Le favole sarde di Sergio Atzeni in lingua “italo-casteddaia”.

Sergio Atzeni, uno dei migliori scrittori sardi degli ultimi decenni (a parere di chi scrive) e anche uno degli ultimi “nuovi” intellettuali.

“Nuovi” perché racconta non più la fine della società agro-pastorale e il passaggio all’industria petrolchimica,  come la maggior parte degli intellettuali sardi del novecento, ma racconta la vita di città contemporanea, con tutte le difficoltà e i drammi connessi.

Lo fa però in un modo tipicamente sardo.
Sergio Atzeni racconta favole.
Favole sarde.
Le storie di Atzeni hanno il sapore de is contus antigus, quelli che si raccontavano davanti a sa forredda in inverno, o d’estate quando si usciva per strada a pigai su friscu.

Ai bambini si raccontavano le storie del diavolo che si mostra sotto forma di ciabattino su uno scoglio in mezzo al mare, o ha le zampe di capra sotto la gonna, o storie di Janas belle, ricche e dispettose, o streghe che vogliono somministrarti il fillindeu.
La Storia sarda ovunque, che si ripresenta sotto varie forme, anche solo nel cognome del protagonista, eredità di nobile casata e quindi obbligata ad avere successo.

Favole antiche, riviste con la lingua della “mala” cittadina, per cui dovevi stare attento altrimenti ti sgrancivano (rubavano) il motorino.

Non scrive in sardo (tranne qualche mutetu nella raccolta Versus) e neppure strettamente in italiano.

Scrive in “slang casteddaiu“.
Cioè un misto di lingue formate da italiano (soprattutto), sardo, spagnolo, inglese, cioè come si parla a Cagliari e nelle periferie dei quartieri degradati, Is Mirrionis, il CEP, o dal porto Lapola, da sempre mescolanza di etnie e linguaggi e ancora nelle prigioni da is galeottus de is diversas regionis italianas.

Sergio Atzeni, unu de is mellus iscritoris sardus de is urtimus decennius (segundu mei) est unu de is urtimus “nous” intelletualis de Sardigna.

“Nous” poita no contat s’acabu de sa sociedadi de massajus e pastoris e de cumenti si funt furriaus a sa industria petrol-chimica, cumenti is primus intelletualis sardus de su noicentu, ma contat sa vida de oi, cun totus is problemas chi nci funt.

Ddu fai perou a sa sarda.

Sergio Atzeni contaiat paristorias.
Paristorias sardas.
Is istorias de Atzeni tenint su sabori de is contus antigus, sis chi si contant ananti de sa forredda in s’ierru, o in s’istadi, candu si bessiat in sa ia po “pigai su friscu”.

A is pipius ddis contant is istorias de dimonius, chi ndi bessiat cumenti unu tzabateri in-d-una roca in mes’ ‘e mari, o tenit cambas de craba asutt’ ‘e sa gunnedda, o paristorias de Janas bellas, riccas e malas, o cogas chi boliant chi bufessit su fillindeu.
Sa Istoria sarda in medas istorias, chi si agatat in diversas formas, mancai scéti in su sangunau de su protagonista, ereu de nobilis e insandus depiat arrennesci in sa vida.

Paristorias antigas, torradas a iscriri cun sa lingua de sa “mala” casteddaia, insandus depiast donai atentzioni, oghino ti ndi sgrancivano (furant) su motorinu.

No iscridi in sardu (chi ndi bogaus calincunu mutetu de su libru Versus) e nimancu in italianu strintu.

Iscridi cun su “slang casteddaiu“.
Unu amesturu de linguas formadas de italianu (pruschetotu), sardu, ispagnolu, inglesu, cumenti si chistionat in is chi si tzerriant “no de is primus domus”, Is Mirrionis, su CEP, o in su portu Lapola, de sempri amisturu de etnias e linguas, e fintzas in is presonis de is galeottus de is diversas regionis italianas.

 

Nella copertina Araj dimoniu, antica leggenda sarda

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Create a free website or blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: