La mescolanza degli idiomi a Cagliari (di Sergio Atzeni)

Vivere a Cagliari è un’esperienza esaltante, per chi ama la confusione linguistica, la mescolanza spuria di idiomi, i giochi di parole deliranti: spesso – in modo più o meno cosciente – si parla un italiano contraffatto, incomprensibile a chi non sia del luogo, tratto di peso dal sardo; un esempio: “Quella? Una caddaiona priogosa che ci esce solo a di notte come una pretta!”.

Negli ultimi tempi, fors’anche grazie al revival sardista, si sentono frasi in sardo fasullo ch’è italiano uizzato (con le desinenze in u); un esempio: “Bai a su tobacchinu (ndr, il termine giusto è stangu, tabachìnu significa marrone) e compramì unu pacchettu de sigarettas”.

Ma il misturo è molto più complicato e affascinante di quanto immaginassi.
Un tuffo nel gergo – che molti lettori riconosceranno – col quale ho convissuto nell’infanzia e nella giovinezza: di un giovane che andasse in giro addobbato con pantaloni viola scuro a zampa di elefante, camicia fucsia, cravatta giallina, giacca blu sfavillante spiegata di sfumature rosse, e maxicappotto rosa, si diceva: è un gaggio.

Immaginavo che gaggio fosse una delle innumerevoli parole rubate al sardo. Invece viene da gagio, col quale la lingua romanes (quella degli zingari) indica un contadino ingenuo e sempliciotto.

Bugare (fare la spia) come pure buga e bugone, vengono da Buhar, dell’antico gergo spagnolo.

Casanza (prigione), è invenzione linguistica di mendicanti italiani medioevali;

Inciariu (ubriaco), viene dalla stessa fonte: il milanese ha ciarì, il bolognese ciaròn, il veneto ciarir e l’argot francese cherance;perché i mendicanti medioevali italiani dicevano chiaro per vino.

Scoffato (molto fortunato) viene dall’arabo Kafàl (sedere), o coffa è usato anche a Napoli e Palermo.

Affuscinare (rubare) dal siciliano fruscinu, furto di destrezza, letteralmente fiocina.

Aggranciri (rubare) dall’antico gergo dei mendicanti: grancio (granchio) era il ladro.

Improsare c’è in tutta Italia e Francia, viene dal proso, espressione apparsa nel Seicento e subito acquisita dal gergo dei camorristi.

Munziga sarda a calco del palermitano muzziga sorda (che morde sordamente: la lima).

Si potrebbe continuare con sa pilla, sbertire, spesare, scarpinare, scerpare, sgobbare, smincire, smurfire, spalanzare, scannatoio, zeppole… Il cagliaritano è mescolanza di sardo, italiano, spagnolo, arabo, siculo, romanesco, zingaresco, gergo di mendicanti e camorristi… giunti grazie agli incontri e traffici del porto, ai vagabondi di ogni sorta che nel loro girovagare non hanno evitato la Sardegna e soprattutto grazie ai galeotti – nostrani andati in casanza nella penisola, italiani ospiti del famoso “convitto” di Buoncammino.

Le notizie di provenienza dei termini succitati vengono dal Dizionario storico dei gerghi italiani dal Quattrocento ad oggi, di Ernesto Ferrero, (Mondadori, lire 5.000). Opera di cui si può far uso migliore del limitarsi alla scoperta delle radici di taluno.

Tratto da Sergio Atzeni, La voglia di scrivere, a cura di Manuela Arca, La biblioteca dell’identità dell’Unione Sarda, pag. 130

Bivi in Casteddu est una esperientzia meda bella, po chini amat su carraxiu linguisticu, s’amesturu de is idiomas, is giogus de fueddus istrangius : meda bortas si chistionat in-d-una manera – cun o fora de si ndi acatai – chi podeus nai italianu-cuntrafatu, e chini no est de Casteddu no ddu cumprendit; unu esemplu: “Quella? Una caddaiona priogosa che ci esce solo a di notte come una pretta!”.

In is urtimus tempus, fortzis gratzias a su revival sardista, s’intendi-nti fueddus in sardu falsu, chi est italianu “uizzau” 🙂 (acabant in u); un esemplu: “Bai a su tobacchinu (ndr, stangu est su fueddu giustu, tabachìnu bolit nai marrone) e compramì unu pacchettu de sigarettas” (ndr, sa generatzioni mia ndi iscit calincuna cosa).

Ma s’amesturu est meda prus complicau e bellu de cantu si podit imaginai.
Bieus is fueddus – chi meda letoris ant arreconnosci –  chi apu connutu de candu femu pipieddu e piciocheddu: unu giovanu chi passillat bistiu cun cratzonis tanau a “zampa de elefanti”, camisa fucsia, cravatta groga, giaca asula cun tintas arrobias e cappottu mannu rosa, si narat: è un gaggio.

Penzemu chi gaggio fiat una de is tantis fueddus furaus de su sardu. Invecis benit de gagio, de sa lingua romanes (cussa de is zingarus) bolit nai, massaju iscimpru.

Bugare (iscoviai) e puru buga e bugone, benint de Buhar, de s’antiga fueddada spagnola.

Casanza (presoni), est una inventzioni de is pedidoris italianus medioevali;

Inciariu (imbriagu), benit de sa propria genti: su milanesu tenit ciarì, su bolognesu ciaròn, su venetu ciarir e s’argot francesu cherance; poita is pedidoris medioevalis italianus naranta craru po nai su binu.

Scoffato (fortunau) benit de su Kafàl (paneri), o coffa est imperada a Napoli e Palermo.

Affuscinare (furai) de su sicilianu fruscinu.

Aggranciri (furai) de s’antiga chistionada de is pedidoris: grancio (cavuru) fiat su ladroni.

Improsare nc’est  in Italia e Francia, benit de proso, imperada in su Seicentus de is camorristas.

Munziga sarda de su palermitanu muzziga sorda (chi mussiat: sa lima).

S’iat a podi continuai cun pilla, sbertire, spesare, scarpinare, scerpare, sgobbare, smincire, smurfire, spalanzare, scannatoio, zeppole… Su casteddaiu est un amisturu de sardu, italianu, ispagnolu, arabu, sicilianu, romanescu, zingarescu, fueddus de pedidoris e camorristas… arribaus a innoi cun atobius e trafichendi in su portu, a is bagamundus de donnia ratza, chi girendi funt arribaus in Sardigna e gratzias a is presoneris  – nostrus andaus in casanza in sa penisula, italianus bennius a Buoncaminu.

Custus fueddus benint de su libru Dizionario storico dei gerghi italiani dal Quattrocento ad oggi, di Ernesto Ferrero, (Mondadori, lire 5.000).

Copertina: dipinto di Tom Fedro, Contemporary painting

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: