Bernardu Zizi, il poeta improvvisatore dalla vena comica

Bernardu Zizi è l’ultimo grande poeta improvvisatore sardo.

Unu de is mannus.

Ha cantato con i migliori poeti, Masala, Pazzola, Piras e creato delle improvvisazioni ironiche veramente efficaci.

Difficile per l’interlocutore vincere la gara contro Zizi.

Per quanto la statura di chi si trova di fronte è molto spesso di altissimo livello, Zizi riesce a strappare la risata al pubblico, al coro, agli altri poeti, ma anche a se stesso.

Per questo è molto popolare nel Logudoro e le sue gare sono sempre seguitissime.

Nel contesto della poesia improvvisata sarda, in cui a prevalere è la parola a discapito della melodia, Zizi riesce inoltre ad avere una voce ricercata e sicura, mai calante e stonata e ad interpretare con la mimica le sue parole.

Ascoltarlo è un piacere che non può non strappare un sorriso.

Prendiamo alcune rime dalle gare di Zizi con Masala (un altro gigante della poesia sarda, ma che rimane più composto e serioso) a Padria, l’argomento è moglie bella e povera oppure ricca ma brutta.

Dal minuto h1.00′

Zizi

Lassende dogni bara a postu sou (Lasciando ogni bara al posto suo*) * tema della gara precedente
cun chie a riposare ch’est bintradu (con chi a riposare c’è entrato)
como totu su tema est cambiadu (ora il tema è cambiato)
isperendi de fagher menzu prou (sperando di fare miglior prova)
deo s’ottantos annos cojados (io ottant’anni son sposato)
e in tema sposadu m’ant de nou (e in tema, sposato mi han di nuovo )
e mandadu pro anima gemella (e mi han dato per anima gemella)
una muzere povera ma bella (una moglie povera ma bella)

Masala

Su primu tema ja vidi impoltante (Il primo tema era importante)
e iscultadu l’asi se sighidu (e l’hai ascoltato e seguito)
a tempu so … finidu (il tempo … finito)
e cuncessu riposu a calchi istante (e concesso riposo per qualche istante)
e como su segundu apu legidu (ora il secondo ho letto)
ca su primu no este assimizante (e al primo non è somigliante)
ca Zizi tene povera una dea (Zizi ha povera una Dea )
e deo tenzo una rica e fea (e io ho una ricca ma brutta)

Zizi

Unu de nois at fatu un errori (uno di noi ha fatto un errore)
Devede andare pro si cunfessare (e deve andare a confessarsi)
deo siguramente no apo andare (io sicuramente non andrò)
proite no mi intendo pecadore (perché non mi sento peccatore)
leado una femina a s’altare (ho preso una donna nell’altare)
a issa apu isposadu pro amore (e lei ho sposato per amore)
Mariu b’adi unu neu in sa cuscientzia (Mario hai un neo nella coscienza)
d’at isposada pro cunvenientzia (l’hai sposata per convenienza)

Masala

Deo tenzo pro anima gemella (Io ho per anima gemella)
sa che sa tua bale de piusu (una che vale più della tua)
e sa bellesa lassamula assusu (la bellezza lasciamola lassù)
bella podimus narrer a s’istella (bella possiamo dire di una stella)
ma cando asi una femina bella (ma quando c’è una donna bella)
totus ja che li ponene los ojus susu (tutti le mettono gli occhi addosso)
e unu diciu antigu narat puru (e un detto antico dice)
chi sa bellesa si appiccat in su unu muru (che la bellezza si attacca al muro)

Zizi

Si sa muzere bella an dadu a mie (Se la moglie bella han dato a me)
pro la difendere est giustu chi lotte (per difenderla è giusto che lotti)
deo no apu fatu che a tie (io non ho fatto come te)
prite a tie incantadu ti at sa dote (perché a te ha incantato la dote)
deo l’apu isposada a mesu-die (io l’ho sposata a mezzogiorno)
tue l’asi isposada a mesu-note (tu l’hai sposata a mezzanotte)
candu l’as bida in s’altare mazore (quando l’ha vista nell’altare maggiore )
s’est fin’ asuconadu(?) su retore (si è spaventato anche il prete)

Masala

In custa cantilena finichela (finiscila con questa cantilena)
de fronte a unu populu diletu (di fronte ad un pubblico diletto)
celtu chi a las ‘ider a s’aspetu (certo che a vederla d’aspetto)
no est bianca e rubia che una mela (non è bianca e rossa come una mela)
ma prima nos che corcamos a su lettu (ma prima di coricarci a letto)
e poi ndi studamos sa candela (spegnamo la candela)
cando no b’at candela e istella (quando non c’è candela e stella)
a s’iscuru che passat che sa bella (al buio “ci passa” come una bella)

Zizi

No isco totu giustu chi este in cue (Non so se è tutto giusto quello che dici)
su chi a sa zente cheres racontare (quello che vuoi raccontare alla gente)
ca chi bos andadet a colcare (che quando andate a coricarvi)
tue a su letu bandas fue fue (tu a letto vai fuggi fuggi)
e si b’at calchi cosa de istutare (e se c’è qualcosa da spegnere)
no b’at bisonzu de istutare tue (non c’è bisogno di spegnere te stesso)
basta de bie a issa a sa vicina (basta vedere lei da vicino)
ca si fulminat donnia lampadina (che si fulmina ogni lampadina)

Masala

…Pro cussu no pensat chi nde molzat (Per questo non pensare che io muoia)
e chilcare no deves pilu in s’ou (e non devi cercare il pelo nell’uovo)
ma dae cando so isposu nou (ma da quando sono sposo novello)
apu richesa in bidda e in cuss’olza(?) (ho ricchezza in paese e …)
che b’isto pensende a s’obreschidolza(?) (perché sto pensando all’alba)
ca cando andamos donniunu a contu sou (e quando andiamo ognuno per conto suo)
celtu chi timu a iscurigare (certo che ho paura del buoi)
cando mi tocat che mi che colcare (quando devo coricarmi)

Zizi

Bides tue no pregas che a mie (Vedi tu non preghi come me)
non tenes santos pro ti favorire (non hai santi per favorirti)
pensadu solamente a t’arrichire (hai pensato solamente ad arricchirti)
su coru tou ca l’as  postu inie (il coro tuo l’hai posot li)
noi su sero andende a nos dolmire (noi la sera andiamo a dormire)
preghende chi no fetzas mai die (pregando che non arrivi mai il giorno)
tue in su pregare no ses gai (tu non preghi così)
preghende chi no fetza note mai (pregando che non faccia notte mai)

Masala

Custa critica Zizi che cancellat (Cancella questa critica Zizi)
poni in mente a palte che la pone’ (dammi retta, mettila da parte)
si amos cunsacrados s’unione (ci siamo consacrati nell’unione)
e s’emus una copia novella (e siamo una coppia novella)
celtu muzere mia no est bella (certo, mia moglie non è bella)
ma a sa femina faghes atentzione (ma la donna, fai attenzione)
pare chi su dimonius l’aiutat (sembra che il diavolo l’aiuti)
prus est bella e prus t’isfrutat (più è bella e più ti sfrutta)

Zizi

Ma nois siamos fatu sa promissa (Ma noi abbiamo fatto la promessa)
de a pagare totu sos disizos (di pagare tutti i desideri)
s’amore nostru no tene’ fastizos (l’amore nostro non ha fastidi)
sempre allegria a una meta fissa (sempre allegri ad una meta fissa)
si bois unu die abis fizos (se voi un giorno avrete figli)
e fizos tuos somizan a issa (e figli tuoi somiglian a lei)
at a parre su ‘ostru apartamentu (sembrerà il vostro appartamento)
de su dimoniu un allevamentu (del diavolo un allevamento)

Masala

Ma no asi in busciaca atentzione (Ma non hai cura delle tasche)
dinari a fagher unu giru in giostra (i soldi per fare un giro in giostra)
si amus cunsagradu s’unione (se abbiamo consacrato l’unione)
semus deo e issa in domu nostra (siamo io e lei in casa nostra)
no l’apelu(?) chere a sa esposizione (non voglio metterla in esposizione)
ne mancu de la jughere a sa mostra (e neanche metterla in mostra)
ca si est bella a bois cumprendere (che se è bella, a voi comprendere)
no mi d’apu leada pro la bendere (non l’ho presa per venderla)

