Su scurigadroxiu del più grande poeta selargino: Luigi Maxia

Finalmente dopo aver cercato invano un libro scomparso e non rintracciabile in nessuna biblioteca, de su cantadori di Selargius Luigino Maxia, sono entrato in possesso di alcune fotocopie di un libro del poeta più importante che Selargius abbia avuto.

Pensavo di trovarmi davanti qualche libretto di cantadas de sei (improvvisate), invece ho scoperto che scriveva anche poesie a taulinu.

Con l’emozione di chi trova una reliquia, consegno gli scritti imprigionati, e fruibili a pochi, sulla carta, al digitale, che rende a tutti e ovunque accessibile, copia-incollabile, editabile, eterni, i documenti.

Ho lasciato la formattazione del testo e l’ortografia (che andrebbe corretta in base ai nuovi standard) come l’ho trovata, anche per capire il livello di istruzione del poeta. Anche se non sappiamo se sono stati scritti di pugno o sotto dettatura da altri.

A pustis de tantu tempu, circhendi su libru chi no s’agatat prus in nisciuna biblioteca, de su cantadori cerexinu, Luiginu Maxia, apu agatau calincuna fotocopia de unu libru de su poeta prus importanti chi Ceraxius apa tentu.

Pensemu de agatai unu libretu de cantadas de sei, invecis apu biu chi scriiat poesias a taulinu puru.

Meda cuntentu de si chi apu agatau, ndi bogu is poesias de su paperi, po ddas ponni in digitali in custu blog. Aici antessiri ligias de chinisisiat, in dònnia logu, ddus podit copiai e incollai, modificai, e iant abarrai po sempri.

Apu lassau sa formatatzioni de is fotocopias e s’ortografia (iat adessit mellus a dda torrai a scriri cun is nous standard) cumenti d’apu agatada, po cumprendi su livellu de istrutzioni de su poeta.
Podit essiri puru  chi no ddas apat scritas issu etotu, ma calincunu parenti, ligendi-ddas

Prima parte

SU BENTU … (IL VENTO)

Cun su coru spezzau de su dolori (Con il cuore spezzato dal dolore)
seu costrintu a mi depi presentai. (son costretto a presentarmi)
Prima femu s’allirgu cantadori, (Prima ero un allegro cantadori)
chi visitamu is biddas po cantai. (e visitavo i paesi per cantare)

Su bentu chi spiràda in miu favori (Il vento che spira in mio favore)
ind’unu istanti depiu s’est furriai! (in un istante è cambiato)
immoi scusa domandat s’autori, (ora l’autore chiede scusa )
cà custa parti trista depit fai. (perché devo fare la parte triste)

E su chi scrit est propriu su Maxia (E quello che scrive è proprio Maxia)
chi una borta invitemis po sa festa; (che una volta invitavate per la festa)
immoi colpiu de gravi maladia. (ora colpito da grave malattia)

Hapu trascurriu sempri vida onesta; (Ho trascorso sempre vita onesta)
de finiri aici mali nò credìa. (non pensavo di finire così male)
Contr’a Deus no pozzu fai protesta… (Contro Dio non posso protestare)

 

CARUS LETTORIS (Cari Lettori)

Carus lettoris, si domandu scusa (Cari lettori, vi chiedo scusa)
Ca troppu noios’est custu cantu miu; (Perché troppo noioso è questo canto mio)
tengu sa menti unu pagu confusa, (ho la mente un po’ confusa)
comenti dd’hap’a risolvi no’ isciu. (non so come lo risolverò )

Cun sa campidanesa nostra Musa (Con la Musa campidanese)
de prus de corant’annus femu uniu; (da più di quarant’anni ero unito)
immoi sa parti mia dd’hapu conclusa: (ora la parte mia ho conclusa)
de mali inesorabili colpiu. (colpito da male inesorabile)

Chin’est ch’in custu mundu podit nai (Chi è che può dire in questo mondo)
chi sa vida dda serrat beni o mali? (che la vita chiudeo bene o male?)
Solu s’Eternu podit giudicai! (Solo l’eterno può giudicare!)

Dognunu bramat fini triunfali. (Ognuno brama fine trionfale.)
Su Destinu no podit evitai; (Il Destino non si può evitare;)
tristu su nasciu in cudd’ora fatali! (triste il nato in quell’ora fatale!)

 

MALINCONIA (Malinconia)

Su soli chi brillàda in domu mia (Quello che brillava nella casa mia)
ind’un’istanti s’est totu eclissau; (in un istante si è eclissato)
su logu tenebrosu est diventau, (il posto tenebroso è diventato)
sparessiu su splendori, s’allegria. (finito lo splendore, l’allegria.)

