Sa limba mea

Cann’in iscola galu minoreddu (quando a scuola ero piccolino)
In sardu progaia a faeddare (In sardo solevo parlare)
Su mastru meu pro mi mezorare (il mio maestro  per migliorarmi)
A corfos mi piccavat de bacheddu
(a colpi mi picchiava con la bacchetta)
De ainu mi davat su capeddu
(mi dava il cappello d’asino)
E mi fachiat s’iscola zirare
(e mi faceva girare la scuola)
Ma jeo cussa limba apo mantessu  
(ma io quella lingua ho mantenuto)
Peri chi m’apan iscutu e offesu 
(Anche se mi hanno picchiato e offeso)

Cuss’est sa limba de sa zente mea (questa è la lingua della gente mia)
Chin cussa limba a mama apo mutidu (con questa lingua mamma ho sentito)
In cussa limba prant’apo e sufridu (in quella lingua ho pianto e sofferto)
L’apo in su coro la tenzo in idea (ce l’ho nel cuore e nella testa)
Cust’est sa limba de s’isula intrea (questa è la lingua dell’isola intera)
Pro tottu nois est oro cannidu (per tutti noi è oro colato)
Si la perdimus ne pranghimus totu (se la perdiamo, piangiamo tutto)
Ca est su bene chi amus connottu (Perché è il bene che abbiamo conosciuto)

Peppe Montesu, poeta che pubblica su Facebook dal 2012
Frearju 2017

Copertina: il gioco della campana, Théophile Emmanuel Duverger

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...