Zizi

Tue no l’asa fagher sentinella (Tu non farai la sentinella)
pro me sa vida contada tota canta (per me la vita conta tutta quanta)
guai si da me benzere afranta (guai se da me venisse affranta)
su coro meu lu pone in cella (il mio cuore mettilo in cella)
muzere mia es che anghela e santa (mia moglie è come un angela santa)
prus l’amiro e prus pare bella (più l’ammiro e più sembra bella)
mi sana de amore ogni ferida (mi guarisce ogni ferita con l’amore)
ma tira che potente calamida (ma tira come una potente calamita)

Masala

Ma nd’amos bidu s’ esempiu continu (Ne abbiamo visto tanti di esempi)
sa poveltade est una cundanna (la povertà è una condanna)
chi no b’in d’at dilgratzia prus manna (non c’è disgrazia più grande)
in subra e sa facc’e su terrino (sopra la faccia della terra)
tui infati s’est fata unu inchinu (tu infatti hai fatto un inchino)
deo invece so ‘eteru che canna (io invece dritto come una canna)
cun dua manos chi parent dua rosas (con due mani che sembrano due rose)
e sas tua son tostas e callosas (le tue sono dure e callose)

Zizi

Ita ap’a fagher deo a sos concluos (Cosa farò io alla conclusione)
una muzere bella apo presente (una moglie bella ho presente)
deo mi conto unu nullatenente (io mi considero un nullatenente)
ca non possedo cussos benes tuos (perché non possiedo i beni tuoi)
deo apu unu pane solamente (io ho un pezzo di pane solamente)
e cussu pane ddu divido in duos (e quel pane lo divido in due)
tue asi aligusta cun crabitu (tu hai aragosta e capretto)
mirende a issa, perdes s’apetitu (guardando lei, perdi l’appetito)

Masala

De narrer su chi chelzo no mi impedes (Non mi impedisci di dirti quello che voglio)
e de fronte a mie iscumpari (e di fronte a me scompari)
bos … fea e ricos eredes (…brutta e ricchi eredi)
cun palatzos, terrinos e dinari (con palazzi, terreni e soldi)
e a cando mi stufo de sa Mercedes (e quando mi stanco della Mercedes)
‘tando m’apa leare una Ferrari (allora prenderò una Ferrari)
e tue a caddu a unu pei tundu (e tu a cavallo con un piede tondo)
su pius miserabili de su mundu (il più miserabile del mondo)

Zizi

Beru cun sas veturas ti trasferis (Vero è che ti muovi con le vetture)
cun s’isposa viagende ses continuu (viaggiando continuamenteo con la sposa)
ma mi an nadu chi in mesu caminu (ma mi han detto che a metà cammino)
su chi est sucessu a tie dì e deris (quel che è successo ieri)
t’ana firmados sos carabiners (ti hanno fermato i carabinieri)
e t’ana nau patente e bulletinu (e ti hanno chiesto patente e libretto)
su marescialllu t’at nau a sa cua (il maresciallo ti ha detto di nascosto)
s’iscimia lassala in sa gabia sua (la scimmia lasciala al suo posto)

Masala

S’iscimia est de atera ratza (La scimmia è di un’altra razza)
e is arratzas non la deves misciare (e le razze non le devi mischiare)
in domu babu nd’anzi a de mare (in casa mio padre …)
e de … a sa piatza (e … dalla piazza)
sas ultimas die de carrasegare (gli ultimi giorni di Carnevale)
no l’apa ponne mancu sa caratza (non le metto neppure la maschera)
ca sigumente male fadada s’iscura (sicuramente è mal fatata la poverina)
l’at postu sa caratza sa natura (le ha messo già la maschera la natura)

Zizi

Celtu muzere tua no nde incantat (Certo tua moglie non incanta)
prita l’at fata gai sa natura (perché l’ha fatta così la natura)
muzere mia est una ermosura (mia moglie è di una bellezza)
ca chini dda bidet sempre si nde ispantat (che chiunque la vede si stupisce)
non solu est fata bella de figura (non solo è bella di figura)
at fine boghe bella cando cantat (ha pure una fine voce quando canta)
sa tua d’una oghe diferente (la tua ha una voce differente)
a dda chi cantat issa, morit gente (e quando canta lei muore “gente”)

