Sa scomuniga de Predi Antiogu

La scomunica del Prete Antiogu, è una poesia-commedia in rima, di un anonimo dell”800.

La storia, studiata anche dal linguista tedesco Wagner, narra di un prete a cui hanno rubato le capre e, dal pulpito della chiesa, lancia strali al pubblico.

Il carattere burbero del prete ce lo fa immaginare un tipo simile a don Camillo.

La scomunica inizia con il prete che dal pulpito lancia scuminigas (maledizioni) ai fedeli e si toglie parecchi sassolini dalle scarpe, davanti ad un pubblico che ride del suo carattere burbero. 😀

Populu de Masuddas, (Popolo di Masullas)
chi a s’ora de accuiai (che all’ora tarda)
is cabonis e is puddas (i galli e le galline )
basseis a scrucullai, ( uscite a cercare)

donaimí attenzioni ( prestatemi attenzione)
po totu su chi si nau, (per tutto quello che vi dico )
si ap’ a teni arrexoni ( se avrò ragione)
de ciccai is crabas mias, ( nel cercare le mie capre)
ca funti giai dua’ bias ( che sono due volte)

chi dd’apu fattu notoriu (che l’ho reso noto )
e custu ad essi su trezzu ( e questo sarebbe il terzo)
e uttimu monitoriu. ( e ultimo monito)
Po chi nisciunu però (nessuno però )
no pozzad allegai ( non possa )

[…]

Po cuddus chi no ddu scinti, ( Per quelli che non lo sanno)
obrascendi a sa dí binti ( all’alba del giorno venti)
de su mesi chi ddu’ e’ bassíu, ( del mese appena passato )
ind’una notti `e scuríu ( in una notte buia)
facci a su spanigadroxu ( di fronte allo …  )

a i’ duas oras po is tresi ( alle ore due, quasi tre)
fuanta prus de xincu o sesi, ( erano più di cinque o sei)
chi, a pistoa e a scupetta, ( che con pistola e fucile)
passau’ funti in Genneretta, ( son passati in Genneretta)
s’ecca ant assattillau ( la porta hanno aperto)

e is crabas ind’anti liau ( e le capre hanno preso)
de mimmi su Vicariu; ( proprio quelle del Vicario)
ch’e’ sagundu su summariu chi ( che è secondo il sommario)
ddu’ a’ fattu me in Curia ( che lo ha fatto in Curia)
su missennori Notariu, ( il Monsignore Notaio,)

[…]
ddui fu’ su mascu sanau, ( c’era il caprone guarito)
ca donni’ annu dd’ ‘occía ( che avrei dovuto uccidere)
po Santu Liberau, ( per san Liberato)
e po tali sinnali fudi ( e per questo segnale aveva)
a manta pinturina ( la pelle pezzata)

e pottàda u’ ogu scioppau ( e aveva un occhio “esploso”)
de una puntura `e ispina. ( da una puntura di spine)
Eccu totu, in concrusioni, ( ecco tutto alla fine)
su chi e’ mancau a mimmi. ( quello che mi è mancato.)
Basciu pena de scomunioni ( Sotto pena di scomunica)

e scomunioni maggiori ( e scomunica maggiore)
a is chi anti furau a s’arrettori. ( a chi ha rubato al prete)
Po odrini de Munzannori ( per ordine di Monsignore)
is chi nd’anti pigau abettu ( quelli che l’hanno preso aspetto)
e ddu tenint in serchetu ( e lo tengono nel …)

funti totus obbrigaus (sono tutti obbligati )
a ridi fai relazioni ( a fare relazione)
in Curia o in cunfessioni, ( in curia o confessione)
chini íad essi chi si bolla’ ( chiunque sia)
a ddu depi dannunziai ( a denunciarlo)

est obbrigau amarolla. ( è obbligato per forza.)
Populu disdiciau, ( Popolo “disdetto”)
temerariu e prepotenti, ( temerario o prepotente)
chi non lassas cosa in logu, ( che non lasci le cose a posto)
ascutta e poni menti ( ascolta e dai retta)

a su chi na’ Predi Antiogu, ( a quello che dice prete Antioco)
asinuncas t’impromittu (altrimenti ti prometto )
chi t’apu a fai unu scrittu ( che farò uno scritto*) *una maledizione
chi per’ is arranconis, ( per gli angoli,)
sartus e bidazzonis ( campagne e villaggi)

de bestiamini e de lori (di bestiame e seminato )
no ddu’ ad a abarrai cambu, ( non rimarrà neanche un gambo)
ni massaiu, ni pastori ( né contadino, né pastore)
(ohi, amomía, oddeu) ( ahi, mamma-mia, oddio!)
e chi totu sa ‘idda intera, ( e che tutto il paese intero)

senz’ ‘e nisciuna spera, ( senza nessuna speranza)
ddu’ ad a cabai in prumu ( finirà in …)
e mannus e pittius ( grandi e piccoli)
a sa ‘ia ‘e su fumu! ( alla strada e al fumo)
Populo archiladori, ( Popolo …)

abbandonau de giai ( abbandonato di già)
de sa manu ‘e su Criadori, ( dalla mano del creatore)
torrandi a penitenzia! ( … ma tornando alla penitenza)
Si miticoi no ti sboddias ( Se malattia non ti svuota,)
de is affarius de cuscienzia ( dagli affari della coscienza)

s’incappa ti ddui troddias. ( se comunque te lo “spifferi”**) **letteralmente un peto
Ischi… ischi… ( Sappi, sappi)
Liori cun totu’ cantu is tiaus. (Seminato con tutti quanti i diavoli. )
Ma poit’ e’ chi sind’arrieis? ( Ma perché, ve ne ridete?)
Ma labai ca seis maus, ( Ma guardate che siete cattivi)

peu’ de osatrus no ddu’ ind’adi ( peggio di voi non ce n’è)
e seis in comunidadi (e siete in comunità )
una maniga de ladronis. ( una manica di ladroni)
Ni brabeis e ni angionis ( né pecore, né agnelli)
e ni baccas e ni bois ( e né vacche, né buoi)

no dda pódinti campai ( non possono campare)
sia’ de ‘idda o síada strangiu ( sia quelli locali che i forestieri)
ca ognuno boid intrai ( perché ognuno vuole entrare)
me in su cuu de su cumpangiu. ( in culo del compagno)
E ita tiau de manera, ( e che diavolo di maniera)

e ita toto imprabastais? ( e cosa …?)
I apustis s’annischizzais ( e dopo …)
ca sinci ‘ettant a galera: ( che vi buttano in galera)
a sa frucca íad essi mellus ( e alla forca sarebbe meglio)
e dd’ía a nai prus beni fattu ( e direi, fatto bene)

ca seis tantis mraxanis ( perché siete tante volpi)
e furuncus che i su `atto, ( e ladroni come il gatto)
imbidiosus de s’allenu ( invidiosi degli altri)
chi sindi sattant is ogus, ( che vi saltano gli occhi)
praizzosus che i su cani ( … come i cani)

ca ‘olleis bivi de fura ( che volete vivere di latrocinio)
e senza de traballai, ( e senza lavorare)
malandrinus seri’ ‘e contu ( malandrini senza limiti)
e i su chi pari’ prus tontu ( e quello che sembra più tonto)
indi ‘oddi’ sa musca in s’aria! ( acchiappa la mosca in aria)

Minci anca seis bassíus (dite che siete usciti)
infangaus finzas a bruncu (infangati fino al muso )
in donnia sotti `e peccau: (in ogni tipo di peccato )
minci e chini s’ad isbiddiau! ( … chi vi ha “spanciato”)
Chini, malintenzionau (chi, malintenzionato )

