Faulas, la montagna partorisce il topolino

In su tempu ch’is puddas (Al tempo in cui le galline)
biviant cun is margianis, (vivevano con le volpi,)
e non timiant is lepuris (e le lepri non temevano)
de corcai cun is canis, (di dormire con i cani)

unu grandu montagna (una grande montagna)
pringia de setti mesis, (in cinta di sette mesi)
cun d’n’ gridu aici mannu (cun un grido così grande)
iat avvisau is arresis, (aveva avvisato le volpi)

chi totus fiant curtas, (e tutte erano corse)
cun su coru tremanti, (con il cuore tremante)
credendi chi depessit (credendo che stesse)
angiai unu giganti. (partorendo un gigante)

Ma a pustis chi, spantadas, (ma dopo che, stupite,)
po prus de un’ora e quartu, (per più di un’ora e un quarto)
innì fiant atturadas (lì erano arrivate)
aspettendi su partu, (aspettando il parto,)

eccu, a s’acab, inveci (ecco, che alla fine invece)
de nasci unu Ciclopi, (di un Ciclope)
scieis it’est chi fiat nasciu? (sapete chi era nato?)
unu poberu topi! (un povero topo!)

Luigi Cadoni, Faulas, poesie umoristiche in sardo campidanese, Gia Editrice

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...