Masala

Lassa cantare su cuccu in beranu (Lascia cantare il cuculo in primavera)
poita cussu est unu puzoneddu (perché quello è un uccellino)
pero a dda chi fiat ancora janu(?) (però …)
ti ddu … in poddighe s’aneddu (te lo … nel pollice l’anello)
totu mi giamaiana Marieddu (tutti mi chiamavano Marietto)
donnia amigu e donnia paesanu (ogni amico e ogni paesano)
e comos seu unu miliardariu (ora che sono diventato miliardario)
totus cantu mi giamant Signor Mariu (tutti mi chiamano Signor Mario)

Zizi

Deo cun sa cumpanza fato festa (Io con la compagna faccio festa)
sempre felice mi poto contare (sempre felice mi posso ritenere)
cando ‘essimus fora a passizare (quando usciamo a passeggiare)
a issa leo sempre a mano destra (le tengo sempre la mano destra)
e si essera puru disonesta (e se anche fosse disonesta)
chie la tocat la deve pagare (chi la tocca la deve pagare)
tue in domo tua faghes rissa (tu in casa tua fai una rissa)
proite, po la tocare pagat issa (perché, per toccarla paga lei)

Masala

Cun muzere mia riguarda (Con mia moglie abbi riguardo)
no la tocana in cara ne in sinu (non la toccano in faccia e in seno)
ma in s’istaione calda (ma nella stagione calda)
caldo nos gia si ponimus in caminu (noi ci mettiamo in cammino)
a Costa Azurra o a Porto finu (in Costa Azzurra o a Porto Fino)
e cando semus in Cost’Ismeralda (e quando siamo in Costa Smeralda)
in logos chi sa vida costa cara (in posti in cui la vita è cara)
tue no podes andare mancu a Mara (tu non puoi andare neanche a Mara)

Zizi

Celtu deo non tenzo bastimentu (Certo io non ho bastimento)
nè tenzo aeroplanos pro volare (non ho aeroplani per volare)
tue as mannos possedimentus (tu hai grandi possedimenti)
e cun issa ti deves ispassiare (e con le ti devi divertire)
s’intrat in mare pro si bagnare (se entra in mare per bagnarsi)
cando ch’ides bintrende ses cuntentu (quando la vedi entrare sei contento)
tando ddi pregas a nostra signoras (allora tu preghi nostra signora)
faghes in modu chi non ndi bessat a foras (per fare in modo che non esco fuori)

Masala

Tue a nostra signora la salutas (tu la nostra signora lasciala stare)
che sa mama de Gesus beneida (che è la mamma di Gesù benedetta)
ma ite mi dichiaras un ‘isfida (ma perché lanci la sfida)
proite no cumprendes porcu Giuda (perché non capisci porco Giuda)
muzere tua a mare b’intrat nuda (moglie tua va al mare nuda)
muzere mia si tufa bestida (mia mogliesi tuffa vestita)
deo nende so chi bella siet (io dico che è bella)
adesset fea ma no si biet (sarà pure brutta, ma non si vede)

Zizi

muzere mia bella ed est onesta (mia moglie è bella e onesta)
critica no bin d’at di ‘oltare(?) (non ci sono critiche)
cun issa mai b’at una protesta (con lei mai una protesta)
cantu m’istimat issa, l’apu amare (per quanto mi stima lei, io l’amo)
chi calchi olta andamus a su mare (se qualche volta andiamo al mare)
fina sas unda si ponent in festa (anche le onde fanno )
ma si bandade bois che gitantes (ma se andate voi a fare i gitanti)
fuente dae s’ ispiagia sos bagnantes (scappano dalla spiaggia i bagnanti)

Masala

E abitende (?) faghes un’iscena (E abitando .. fai una scena)
cosas chi realtade(?) no assicurana (cose che in realtà non sono vere(?))
pero b’in d’at de poverus chi furana (però ci son tanti poveri che rubano)
pruite  sa busciaca ju che lena (?) (perché la tasca e …)
ma sa busciaca mia già est piena (ma la tasca mia è già piena)
e mi rispetana e no mi trascuranta (e mi rispettano e non mi trascurano)
eo poto pensare chi la ‘ocana (io posso pensare che la …)
ma la fea no la furana nè la tocana (ma la brutta non la rubano e non la toccano)