Aundi prima regnàda s’armonia (Dove prima regnava l’armonia)
parit chi Deus palas hat furriau. (sembra che Dio ha voltato le spalle.)
Su logu miu, de floris adornau, (Il posto mio, adornato di fiori,)
parit distruttu de sa cilixia. (sembra distrutto dalla brina)

E sunti casi scocchendi quattr’annus (E stanno scoccando quasi quattro anni)
chi sa trista sventura m’hat colpiu: (che la triste sventura mi ha colpito:)
pobera vida mia… cantu affannus! (povera vita mia… quanti affanni!)

Aggiudaimì, Divinu Gesus miu! (Aiutami, Divino Gesù mio!)
Cà seu in mes’ ‘e doloris troppu mannus (Perché in mezzo a dolori troppo grandi)
essendi debili, perdiu mi biu. (essendo deboli, mi vedo perso.)

Dicembre 1956

 

A SA REGINA VERA (Alla Regina vera)

Tres annus hapu fattu in sa gherra, (Tre anni ho fatto in guerra)
sunfrendi penas de fronti a sa morti. (soffrendo pene di fronte alla morte.)
Ma custu disprexeri est su prus forti (Ma questo dispiacere è il più forte)
ch’hapu tentu de candu seu in terra. (che ho avuto da quando sono in terra.)

Custa lanzàda, coru miu inserra, (Questa …, cuore mio …),
cà t’hat accumpangiau sa mala sorti (che ti ha accompagnato la mala sorte)
R E G I N A vera de sa santa corti, (R E G I N A vera di corte santa)
cand’hap’a morri cust’anima afferra! (quando morirò afferra quest’anima!)

unu confortu manda cun Columba, (Un conforto manda con Colomba,)
cà troppu fatigos’est su camminu, (che troppo faticoso è il cammino,)
po chi no bandi prusu attumba-attumba. (per chi non va più sbatti sbatti.)

Hapu conotu di ora su destinu (Ho conosciuto da tempo il destino)
chi lentamenti spingit a sa tumba; (che lentamente spinge alla tomba)
prangiu sa disfortuna…, seu meschinu! (pianto la sfortuna…, sono meschino!)

Dicembre 1956

DOMU MIA (Casa mia)

Sa domu mia… fiat unu paradisu! (La casa mia… era un paradiso!)
paremus sempri ind’una primavera. (sembravamo sempre in primavera.)
Ind’unu istanti de mala manera (In un istante in modo brutto)
convertiu totu in prantu s’est s’arrisu. (si è voltato il riso in pianto.)

Cuddu logu chi prima fiat s’eccìsu, (Quel posto che prima era …,)
parit una terribili galera. (sembra una terribile galera.)
Riflettendi seu dì e notti intera: (Sto riflettendo giorno e notte intera:)
su tempus passau beni parit bisu. (il tempo passato bene sembra un sogno.)

Giru de vista e no’ provu confortu, (Giro visuale e non provo conforto,)
e mi pongu a rifletti lungamenti: (e mi metto a riflettere a lungo:)
“Poita Gesus m’hat hai inflittu tortu”? (“Perché Gesù mi ha inflitto il torto”?)

In sa coscienza no mi gravat nienti (Nella coscienza mi grava nulla)
E se’ in vida coment’essi mortu: (E son in vita come se fossi morto:)
pigaimindi divinu onnipotenti! (portami via divino onnipotente!)

 

TENTAZIONI (Tentazione)

M’hant allevau in sa Religioni, (Mi hanno allevato alla Religione,)
e sempri cussa dd’hapu tenta cara; (e sempre quella ho tenuto cara;)
ma in custa circustanzia, troppu amara, (ma in questa circostanza, troppo amara,)
mi bolit sopraffai sa tentazioni. (mi vuole sopraffare la tentazione.)

Negai una beridadi tanti clara, (Negare una verità tanto chiara,)
cosa chi mai m’est, begna s’intenzioni. (non mi era mai venuta tentazione.)
Eppuru custa trista condizioni (Eppure questa triste condizione)
mi portat su ciorbeddu a mala tara. (mi porta il cervello a mal pensiero)

Su mi biri dolenti, abbandonau, (Il vedermi dolente, abbandonato,)
a conca m’est benendi tantis cosas: (alla mente mi vengono tante cose:)
negai su “giustu” chi m’hant insegnau. (negare il “giusto” che mi hanno insegnato.)

