Su cantu a curba: la folk-music dei cantastorie sardi

Il cantu a curba (canto a strofe) è (era) utilizzato dai cantautori sardi per raccontare storie: morti drammatiche, storie di banditi, eventi storici e politici, ma anche canzoni ironiche (vedi sa motocicletta o sa figumorisca).

La struttura era sempre la stessa, otto strofe composte da dodici sillabe, con intermezzo musicale tra ogni strofa.
Sa cantzoni de s’annu de s’aciapa (La canzone dell’anno della cacciata) è stata scritta da Franco Madau, uno dei primi cantautori moderni in lingua sarda, che si rifà alla tradizione.
La canzone narra del periodo rivoluzionario sardo.

Nel 1793, i sardi, senza l’aiuto del (timoroso-delle-conseguenze) re piemontese, cacciarono i francesi, venuti ad “esportare” la rivoluzione.

Seguirono le rivendicazioni di maggiore autonomia dei sardi (respinte dal re) e la successiva cacciata del vicerè con tutti i suoi cortigiani piemontesi, incapaci di pronunciare la parola cixiri (cece) “alla sarda”, quale parola chiave per individuare lo straniero da cacciare.

A questi eventi seguirono i moti rivoluzionari contro i feudatari, i moti repubblicani e la breve ascesa di Giovanni Maria Angioy.
Tutto finì nella sanguinosa repressione del re, che trovò facile terreno nelle divisioni dei sardi pentiti della possibile deriva repubblicana.

Il 28 Aprile di ogni anno si festeggia s’annu de s’aciapa, Sa die de sa Sardegna (Il giorno della Sardegna)

In s’annu de gratzia millesetticentus ( Nell’anno di grazia millesettecento)
su norantaquatru in die bintottu aprili ( il novantaquattro del ventotto Aprile )
In Casteddu bivint istoricu momentu ( A Cagliari vivono lo storico momento )
custa no est s’ora po sa genti vili ( questa non è l’ora per la gente vile)
Cabras cun Pintore portanta in galera ( Cabras con Pintore mettono in galera)
po sa genti sarda no nce prus ispera ( per la gente sarda non c’è più speranza )
Po sa genti vili custa no est s’ora ( per la gente vile questa non è l’ora)
su visurei Baiocu ci bogaus a fora ( il vicerè Baiocu sbattiamo fuori)

Foras de Sardigna, baidindi piemontesu (  Fuori dalla Sardegna, vai piemontese)
curri prus chi podis, baidindi attesu ( corri più che puoi, vai lontano)
In sa terra nostra tui prus no ponga peis ( nella terra nostra più non mettere piede)
baidindi allestru malu visurei ( vai veloce, cattivo vicerè )
Malu visurei baidindi prestu (Cattivo vicerè, vattene presto )
po sa terra sarda ses tropu molestu ( per la terra sarda, sei troppo molesto)
pigadì sa navi giai chi tenis tortu ( prendi la nave, visto che hai torto)
movidindi allestru fora de su portu ( muoviti veloce, fuori dal porto)

In sa terra nostra prus no pongas pei (Nella terra nostra, non mettere più piede )
faisì su prexeri torra aundi est su rei ( Facci il piacere, torna dal re)
Naraddì chi nosus no seus prus molentis ( Digli che noi, non siamo dei muli)
Bai e portadinci puru is parentis (vai e portati pure i parenti )
Bai e portadinci is parentis puru ( Vai e portati i parenti anche)
po sa genti nostra tui ses tropu duru ( per la gente nostra tu sei troppo duro)
tui ses tropu duru po sa genti nostra ( tu sei troppo dura per la gente nostra)
no isciu chi su rei d’apa fatt’apposta ( non so se il re, l’abbia fatt’apposta)

Depis pagai su mali ch’as fatu (Devi pagare il male che hai fatto )
no isciu chi su rei iscipia su misfatu (non so se il re, sappia il misfatto )
tui ses tropu malu torradindi a innìa ( tu sei troppo cattivo tornatene lì)
naraddi a su rei, chi ‘oleus s’autonomia ( digli al re, che vogliamo l’autonomia)
De s’autonomia naraddi a su rei (dell’autonomia, digli al re )
de nosus e totu si ‘oleus fai sa lei ( da soli vogliamo farci le leggi)
po sa genti strangia, logu no nci ndadi ( per la gente straniera, non c’è posto)
e naraddi a su rei chi ‘oleus sa libertadi ( e digli al re che vogliamo la libertà)

Candu eus cumbattiu contras a su Frantzesu (Quando abbiamo combattuto contro il francese )
no fiat po debadas, oh su piemontesu ( non era per niente, oh piemontese)
arregordasiddu su chi eus fatu insaras (ricordaglielo quello che abbiamo fatto allora )
candu eus cumbattiu no fia po debadas ( quando abbiamo combattuto non era per nulla)
de sa libertadi, naraddì a su rei ( della libertà, digli al re)
e naraddi puru de s’ugualidadi ( e digli pure dell’uguaglianza)
nosus cumprendeus sa fraternidadi ( noi capiano sa fraternità)
fradis uguali, si faeus sa lei (fratelli uguali, facciamo la legge )

Si faeus sa lei a misura nostra (Ci facciamo le leggi a misura nostra )
no isciu chi su rei d’apa fatu mai (non so se il re l’abbia fatto mai)
in is manus tuas s’adi abandonau (nelle mani tue ci ha abbandonato)
su malu guvernu s’at arregalau ( il mal governo ci ha regalato)
candu t’at a biri chi ti nc’eus bogau ( quando ti vedrà che ti abbiamo cacciato)
de malas manera s’at a immaginai ( con cattive maniere, s’immaginerà)
de ti nci bogai est s’unica risposta ( che il mandarti via era l’unica risposta)
chi su sardu est arrosciu de si sopportai ( il sardo è stanco di sopportarvi)

Su populu sardu libera Casteddu ( il popolo sardo libera Cagliari)
ndi teneus de genti po si guvernai ( ne abbiamo gente per autogovernarci)
Cabras cun Pintori, Sulis e Cadeddu ( Cabras e Pintori, Sulis e Cadeddu)
Giuanni Maria Angioi, c’est Pintoreddu ( Giovanni maria Angioy, Pintoreddu)
Benimindi nobilis de sa monarchia ( Venite nobili della monarchia)
podeus fai sa lei de s’autonomia ( possiamo fare la legge dell’autonomia)
sa reali udienzia podi cumandai ( la reale udienza per comandare)
s’at a guvernai Giuanni Maria ( ci governerà Giovanni Maria)

Si dd’at a cantai Frantziscu Mannu ( Ve lo canterà Francesco Mannu )
omini de coru, poeta e cantori ( uomo di cuore, poeta e cantore)
de su patriotu, sa cantzoni forti  ( del patriota, la canzone forte)
gei si dda cantaus beni a su tirannu (la canteremo bene al tiranno)
Patriotu sardu, no timit sa morti (Patriota sardo, non teme la morte )
s’anta benedixi is santus e Maria ( ci benediranno santi e Maria)
sa mama divina de su redentori ( la mamma divina del redentore)
Gesus chi est mortu po sa tirannia ( Gesu che è morto per la tirannia)

Libera casteddu o populu sardu (Libera Cagliari o popolo sardo )
totu sa Sardigna s’at a liberai ( tutta la Sardegna si libererà)
po si fai giustizia no est tropu tardu  ( per farci giustizia non è troppo tardi)
ndi teneus de genti po si guvernai ( abbiamo persone per autogovernarci)
Sulis e Cadeddu, Pintori cun Cabras ( Sulis e Cadeddu, Pintori ccon Cabras )
Pintoreddu cesti e Giommaria Angioi,  ( Pintoreddu e Giovanni Maria Angioy)
sa battalla est oi no fiat po debadas ( la battaglia è oggi, non era per nulla)
cun s’autonomia cumintzeus de oi ( con l’autonomia, cominciamo da oggi)

Cumintzaus de oi po s’autonomia ( cominciamo da oggi, con l’autonomia )
oi d’eus acabada cun sa tirannia (Oggi l’abbiamo finita con la tirannia )
allirgai su coru o Sardigna mia ( rallegra il cuore o Sardegna mia)
oi d’eus acabada cun sa genti allena ( oggi l’abbiamo finita con la gente straniera)
de nosus a totu s’eus a guvernai ( da soli ci governeremo)
oh genti gagliarda, ndi baliat sa pena ( oh gente gagliarda, ne vale la pena)
as a benn’ a biri o genti gagliarda ( vedrete, o gente gagliarda)
no at a morri mai custa Patria sarda ( non morirà mai questa Patria sarda)

Custa Patria sarda no at a morri mai (Questa Patria sarda non morirà mai  )
d’ogna coru sardu d’at a cunfirmai ( ogni cuore sardo lo confermerà)
libera Sardigna e libera Casteddu ( libera Sardegna e libera Cagliari)
circa piemontesu atru tzeraccheddu ( cerca piemontese un altro servitore)
chi aguanta su ‘entu, eus a bentulai ( se continua il vento, noi sventoleremo)
contis e baronis, feudatarius arriccus ( conti e baroni, feudatari ricchi)
cun is piemontesus, totu a su Siccu ( con i piemontesi, tutti a su siccu)
totus a su siccu po ddus imbarcai ( tutti a su siccu con i piemontesi)

totus a su Siccu po ddus imbarcai ( tutti a su siccu con i piemontesi)
custa Patria sarda no at a morri mai (questa Paria sarda non morirà mai )

Nella copertina “Uomo con chitarra”, dipinto di Antonio Freda

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...