Zizi

No mi collochet de sa terra in fundu (Non mettermi sotto tutti)
ite ch’impolta si ricu no siat (che importa se non sono ricco)
si so vivende felice e giocundu (se sto vivendo giocondo e felice)
ca a su fiancu sa cumpanza mia (con a fianco la mia compagna)
ca bastat unu ‘asu (?) … e bia (che basta un bacio … e via)
pareus su pius ricu e custu mundu (sembriamo i più ricchi del mondo)
dare a sa tua unu ‘asu in omaggiu (dare alla tua un bacio in omaggio)
bi cheret unu barbaru coraggiu (ci vuole un barbaro coraggio)

Masala

Gia ses un’ora burdella burdella (Ancora stai borbottando?)
pero sa paghe chere rispetada (però devi rispettare la pace)
muzere mia sa malefadada (mia moglie e mal fatata)
no at mancu bisonzu ‘e sentinella (non ho bisogno di far da sentinella)
ma sa Elena si che l’an furada (Elena si, che l’hanno rapita)
e asi che l’an furada ca fit bella (e l’hanno rapita perché è bella)
e unu diciu antigu bi at de iudu (e dice un antico detto)
muzera bella, maridu … “pesante” (moglie bella, marito … “pesante”)
(non ha voluto dire “corrudu” (=cornuto) ma l’ha lasciato intendere, rompendo volutamente lo schema della rima)

Zizi

A sa mia non ponzas su difetu (Non dare difetti alla mia)
a dite cosa gai li regalas (a dire cose così…)
muzere mia fisicu perfetu (mia moglie ha un fisico perfetto)
mentre sa tua tene formas malas (mentre la tua ha brutte forme)
su chi muzere mia tene in petu (quello che moglie mia ha in petto)
muzere tua lu giughet(?) in palas (tua moglie ha nelle spalle*) *la gobba
e si la osselvant a con’abasciu (e se la osservano a testa in giù)
no distinghent si est femina o s’est masciu (no si distingue se è donna o uomo)

Masala

Sa vida mia est una cucagna (La mia vita è una cuccagna)
chi mezus de sa mia no bin d’at (migliore non potrebbe essercene)
in tot’… in mesu de s’annada (in tutta … in mezzo all’annata)
no timu ne tempesta ne sicagna (non temo tempesta o siccità)
ma cando vives a sa zoronada (ma quando vivi alla giornata)
chin che colcas cun dd’una cumpagna (e ti corichi con la tua compagna)
no t’istracu e pienu de sudore (e sei stanco e pieno di sudore)
no andat beni a fagher s’amore (non va bene per fare l’amore)

Zizi

Deo fato s’amore e so cuntentu (Io faccio l’amore e son contento)
da chi tenzo sa menzu cumpagnia (perché ho la migliore compagnia)
a l”ider  est bastadu unu momentu (a vederla è bastato un momento)
e subitu m’at fatu simpatia (e subito mi ha fatto simpatia)
m’at regaladu una fotografia (mi ha regalato una fotografia)
e nd’apo fato un’ingrandimentu (e ne ho fatto un ingrandimento)
tue de fotografia ndi ses privu (tu della fotografia ne sei privo)
cun issa non resistit s’obietivu (con lei non resiste l’obiettivo)

Masala

Deo de sa richesa mi cuntento (Io la ricchezza mi godo)
mancari nezan chi est cosa vana (anche se dicono che sia cosa vana)
per’ a tie sa bella dadu t’ana (però a te la bella ti hanno dato*) *il comitato della festa
cantadì cussa si no mi lamento (accontentati di quella, se no mi lamento)
bies chi e la giamas sa befana (dato che la chiami befana)
o la giaman s’istrega ‘e Benevento (o la chiamano la strega di Benevento)
pero deo pro nudda mi addoloro (però per niente mi addoloro )
a si seo ricu meda e mi nd’onoro (perché sono ricco e me ne onoro)

Zizi

Celtu, muzere mia no este uguale (Certo, mia moglie non è uguale)
muzere tua est tota diferente (tua moglie è differente)
chie no l’assimizat a sa zente (c’è chi la assomiglia alla gente)
chie chi d’assomizu a s’animale (c’è chi l’assomiglia a l’animale)
muzere mia santa cuncurrente (mia moglie santa concorrente)
la poden fagher miss universale (la possono fare miss dell’universo)
ma de muzere tua sa figura (ma di tua moglie la figura )
la ponen solu pro caricatura (la mettono solo come caricatura)

Masala

Tue de sa bellesa ti consola (Tu ti consoli della bellezza)
ca cussa ti an dadu in possidentzia (perché quella ti han dato da difendere)
ma in sa mia terrena esistentzia (ma nella mia terrena esistenza)
celtu no tenzo bella una viola (certo non ho una bella viola)
però sa nostra est sa possidentzia (però noi possediamo molti beni)
e a mie mi a basta cussa sola (a me basta solo questo)
no so che tue malefadadu (non sono come te mal fatato)
mezus chi no te seras cojuadu (meglio se non ti fossi sposato)

Zizi

Est a tie chi mancat dogni ispera (E’ a te che manca ogni speranza)
ca solu in sa richesa l’at distinta (perché la cerchi solo nella ricchezza)
però candu si spoza dogni sera (però quando si spoglia ogni sera)
tando su coro tirada una strinta (il cuore ha una stretta)
cando s’in d’ ‘ogat  sa parruca finta (quando si toglie la parrucca finta)
s’oju e cristallu cun sa dentièra (l’occhio di cristallo e la dentiera)
da chi si … tota sa istrutura (e si toglie… tutta la struttura)
bid’est unu ischerzu de natura (vedi che è uno scherzo di natura)

Masala

In conca no mi falat unu raju (In testa non mi manca un raggio(?))
a dda chi tenzo mannu capitale (e visto che ho un grosso capitale)
chi  totu cantu s’amu conta Maju (?) (se tutti abbiamo conta (?))
e ne manco una die passo male (non passo male neppure un giorno)
cando su meu est su capitale (visto che il mio è il capitale)
invece tue ses unu operaiu (invece tu sei un operaio)
dae una bella povera ite isperas? (cosa speri da una bella povera?)
mezus chi cojuadu no te seras (meglio se non ti fossi sposato)

Zizi

Ma nois semus in vida sempre in brios (Ma noi siamo sempre briosi)
e amos a fare gai sos concluos (e faremo qui le conclusioni)
cando tenimos amore tot’al duos (quando c’è l’amore tutti e due)
pro tantu ancora amos bi istade bios (per quanto ancora abbiamo …)
issa perdona sos isbaglios mios (lei perdona gli sbagli miei)
deo perdono sos isbaglios suos (io perdono gli sbagli suoi)
In ora tristas e in ora serenas (nelle ore tristi e nelle ore serene)
nos dividimos sas giojas e penas (ci dividiamo gioie e pene)

Masala

Ma se mesu preo … su sinnu (Ma se mezzo … il segno)
ca no est totu su tou su profitu (perché non è tutto tuo il merito)
muzere mia l’ ‘ider at deritu (mia moglie la vedi ha diritto)
ma est fea ca est spiritu malinnu (ma è brutta perché di spirito maligno)
calchi olta li do unu carinnu (qualche volta le do una carezza)
calchi olta li do unu basitu (qualche volta le do un bacetto)
ma so ricu e vida bella fato (ma sono ricco e bella vita faccio)
e femina si nde chelzo ja nd’agato (e donne ne ho se ne voglio)

Zizi

Cun issa deves esser tota vida (Con lei devi stare tutta la vita)
su cuntratu est de non de cambiare (il contratto non devi cambiarlo)
e issa a tie at a restare unida (a lei a te deve restare unita)
pro cantu in custu mundu at a durare (per quanto nel mondo durerà)
muzere tua est solu preferida (tua moglie è solo preferita)
innue b’at pizinnos de istitare (dove ci sono bambini da allattare)
al da chi issa bandat in visita (e quando va lei in visita)
sos pizinnos no chilcant pius sa tita (i bambini non cercano più la tetta)

Masala

Como sa tita lassala chièta (Ora la tetta lasciala stare in pace)
in custa festa de Antoni Santu (in questsa festa di Sant’Antonio)
cando so bene l’apo totu cantu (quando il bene ce l’ho tutto)
No so che tue poveru in bulleta (non sono come te povero in bolletta)
cussa ch’ a ca pasizo a sa brazeta (quella che a passeggio a bracetto)
poi cun Berlusconi ateretantu (poi va pure con Berlusconi)
giramos in sas festas de totue (giriamo alle feste di tutti )
pero is chin chi t’agatan tue (?) (però sanno dove ti trovi tu(?))

Zizi

Ti son an dado male sol disinno (Ti sono andati male …)
s’esempiu de sa tita fiat in cue (l’esempio della tetta era li)
e non deve brincare in ater’ue (e non devi saltare altrove)
deo so faeddende sos carinno (io sto parlando bene)
non solu la timen sos pizinnos (non solo la temono i bambini)
ma penzo chi la timas fino a tue (ma penso che la tema anche tu )
como pro issa ses in imbaratzo (ora per lei sei in imbarazzo)
li son fina creschinde sos mustazos (le stanno crescendo anche i baffi)

Masala

Pero cando a mie t’afiancas (Però quando ti affianchi a me)
in custa festa ‘e su santu de Lisbona (in questa festa del santo di Lisbona)
sende poeta pius arrejona  (essendo poeta di più devi ragionare)
chi asi in conca sas tu dal(?) bianca (se hai in testa … bianca)
ma deo ca de una vida ‘ona (ma io ho una vita buona)
ca so atzionariu in sas bancas (perché sono azionista nelle banche)
invece tue ses unu maridu (invece tu sei un marito)
ispiantadu piu cosu(?) e famidu (spiantato … e affamato)

Zizi

Tue ses atzionariu de sas bancas (Tu sei azionista nelle banche )
E deo invece viende in bulleta (e io invece vivo in bolletta)
deo no tenzo palatzos ne tancas (io non ho palazzi e terreni)
ma sa felicidat apo cumpleta (ma la felicità è completa)
si de sa nostra miramos sas anca (se della nostra guardiamo le anche)
muzere mia bella ch’est dereta (mia moglie è bella e diritta)
sa tua no at anca de pitzinna (la tua non ha anche da ragazzina )
ca paret fata dae su maist’ ‘e linna (e sembra fatta da un mastro falegname)

Masala

Ma lassami istare sa matana (Ma lasciami stare la …)
pius allegru cantar in custa festa (più allegro cantare in questa festa)
muzere mia, cunvintu nde resta (mia moglie, stanne convinto)
no est sorre Maria soberana (non è sorella di Maria sovrana)
celtu chi s’anca manca e i sal destra (certo che l’anca manca alla parte destra)
donniuna est tolta che una frullana (ognuno è tolta come una frullata(?))
però ista siguru fitianu (però stai sempre sicuro )
sena fenu non restamos in berano ( in primavera non restiamo senza fieno )

Zizi

Ca non b’in d’at motivu e non brigare (Non abbiamo motivo di brigare)
finimus custu tema risulano (finiamo questo tema comico)
aimus postu s’aneddu in sa manu (abbiamo messo l’anello in mano)
cun s’isperantzia de si cuntentare (con la speranza di accontentarsi)
e deo auguro chi donni bajanu (e io mi auguro che ogni scapolo)
una bella cumpagna a s’altare (trovi una bella compagna all’altare)
e pro esser su coju prus seguru (e per esser il matrimonio più sicuro)
chi sia bella e sia rica puru (auguro che sia bella e anche ricca)

Masala

Sa zente in Padria faghe piaghere (La gente in Padria fa piacere)
ca atentzione prestat assoluta (perché presta attenzione)
ma su tema ca imis(?) pro dovere (ma il tema che avevamo per dovere)
in sa nostra poetica dispùta (nella nostra disputa poetica)
Zizi l’amus cantadu pro una iscuta (Zizi l’abbiamo cantata per un’ascolto)
e deo ia fea una muzere (e io avevo una moglie brutta)
ma s’ora de finire est arrivada (ma è arrivata l’ora di terminare)
e bi la torro a chie mi l’at dada (e la consegno a chi me l’ha data)

P.s.
Perdonate la trascrizione e la traduzione, ma parlo la variante campidanese. Se qualcuno volesse indicarmi qualche correzione, ben venga.

p.p.s.
Quasi impossibile scrivere in lsc la lingua dei poeti. Cambierebbero completamente le assonanze e l’efficacia del suono delle parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: