnia frasi, sighìant fueddus trotus o scuminigas lingùdas.
Mulleri tua viùda, s’agatit!

S’ironia campidanesa, una de is carateristicas de is nostus ajàjus, si nd’est andada impari a sa lingua sarda, lasse-ndi-sì prus cuntzertaus e citìus, mancai prus studiaus.
ti ndi pighit su Tiaulu, oi e totu!

Si chi s’est sperdia prima de sa cumedia sarda est s’ironia campidanesa.
Nudda agatinti in sa mesa!

No adessit chi s’ironia campidanesa, fiat scéti po is massajus e cussu mundu e imoi no agatat prus logu in is uficius, brullendi de pc e cun cullegas?

Po cumprendi de ita seu chistionendi, apu agatau, scrucullie-ndi in s’arretza, feminas (atòras) chi chistionant a sa manera becia, in coa a una audiu libru teatrali de “Il gioco del mondo” de Giulio Angioni, de Quarta Radio.
Po fai prima, dda agatais a su minutu 15’38”.

http://quartaradio.it/podcast/il-gioco-del-mondo-di-giulio-angioni-parte-2-di-2/

Il gioco del mondo, di Giulio Angioni (versione teatrale)
con Lilli Fois, Roberta Perra e Caterina Scalas
drammaturgia di scena di Gaetano Marino
Elaborazione del suono a cura di Simon Balestrazzi
Suono di Gaetano Marino

A conch’ ‘e s’articulu: disegno di Liliana Cano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: