Canzone contro l’occupazione militare e industriale: un “gòciu” di Enea Danese

La protesta può prendere varie forme:
Manifestazioni, scioperi, libri, articoli giornalistici, manifesti, volantini, poesie, murales, canzoni.

Una di queste canzoni tradizionali sarde, è “su gòciu“.

In genere i gòcius sono dei canti religiosi dedicati ai santi, ma vengono eseguiti anche per scopi civili.

Ecco un esempio di gòciu religioso, dedicato al martire Sant’Efisio, uno dei santi più apprezzati a Cagliari e nel Campidano:

De Casteddu appassionau, (Appassionato di Cagliari)
sempri sias difensori, (sempre sia il difensore)
sighei a essiri intercessori (continuate ad essere l’intercessore)
Efis martiri sagrau (Efisio, martire consacrato)

Ecco invece un cantu a gòciu (di tipo civile) del poeta improvvisatore Enea Danese.
La canzone si inserisce nel filone contro il Dio-petrolio e la fallimentare industrializzazione sarda di Francesco Masala e contro le basi militari.

NUIS COLORADAS (NUBI COLORATE)

Pilloneddus chi a nuis coloradas (Stormi di uccellini come nubi colorate)
ricamànt tanti fantasias (ricamavano tante fantasie)
tra is mindulas, bingias i olias (fra mandorli, vigne e olivi)
e in is artas linnas profumadas (e negli alti alberi profumati)
de sinzillu celu coloradas (colorati dal celo sereno)
in su mari puliu di Orrì (nel mare limpido di Orrì)
totu cosas bellas passadas (tutte belle cose ormai passate)
immoi ingunis nci nd’est de morri (ora laggiù c’è la morte)

Nc’est de morri po sa timoria (C’è la morte per la paura)
furisteris de attesu arribaus (forestieri arrivati da lontano)
sa tzitad’e is tubus trotoxaus (la città dai tubi attorcigliati)
gei dd’ant beni costruia (l’hanno costruita proprio bene)
parit ira mala benia (sembra un’ira maligna sopraggiunta)
chi appetigat e si fait sciala (che calpesta e fa scialo)
de sa genti nostra in tribulia (della nostra gente in affanno)
no eus connotu prus cosa mala (non abbiamo mai visto cosa peggiore)

No eus connotu e ne bistu mai (Mai abbiamo conosciuto e visto)
su dimoniu fait a sa muda (il demonio agisce in silenzio)
ma is trintas dinais de Giuda (ma i trenta denari di Giuda)
mai a nemus ant a arricai (non arricchiranno mai nessuno)
pran’e montis sighint a serrai (pianure e montagne continuano a recintare)
po nci ponni is mostrus de gherra (per metterci i mostri da guerra)
aundi trigu depiant arai (dove dovrebbero arare il grano)
is messaius chena de terra (i contadini senza terra)

Sentz’e terra e sentz’e traballu (Senza terra e senza lavoro)
crescit solu su filu spinau (cresce solo il filo spinato)
non nc’est pisci in su mari imbrutau (non c’e’ pesce nel mare inquinato)
cuddu mari chi pariat cristallu (quel mare che sembrava cristallo)
su pastori nci ‘ogat su tallu (il pastore porta via il gregge)
cun su coru de abetu prenu (col cuore pieno di rabbia)
ma sa morti sighit su ballu (ma la morte segue il suo ballo)
totu cantu fueddat de venenu. (tutto quanto parla di veleno)

Source

Annunci

3 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...