Catza manna, poesia di Zizi

 

Avrèschidu el da ora e pare sera (Albeggiato ha da tempo, e pare sera)
sos èlighes e chelcos in su monte, (le elci e le querce nel monte)
che umbras pigant subra s’orizonte (come ombre prendono sopra l’orizzonte)
dae sos truncos in sos(?) zigantes, (dai tronchi nei giganti …)
mentras sas nues nieddas e pesantes (mentre le nubi nere e pesanti )
minetant … in s’aera. (minacciano … l’aria)

Pro custa die, s’incontru ant fissadu (Per questo giorno, han fissato l’incontro)
sos chi s’arte professant de Diana, (quelli che si professano cultori dell’arte di Diana)
in dònzi tretu una figura umana (in ogni postazione un uomo)
si notada tra piantas e rocalzas, (si nota tra piante e rocce)
dae fusiles canes e canalzos (con fucili, cani e canalzos*) *persona che guida i cani
su buscu est totu cantu imghirriadu(?). (il bosco è tutto quanto inverdito )

Unu frùsciu lontanu dà signale (Un fruscio lontano da il segnale)
e cumintzas terribile sa lota, (e comincia la terribile lotta)
s’ ‘adde mezu dormida treme tota (treme la valle ancora addormentata)
a sos giannitos a boghes e sonos, (e le urla a voci e suoni)
e sos isparos si sighint che tronos (gli spari continuano come tuoni)
che annuntziàt malo(?) temporale. (che annunciano il temporale)

Unu polcrabu arrivada a sa posta (Un cinghiale arriva alla postazione*) *del cacciatore
pustis de aere fatu mannu giru, (dopo aver fatto un giro grande)
cummente lampu, partit unu tiru (come un lampo, parte un tiro)
chi a sa cursa sua pone frenu, (che pone freno alla corsa)
e sal fortzas furendidì ‘e s’ allenu (rubandogli le forze lo straniero)
ddu lassat … a mesu costa. (lo lasciano … in mezzo alle costole)

Ita allegria, ita cuntentesa (Che allegria, che contentezza)
a su polcrabu mortu, ca est de usu, (al cinghiale morto, è uso)
lu ruspint e ddu ponent sos pes susu (lo lavano(?) e lo mettono con i piedi in su)
lege binchidore pro su ‘intu, (la legge del vincitore per il vinto)
pro chie no at pòtidu in s’istintu (per chi non ha potuto nell’istinto)
alidare in sa culsa sa salvesa. (trovare la salvezza nella corsa)

Gai, Sardigna cara, pares tue (Così, Sardegna cara, sembri tu)
comente sos polcrabos persighida, (perseguitata come i cinghiali )
chie ti sta belzende(?) sa ferida ()
chi est peldende su corpu mortale. (che sta perdendo il corpo mortale)
Pòvera, t’an tratados sempre male (povera, ti hanno sempre trattato male)
sos catzadores mannos ater’ue (i grandi cacciatore di altrove)

Iscampu chilca, non curras in-vanu (Cerca scampo, non correre invano)
in su caminu de fronte a sa morte, (nel cammino di fronte alla morte)
mustra coragio, non ti feten corte (mostra coraggio, non farti …)
comente a oe chelos iscurosos, (come oggi, cieli scuri)
ma pro sol fizos tuos operosos (ma per i tuoi figlio operosi)
arvescat luminoso su manzanu (un alba luminosa al mattino)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...