[…]

ni arraposu in logu. (né riposo in nessun posto)
Custu serba’ po is mascus. (questo serva per i maschi)
It’ap’ a nai immoi (Cosa diro ora)
a is eguas colludas? (per le cavalle in calore?)
Minci e chi si a’ parau! (chi è che vi ha …)

Gei nd’éis cundiu sa ‘idda (avete “condito” il paese)
cun centumilla maneras (con centomila mondi)
de lussuria e disonestadi! (di lussuria e disonestà)
Tengu finzas bregungia (ho quasi vergogna)
de ddu nai me in s’Artari: (di dirlo dall’altare)

sindi andais a Casteddu, (ve ne andate a Cagliari)
it’anca feis me inní? (cosa andate a fare lì?)
Na’ c’andais a srebí; (dite che andate a servire)
unu tiau, a bagassai! (un corno, a prostituirvi)
E finzas po tres arriabis (e pure per tre soldi)

osi feis iscrapuddai (e vi fate controllare)
de pustis chi su sodrau, (dopo il soldato)
su sennori cavalleri (il signore cavaliere)
os’ant appiccigau (vi hanno attaccato)
su mabi furisteri. (il male forestiero)

E immoi a intru ‘e ‘idda, (e ora dentro il paese)
ita manera e’ custa, (che maniera è questa)
ita tiau de farringiu? (che diavolo di fermento)
Totu su logu e’ pringiu (tutto il posto è “in cinta”)
e accanta de iscioppai. (e quasi pronto a scoppiare)

Candu mai custu s’e’ biu: (quando mai si è visto)
is bagadias angiadas! (le non sposate che hanno partorito)
Eguas de su dimoniu, (zoccole del demonio)
anch’e’ su matrimoniu (dove è il matrimonio)
e is cartas de isposai? (e le carte per sposarsi?)

Minci e chini s’ad isbiddiau (… chi è andato via dal paese)
e pottau a segu’ de carru! (e portato al sicuro il carro!)
E bosu Santu Luxori, (e voi San Lussorio)
chi seis su protettori (che sei il protettore)
e su Santu miu diciosu, (e santo mio diletto)

chi seis tantu poderosu (che sei tanto poderoso)
in celu, in terra e mari, (in cielo, in terra e in mare)
fadeimiddu su favori: (fatemelo il favore)
chi totus de su puntori (che tutti con l’influenza)
mroxanta conca a pari. (muoiano tutti insieme)

Mirai chi si ddu nau: (Ascoltate quello che vi dico)
si e’ chi mi ddu fei’ tenni, (è che me lo fate tenere)
po essi meraculosu (per essere miracoloso)
éis a cannosci a mimmi. (conoscerete chi sono io)
Os apu a fai una festa (e vi farò una festa)
[…]
Deu s’abettu, labai! (Io vi aspetto, guardate!)
Ni cun Santus, ni cun tiaus (né con santi, né con diavoli)
no nci brulleis meda, (non scherzate troppo)
asinuncas oi e totu (altrimenti oggi stesso)
ind’éis a torrai sa sceda, (tornerete la …)

e s’apu a biri a bacceddus, (vi vedrò con le stampelle)
fattus a cancarroni, (fatti a …)
morendu me in sa ‘ia (morendo in mezzo alla strada)
seria de curifessioni. (senza confessione.)
O creestis ca brullammu? (O credevate che stavo scherzando?)

Oh, ita mobentis chi seis! (Oh, che asini che siete!)
Eppuru gei ddu sciéis (Eppure lo sapete)
chi su carattiri miu (che il mio carattere)
teni’ s’autoridadi (ha l’autorità)
de torrai su mottu a biu. (di riportare in vita il morto)

Ellu e duncas? It’ e’ custu? (Quindi? Cos’è questo?)
Malignus e discannotus, (Maligni e sconosciuti)
chi ‘olleis degumai (che volete …)
po finzas is sazerdotus? (pure i sacerdoti?)

Per leggere il testo completo, vai al sito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...