La terra delle Muse

Il gesuita trentino Antonio Bresciani, diceva nel 1850: ” Perch’ io vi prometto, che in Gallura e in Barbagia (n.d.r., non era stato in Campidano evidentemente), e per tutte le montane parti dell’Isola vi menerei per mano a udir pastori e bifolchi dialogizzare le ore intere per versi all’improvviso, con tale grazia, vivacità, arguzia e copia di sentenze e di guizzi poetici da farvi esclamare: qui siamo in terra delle muse“.

Per il barone tedesco Heinrich von Maltzan, nel 1886 l’improvvisazione era “l’apice di splendore della vita popolare sarda“, superiore a quella che si praticava nelle restanti parti d’Italia, perché non solo si badava “esclusivamente alla forma e alla rima“, ma anche “al soggetto, alla sua elevatezza, al suo fantastico ornamento“, tanto da definirli “veri poeti”.

Riprendiamo alcune poesie del libro di Salvatore Tola “La poesia dei poveri”, AMeD Edizioni, 1997.

… sulla poesia innata nei sardi…

S’omini sardu de calli si siat tempus in su nai e in su cantai
tenit abbisongiu de fai torrai su fueddu chi oindì dda zerriaus “rima”

(Il sardo di qualunque tempo, nel dire e nel cantare, ha bisogno di far combaciare le parole in quella, che oggigiorno si chiama “rima”)

(Dinu Maccioni)

… sulla scrittura …

Terra bianca, semene nieddu, (Terra bianca, seme nero,)
chena limba e dat faeddu. (senza lingua, da parola*) *la scrittura

(Alziator)

… ancora …

In camin’ ‘e funtana (Nella via per la fontana)
b’at preda iscrita (c’è una pietra con delle iscrizioni)
tot’a literas d’oro: (con lettere d’oro)

In camin’ ‘e funtana. (Nella via per la fontana)
pro no m’irmenticare (per non dimenticare)
un’emma, un’erra, un’i (una emme, una erre, una i)
in cor’iscritu m’ana (me l’hanno scritto nel cuore)

(Bellorini, Saggio di canti popolari nuoresi, 1892)

 

 

… sulla storia personale di ognuno…

Pensende chi sa vida est transitoria (Pensando che la vita è transitoria)
e isparit che butios de lentore (sparisce come gocce di rugiada)
ca totu non passamos a s’istoria, (siccome non tutti passiamo alla storia,)
massimu chie at meritu minore, (specialmente chi ha minor merito,)
dia cherrer lassare una memoria (vorrei lasciare una memoria)
in calidade de improvisadore (in qualità di improvvisatore)
pro chi m’intendan a poi ‘e s’adiu (perché mi possa sentire dopo l’addio)
sos chi non m’ana intesu sende ‘iu (chi non mi hanno sentito in vita)

(Pillonca)

… sulla conoscenza …

Biadu tue chi ses arrividu (Beato te che sei arrivato)
a imparare totu e totu ischire; (ad imparare tutto e tutto sai)
eo non bi so potidu arrivire (io non ci sono potuto arrivare)
pro chi prima de te sia naschidu; (anche se sono nato prima di te)
ateros puru morrer nd’apo ‘idu, (ne ho visti altri morire)
betzos, a sos chent’annos isparire, (vecchi, scomparsi a cent’anni)
nende: “Non sento de morrer in cust’ora (dicendo: “Non mi spiace morire ora)
ma sento chi no isco nudda ancora”. (mi spiace che non so nulla ancora”.)

(Antonio Cubeddu, in risposta ad un ragazzo saputello)

…sul colonialismo verso i sardi …

Ancora no nde sunu istracos (Ancora non sono stanchi)
de servire s’istranzu e s’istan bonos, (di servire lo straniero e stanno buoni,)
si cuntentana de fagher sos tzeracos (si contentano di fare i garzoni)
cando podian fagher sos padronos. (quando potrebbero essere padroni)

Nde sighini s’umore, sos capritzos (ne seguono l’umore e i capricci)
de su padronu istranzu e donzi moda, (e ogni moda del padrone straniero)
sos gustos, sos costumenes, sos ditzos, (i gusti, i costumi, i detti,)
cuntentos d’esser cotas a sa roda. (soddisfatti di essere rinforzi alla ruota)

(Remundu Piras)

No ndi teneus de siguru (Non abbiamo di sicuro)
de bonas e giustas lei: (leggi buone e giuste)
spagniolu o piemontesu (spagnolo o piemontese)
su pagu nostu s’arrasat; (il poco nostro ci porta via)
sa pena no s’interrumpit, (la pena non s’interrompe)
su mali no tenit fini. (il male non ha fine)

(Francesco De Planu, noto Olata Ciccheddu)

Su rei de savoia (Il re dei savoia)
esti mercant’ ‘e trigu; (è mercante di grano)
po no fai custa coja (per non fare questo matrimonio)
a su buginu piju. (prendo anche il “buginu”*)*diavolo

(Raffa Garzia)

In sa cort’ ‘e su rei (Nella corte del re)
ci ghet’unu sdarrasciu (getto uno sputo)

chi ti ponis cun mei… (se ti metti con me…)
sa mama chi t’a’ nasciu! (la mamma che t’ha creato!!!)

(Raffa Garzia)

A ti crocai andas (Vai a coricarti)
cando furrias tardu; (quando torni tardi)

is proprias funi sardas (nelle proprie funi i sardi)
impicanta su sardu. (impiccano altri sardi)

(Raffa Garzia)

… sulla caduta della nobiltà, il “din” sono i soldi, il “don” i titoli nobiliari…

Lis servin de pius affligimentu (Li servono con afflizione)
sos grados a su don ch’est abatidu, (i gradi al “don” che è caduto)
ca su din de su don s’est dispedidu (perché il “din” del “don” è sparito)
e restat sa nobilesa cun turmentu; (e resta la nobiltà con tormento)
custu si biet de isperimentu (questo si vede come esperimento)
ca su don de su din est avvilidu: (che il don e il din sono avviliti)
s’onore, s’est povèru, est affligidu (l’onore, se è povero, è afflitto)
chi donziunu nd’at cumpassione. (e ognuno ne ha compassione)

(Bachis Sulis)

… sui balentes …

I a tota fua comente unu ‘entu (A tutta velocità come un vento)
seus passaus, nonnu, tui e deu, (siamo passati, nonno, tu ed io)
in Campidanu, in s’Ollasta, (in Campidano, in Ogliastra)
in Cabesusu e in terra di Abraxa: (Nel capo di sopra e in terra di Barbagia)
e fuau’ bandidus e furonis. (eravamo banditi e ladri)
(Omini di onori (Uomini d’onore)
-nara’ sa genti-, (-diceva la gente-,)
furonis chi torrobanda (ladri che rubavano)
sceti predis arricus). (solo a preti arricchiti)

(Benvenuto Lobina)

Copertina: Matisse, la danza

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...