O Gesus, a ita puntu seu torrau! (O Gesù, a che punto son tornato!)
Prima de ponni mancias disastrosas, (Prima di mettermi macchie disastrose,)
o Eternu, fei chi benga sepultau…! (o Eterno, faccia che venga sepolto…!)

 

GESUS (Gesù)

Sempri hapu tentu in Cristu vera fidi; (Sempre ho avuto in Cristo vera fede;)
mai sa genti trotta hap’ascurtau: (mai la gente storta ho ascoltato:)
anzi, cun chini de Issu s’ind’arridi, (anzi, con chi se ne rideva di Lui,)
cun coraggiu hapu sempri lottau. (con coraggio ho sempre lottato.)

A difesa mi seu sempri schierau, (A difesa mi sono sempre schierato,)
e Gesus custu beni gei ddu scidi. (e Gesù questo bene lo sa.)
No seu scontendi nisciunu peccau (Non sto scontando nessun peccato)
si su mundu ridusiu aici mi bidi. (se il mondo mi vede ridotto così.)

Forzis hat’essi tragicu destinu! (Forse sarà un tragico destino!)
Certu chi malamenti seu bivendi… (Certo che malamente sto vivendo…)
Aggiudamì, Signori miu divinu!! (Aiutami, Signore mio divino!!)

De portai custa cruxi se’ arroscendi (Sono stando di portare questa croce)
sempri prus iscabrosu est su camminu. (sempre più scabroso è il cammino)
De dda finiri in totu seu sperendi. (Sto sperando di finirla)

 

A SU TEMPU FELICI (Al tempo felice)

A su tempus felici riflettendi, (Al tempo felice riflettendo,)
m’agatu conturbau su pensamentu; (trovo le mie turbate preoccupazioni)
su prexeri ch’in domu fiat regnendi (il piacere che a casa regnava)
parit chi rastrellau dd’hat seu bentu. (sembra che l’abbia rastrellato il vento.)

Custa giràda trista seu sentendi; (Questa girata triste sto sentendo;)
mancu lontanu credìa tali eventu! (neanche lontano credevo tale evento!)
In altru logu, gioia ses dimorendi, (in altro posto, gioia stai dimorando,)
de domu mia bolàda in su momentu. (da casa mia sei volata nel momento.)

Propriu unu sonnu parit su passau: (Proprio un sonno sembra passato:)
aic’est chi passat s’or ‘e s’allegria (ora ch’è passata l’ora dell’allegria)
comente fumu de bentu portàu. (come fumo dal vento portato.)

In domu parit totu trasformau: (In casa sembra tutto trasformato:)
hoi no c’est prexeri e ne poesia; (oggi non c’è dispiacere e ne poesia;)
comenti chi su Tiaulu siat intrau. (come se il Diavolo sia entrato.)

 

STANCU DE SUFFRIRI (Stanco di soffrire)

Cand’unu bivit in mes’ ‘e s’affannu (Quando uno vive in mezzo all’affanno)
su tempus si ddu passat traballosu; (il tempo passa lentamente;)
no tenit unu istanti de riposu, (non c’è un istante di riposo,)
dogna minutu ddi parit un annu. (ogni minuto gli sembra un anno.)

Arregordat su tempus de su gosu: (Ricorda il tempo del godimento:)
inzandus provat dolori prus mannu. (allora prova dolore più grande.)
Ddu nau sinceramenti e no m’ingannu, (Lo dico sinceramente e non m’inganno,)
ca diventat po forza invidiosu. (che diventa per forza invidioso.)

Disigiat de su mali a ‘ndi bessiri, (Desidera uscire fuori dal male, )
e passat sa dì mala e notti peus. (e passa la giornata male e la notte peggio.)
Obbrescit senza de podi dormiri. (Albeggia senza poter dormire.)

Costant’imploru s’aggiudu de D E U S, (Costantemente imploro l’aiuto di D I  O,)
essendi troppu stancu de suffriri: (essendo troppo stando di soffrire:)
mai passada in vida un’ora peus. (mai passata in vita un’ora peggiore.)

 

In sa foto, Sa cantada de is dotus – Festa de Sant’Antoni in Pauli, su 12 de Làmpadas de su 1926.
De manu manca: Pasqualino Loddo (1871-1949), Efisio Loni(1878-1948), Francesco Farci (1885-1975), Luigino Maxia (1892-1958), Antioco Marras (1893-1980).

 

Nella foto, La cantata dei dotti – Festa di Sant’Antonio di Monserrato, il 12 Giugno del 1926.
Da sinistra Pasqualino Loddo (1871-1949), Efisio Loni(1878-1948), Francesco Farci (1885-1975), Luigino Maxia (1892-1958), Antioco Marras (1893-1980).

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: