Attacco al regno dei poeti: Omero Atza contro tutti [gara poetica]

Gara poetica in occasione della sagra della pecora di Burcei del 2014.

Il decano degli improvvisatori sardo- campidanesi, Omero Atza, proveniente da Settimo San Pietro, si trova da solo in gara contro quattro burceresi, i quali giocano in casa, difendendo quindi il “regno”.

Una nota metodologica sulla trascrizione del sardo campidanese:

-Ad un primo livello ho applicato il correttore ortografico LSC.
Vista l’inadeguatezza dello strumento, per mancanza di parole e sinonimi campidanesi (ad esempio non ho trovato la parola bollis o bolis, non trascrivibile con cheres in una poesia campidanese), ho corretto solo le parole che non modificavano il suono poetico (più aspro del logudorese, adatto alla durezza della gara campidanese), la metrica o la ritmica.
-A cascata ho utilizzato il secondo correttore ortografico per le altre varianti, quando non differivano con il precedente strumento e quando non modificavano il suono/metrica/ritmica.
-In alcuni casi ho lasciato le parole così come pronunciate per questioni di rima (ad es. cras(i) con basi; cras non avrebbe rimato) e per questioni di metrica (cras ha una sillaba, crasi ne ha due). In questo caso nosu[s] la “s” andava messa, ma non è stata pronunciata per rimare con “reposu”
-in altri casi i poeti hanno utilizzato licenze dall’italiano (es., scintilla invece di cicidda), ovviamente ho lasciato quelle pronunciate.

Inutile dire che la LSC ha dei limiti, almeno per quanto riguarda la trascrizione poetica del Campidano, e un dialogo con la scuola della variante campidanese unificata di Blasco Ferrer (con gli altri professori, visto che lui è ormai morto) è fondamentale per cercare ulteriori sinonimi e varianti e standardizzare i diversi stili che pure hanno uguale pronuncia ovunque (Sardigna, Sardinnia, Sardinna, Sardinnya, Sardìnnia, Sardinia, etc.).

Cantano in ordine: Roberto Zuncheddu di Burcei, Simone Monni di Burcei, Simone Zuncheddu di Burcei, Severino Monni di Burcei, Omero Atza di Settimo San Pietro.

Alla chitarra: Mario Aledda

La struttura cantata per ogni improvvisatore è divisa in tre tempi:

De nuis no nc’est senniu ( Di nubi non c’è segno)
e no nc’ adessiri ne tronus e ne lampus (non ci saranno tuoni e lampi)
De nuis no nc’est senniu ( Di nubi non c’è segno)

De nuis non c’est senniu ( Di nubi non c’è segno)
Seu cuntentu de biri in campu (Son contento di vedervi in campo)
bonus cumbatentis in difesa de su renniu (buoni combattenti in difesa del regno)

e non ci adessiri ne tronus e ne lampus (non ci saranno tuoni e lampi)
bonus cumbatentis in difesa de su renniu (buoni combattenti in difesa del regno)
Seu cuntentu de biri in campu (Son contento di vedervi in campo)

per semplicità scriviamo solo i primi due versi e le rime, evitando le ripetizioni.

Roberto Zuncheddu

De nuis no nc’est senniu, (Di nubi non c’è segno)
e no nc’ adessiri ne tronus e ne lampus. (non ci saranno tuoni e lampi)

Seu cuntentu de biri in campu, (Son contento di vedervi in campo)
bonus cumbatentis in difesa de su renniu. (buoni combattenti in difesa del regno)

Simone Monni

O Brucei ses unu tesoru, (Oh Burcei, sei un tesoro)
e ti saludu cun su sensu giustu. (e ti saluto con il senso giusto)

Unu renniu famau che-i-custu, (un rengo famoso come questo)
bolliri difendiu cun ispada e cun coru. (deve essere difeso con spada e con cuore)

Simone Zuncheddu

Po su primu versu chi acòpiu, (Per il primo verso che accoppio)
mi-ndi tiru puru su capeddu. (mi tolgo il cappello)

De-i-custu cuntentu mannu de Zuncheddu, (di questo contento grande di Zuncheddu)
Burcei adessit nendi su pròpriu. (Burcei dirà la stessa cosa)

Severino Monni

Binu, casu e petza de arroi, (Vino, formaggio e carne di …)
c’at in sa bruceresa basi. (c’è nella base burcerese)

Sa isperantza est de biri cras(i), (la speranza è di vedere domani)
su renniu prus vastu de cumenti est oi. (il regno più vasto di come è oggi)

Omero Atza

Ti saludu publicu bonariu, (Ti saluto pubblico bonario)
cun is collegas chi portu a fiancu. (con i colleghi che ho a fianco)

Deu de cumbati seu giai istancu, (Io di combattere sono già stanco)
ma po su renniu fatzu cantu est necessàriu. (ma per il regno faccio quanto è necessario)

Roberto Zuncheddu

De cantadas prus de centu, (Di cantate più di cento)
ndi tenit fatas Atza Omeru. (ne ha fatto Atza Omero)

Oi meda prus de ariseru, (Oggi molto più di ieri)
is nemigus de cumbati funt in aumentu. (i nemici da combattere sono in aumento)

Simone Monni

In difesa aturu frimu, (In difesa, sto fermo)
e mi cumbenit chi beni billi(?). (e mi conviene sorvegliarti bene)

Mancai bengant in centu o milli, (Anche se vengono in cento o mille)
deu nemigu no ndi timu. (io non temo il nemico)

Simone Zuncheddu

Po is crabas e po is brebeis, (Per le capre e per le pecore)
de lori at bisòngiu chi aridi. (per il grano, c’è bisogno di arare)

Medas nanta ca custa parit(i), (Molti dicono che questa* sembra) *Burcei
s’antiga Roma de is setis reis. (l’antica Roma dei sette re)

Severino Monni

Sa giaca bandada abbutonada, (La giacca va abbottonata)
Si no tenis tempus s’infriscat. (Se non hai tempo si raffredda)

Su renniu conta vàrias fortzas friscas, (Il regno conta diverse forze fresche)
chi no binti s’ora de isfoderai s’ispada. (che non vedono l’ora di sfoderare la spada)

Omero Atza

Po is oras chi innoi ci aturu, (Per il tempo che sto qui)
de su versu si mostru su stili. (del verso vi mostro lo stile)

Cun custa audaci ischiera giovanili, (Con questa audace schiera giovanile)
ma custu renniu adessit sicuru. (questo regno sarà al sicuro)

Roberto Zuncheddu

A sa gloriosa Sant’Aleni, (Alla gloriosa Sant’Elena)
in Cuartu ddi rendint onori. (in Quartu gli rendono onore)

Nemigus nci nd’est bistius de sennoris, (i nemici sono vestiti come i signori)
ma s’arma po ofendi da cuanta beni. (ma nascondono bene l’arma per offendere*) *riferito al finto compiacimenti di Atza, che “mostra lo stile”, mettendosi su un piano superiore a tutti.

Simone Monni

Atza cantanti connotu, (Atza cantante famoso)
dd’at-a-i fata una cantada. (avrà fatto più di una “cantada”)

Pròvidi Omeru a puntai s’ispada, (ci provi Omero a puntare la spada)
aici dda segu, cun bratzu e cun totu. (così la taglio assieme al braccio)

Simone Zuncheddu

De unu fueddu iscaltru, (Di una parola scaltra)
Brucei certu no godit. (Burcei certo non gode)

Unu gherreri in prus podit, (un guerrieo in più può)
difendi a-innui no acudi s’atru. (difendere dove non può l’altro)

Severino Monni

In Ispagna potzu osservai, (In Spagna posso osservare)
sa corrida ca est nomenada. (la corrida famosa)

Calincunu bèciu a ispada arruinada, (qualche vecchio con la spada arrugginita)
gei no at-a bolli sa pedra ‘e acutzai. (non vorrà la pietra per affilarla?)

Omero Atza

De lugliu seus a metad’ ‘e mesi, (Di Luglio siamo a metà mese)
no si nd’isperat de bona annada. (non si spera una buona annata)

Si Simoneddu, (ndr, Monni) ti puntu s’ispada, (Se Simonetto ti punto la spada)
timu chi no nd’arruant prus de tres(i). (temo che ne cadano più di tre)

Roberto Zuncheddu

De Severinu cun boxi sonora, (Severino con voce sonora)
solu beni deu ndi speru. (solo bene spero di lui)

Nendi: “bèciu”, adessit po Omeru, (dicendo “vecchio” parla di Omero)
s’ispada mia gei segat ancora. (la mia spada taglia ancora)

Simone Monni

Sìanta tres o sìanta duus, (Siano pure tre o siano due)
a mi difendi seu preparau. (a difendermi son preparato)

Fradi miu in s’origa m’at nau, (mio fratello mi ha detto all’orecchio)
Atza s’ispada no dda podit prusu. (Atza non può più reggere la spada)

Simone Zuncheddu

Sa zona de su cabu ‘e susu, (La zona di “cabu ‘e susu”*) *da Nuoro in su
gei est mellus de sa de Pattada. (è migliore di quella di Pattada)

Atentu Omeru puntendi s’ispada, (attento Omero puntando la spada)
ca de Simonis ci nd’at duus(u). (perché di Simoni ce ne sono due)

Severino Monni

Calincunu latzu bonu ci stait(i), (Qualche lazzo buono ci sta)
ca in giru si notat unu mraxiani. (perché in giro c’è una volpe)

Fait ancora po segai su pani, (Serve ancora per tagliare il pane)
ma pungìat de prus bint’annus fait(i). (ma pungeva di più vent’anni fa)

Omero Atza

De-i-custa piatza in dònnia ispìgulu, (Di questa piazza, in ogni spigolo)
de intendidori ndi ‘olia prus de milli. (di intenditori, ne vorrei più di mille)

Candu fut partiu cun su mortu, Achilli, (quando partì con il morto, Achille)
su renniu no fiat mai in perìgulu. (il regno non stette mai in pericolo)

Roberto Zuncheddu

Si no bollis tocai su fundu, (Se non vuoi toccare il fondo)
no ndi neristi de eresias. (non dire eresie)

Teni presenti cun is armas mias, (tieni presente che con le mie armi)
su renniu ddu difendu a is ogus de su mundu. (difendo il regno agli occhi del mondo)

Simone Monni

De su malu esèmpiu no còpiu, (Dal cattivo esempio non copio)
e mi cunvenit chi su bonu fissi. (e mi conviene guardare il buono)

Mortu Achilli imoi nc’est Ulissi, (Morto Achille ora c’è Ulisse)
e tui no bincis su pròpriu.(e tu non vinci ugualmente)

Simone Zuncheddu

Po punciai saetas(a), (Per inchiodare saette)
Oi càstiant sa comodesa. (oggi si preferisce la comodità)

Oi sa roccaforti bruceresa, (Oggi la roccaforte burcerese)
Est difendia de is duas Zetas(a). (E’ difesa dalle due Zeta)

Severino Monni

Oloferni prenu de borias(a), (Oloferne pieni di boria)
tastau iat s’ispada ‘e Giudita. (aveva “assaggiato” la spada di Giuditta)

Atentu ca bastat una isconfita, (Attento che basta una sconfitta)
po iscaresci s’onori de milli vitòrias(a). (per far dimenticare l’onore di mille vittorie)

Omero Atza

Simoneddu abarra sicuru, (Simonetto stai sicuro)
ca Omeru no ti fait duas facis. (che Omer non ti mostra due facce)

Ulissi lassa totu in manu a is Feacis, (Ulisse lascia tutto in mano ai Feaci)
Innoi sucedit a bosatrus puru. (Qui succede anche a voi)

Roberto Zuncheddu

Esprimi Severinu, esprimi, (Esprimiti Severino, esprimiti)
e a sa musa Thalia esortis. (ed esorta la musa Thalia)

Apu respintu gherreris fortis, (ho respinto guerrieri forti)
e no est custa sa batall’ ‘e timi. (e non è questa la battaglia da temere)

Simone Monni

Is Zuncheddus funt duus(u), (I Zuncheddu sono due)
e su piticu est su prus aresti. (e il piccolo è il più agguerrito)

A su mancu innoi sa difesa nc’est(i), (almeno qui c’è la difesa)
cussa de Setimu no s’agatat prus(u). (quella di Settimo* non si trova più) *paese di Atza

Simone Zuncheddu

Po no depi segai in crutzu, (Per non dover tagliare corto)
Omeru ci ponit s’impenniu. (Omero ci mette impegno)

Po difesa de-i-custu renniu, (per la difesa di questo regno)
calincunu nde benniu a srebutzu. (qualcuno è venuto con il forcone)

Severino Monni

Giuliacci de su meteu ligit is iscritas, (Giuliacci del meteo legge le scritte)
e fuedda de Nembu o de Cirru. (e parla di Nembo e Cirro)

In Setimu inveci nci tenint a Pirru, (A Settimo invece hanno Pirro)
dònnia vitòria, cuatru isconfitas. (ogni vittoria, quattro sconfitte)

Omero Atza

Bruceresus chi mi intendeis, (Burceresi se mi sentite)
bengu a posta po donai consolu. (vengo apposta per darvi consolo)

Deu a Setimu dda difendu assolu, (io Settimo la difendo da sola)
bosatrus innoi, no nc’arrennesceis. (voi qui non ci riuscite)

Roberto Zuncheddu

A Omeru su cantadori, (Omero il cantadore)
d’emma bolli apicai is medàllias. (gli vorrei appendere le medaglie)

Mostraisì fortis in totus is battàllas, (mostratevi forti in tutte le battaglie)
aici su renniu crescit de onori. (così il regno crescerà in onore)

Simone Monni

Giai ispaciau parit su beni, (Sembra già terminato il bene)
de su setimesu campioni. (del campione di Settimo)

Custu Omeru parit Napoleoni, (questo Omero sembra Napoleone)
lòmpiu in s’ùrtima spiàgia in Sant’Aleni. (arrivato all’ultima spiaggia di Sant’Elena)

Simone Zuncheddu

Omeru casa su reposu, (Omero a casa il riposo)
acinnat a … is arrigus. (sembra … i reni)

Nau ca tocat a si circai nemigu, (dico che bisogna cercarsi nemici)
sinnò oi si pungeus tra nosu[s]. (altrimenti oggi ci accoltelliamo tra noi)

Severino Monni

Omeru Atza cantat felici, (Omero Atza canta felice)
ma passa-nci a tesu de s’orda nemiga. (ma passa lontano dall’orda nemica)

O caru Robertu, naramì a s’origa, (o caro Roberto, dimmi all’orecchio)
poita est chi timis aici. (perché temi in questo modo)

Omero Atza

Robertu canta in poesia, (Roberto canta in poesia)
e a mei no mi obblighis a marolla. (e a me non obbligarmi per forza)

M’ant avisau po ddi fai iscola, (mi hanno chiamato per “fargli scuola”)
ca ddi-si mancat … istrategia. (perché gli manga … la strategia)

Roberto Zuncheddu

In su versu improvisau, (nel verso improvvisato)
trancuillu sigu a mi esprimi. (tranquillo continuo ad esprimermi)

Naramì ita depu timi, (dimmi cosa devo temere)
cun bosatrus potzu cumbati disarmau. (con voi posso combattere disarmato)

Simone Monni

Cun istrategia mellus chi loti, (Con strategia meglio che lotti)
de su nemigu po no arrui, prega. (per non cadere col nemico, prega)

Candu no dd’arrispettu meda, (quanto non rispetto molto)
ddu dimostru iscudendi prus-a foti. (lo dimostro picchiando più forte )

Simone Zuncheddu

Is cassadoris beni cassant(a), (I cacciatori cacciano bene)
candu est unia sa scuadra. (quando la squadra è unita)

Zuncheddu atentu gioghendi cun s’ispada, (Zuncheddu attento giocando con la spada)
laga innoi punginti e lassant(a). (guarda che qui “pungono e lasciano”)

Severino Monni

Fogu no ti ndi bollu allui, (Fuoco non voglio accenderne)
ma calincuna cartùcia dd’as ispendia. (ma qualcuna cartuccia l’hai “spesa”)

Insandus Zuncheddu no dd’as cumprendia, (allora Zuncheddu non l’hai capita)
ca seus benius po difendi a tui. (che siamo venuti per difendere te?)

Omero Atza

Si notesta andaus prus a fundu, (Se stanotte andiamo più a fondo)
gei ddu calmu a chini est prus ispavaldu. (ci penso io a calmare chi è più spavaldo)

Mai apu fatu che a maramaldu, (mai ho fatto il maramaldo)
funt a is palas de unu moribundu. (sono alle spalle di un moribondo)

Roberto Zuncheddu

De-i-cudda regina Eleonora, (Di quella regina Eleonora)
is sardus ndi funt orgolliosus. (i sardi ne sono orgoglisi)

Ammitu ca seis tantu coragiosus, (ammetto che siete tanto coraggiosi)
ma s’astutzia in campu s’amancat ancora. (ma l’astuzia in campo vi manca ancora)

Simone Monni

De su tronu ndi ddu feus arrui, (Dal trono lo facciamo cadere)
a Robertu de dònnia latu. (a Roberto da ogni lato)

Certu Omeru ca no dd’at mai fatu, (certo Omero non l’ha mai fatto)
ca cussu inermi fiasta sempri tui. (perché quello inerme sei stato sempre tu)

Simone Zuncheddu

Su cantu improvisau, (Il canto improvvisato)
in Brucei sempri s’est cresciu. (a Burcei sempre è cresciuto)

Calincunu s’est iscarèsciu, (qualcuno si è dimenticato)
de candu giràda a corteddu armau. (di quando girava armato di coltello)

Severino Monni

Oi is atacus israelianus(u),(Oggi gli attacchi israeliani)
su palestinesu oi est tristu. (il palestinese oggi è triste)

A Roberto dd’invidiu solu su maistru, (A Roberto invidio solo il maestro)
si chi dd’iat postu s’ispada in is manus(u). (quello che gli ha messo la spada nelle mani)

Omero Atza

Deus iat ordinau Abramu, (Dio aveva ordinato ad Abramo)
a bociri a Isaccu cun amori. (di uccidere Isacco con amore)

Deu ddu fatzu po rispetu ‘e Salvatori, (io lo faccio per rispetto di Salvatore, ndr forse qualche maestro cantadore)
si no is duus fillus si ddus sistemamu. (altrimenti i due figli li sistemavo io)

Roberto Zuncheddu

A Simoneddu ddi pongu is frenus, (A Simonetto gli metto un freno)
i ap a circai de ddi cresci sa basi. (e cercherò di fargli crescere le basi)

S’isperantza mia est de si biri cras(i), (La speranza mia e di vedervi domani)
cumbatendi forti in is rennius allenus. (combattendo forti, alla conquista di altri regni)

Simone Monni

Istringeidda istrinta sa màllia, (Stingetela di più la maglia)
de Apollu sighendi s’avallu. (di Apollo seguendo l’avallo)

Si tui Omeru sighis a fai a mallu, (se tu Omero continui a far da cattivo)
notesta drommis in campu ‘e batall[i]a. (stanotte dormi nel campo di battaglia)

Simone Zuncheddu

Scipioni beni ti cuntenis(i), (Scipione, bene ti contieni)
candu iast bintu a Zama.  (quando vincesti a Zama)

Cresci o renniu, onori e fama, (Cresci regno, in onore e fama)
ca fortza bona ndi tenis(i). (perché hai buona forza )

Severino Monni

Imperadori po Campidanu, (Imperatore del Campidano)
fiat Urru po rimas e isterrinas. (era Urru per rime e sterrinas)

A Omeru ddi passu sa manu in s’ischina, (a Omero gli passo la mano nella schiena)
ma no tropu forti ca est antzianu. (ma non troppo forte perché è anziano)

Omero Atza

Cantadoris ancora no si creu, ( non credo che siate ancora Cantadores)
ma in su coru miu s’afratellu. (ma nel mio cuore vi affratello )

Po no ndi bessiri s’esercitu de Frantzischellu, (Per non uscire l’esercito di Franceschello)
castiai cummenti cumbatu deu. (guardate come combatto io)

Roberto Zuncheddu

Is sardus de su solu sardu, (I sardi del suolo sardo)
oi no funt prusu beatus. (oggi non sono più beati)

Po chini s’est meritau is gradus, (per chi si è meritato i gradi)
teni cumbatendi sempri riguardu. (abbiate sempre riguardo)

Simone Monni

Sa strada divina mostra, (La strada divina mostraci)
o Frantziscu Papa Bergolliu. (o Francesco Papa Bergoglio)

Cantu onori e cantu orgòlliu, (quanto onore e quanto orgoglio)
est a difendi sa stòria nostra. (è difendere la nostra storia)

Simone Zuncheddu

No est nàscia sa scintilla, (Non è partita la scintilla)
e nemus s’est dèpiu coi. (e nessuno s’è scottato)

Cun is gherreris chi tenis oi, (con i guerrieri che abbiamo oggi)
Brucei podis drommiri trancuilla. (Burcei puoi dormire tranquilla)

Severino Monni

Su sardu cantu de sei, (Il sardo cantu de sei* ) *canto improvvisato
fueddat de vitòrias e de isconfitas. (parla di vittorie e di sconfitte)

Portu de fronti un esercitu de frochitas, (Ho davanti un esercito di forchette)
e s’enemigu de binci est sa petza ‘e brebei. (e il nemico da vincere è la carne di pecora)

Omero Atza

A totus depu ringratziai, (A tutti devo ringraziare)
a si biri amigus mius. (arrivederci amici miei)

Deu si consìllu de essiri sempri unius, (Io vi consiglio di stare sempre uniti)
ca palas a pari no bincei mai. (perché voltandovi le spalle non vincerete mai)


 

Copertina: il Gran Maestro Jean Parisot de La Vallette durante il Grande Assedio di Malta
(dipinto di Charles Philippe Larivière)

 

Annunci

One thought on “Attacco al regno dei poeti: Omero Atza contro tutti [gara poetica]

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: