Tziu Efisieddu Lecca [filastrocca sarda]

Tziu Efisieddu Lecca (Sig. Efisieddu Lecca)
nc’est arrutu a mari (è caduto in mare)
e no dd’ant acutu (e non hanno fatto in tempo)
a ndi ddu piscai (a tirarlo fuori)
beni tzia Marietedda (viene signora Marietedda)
cun sa carrettedda (con la carriola)
a ndi ddu portai (per portarlo)
derettu a campusantu (dritto in camposanto)
s’intendit su prantu (si sente il pianto)
de totu sa genti (di tutta la gente)
sa mama dolenti (la mamma dolente)
su babbu a dolor”e brenti (il babbo con il mal di pancia)
su fillu est partiu (il figlio è partito)
e no ‘olit prus torrai
(e non vuole più tornare)

Canta, canta carroga beccia (canta, canta vecchia cornacchia)
cuccuru spinniau (testa pelata)
cumenti petza de angioni (come la carne di agnello)
e chi no nci bolis crei (e se non vuoi crederci)
mussiadì unu pei (morsicati un piede)

Copertina: canzone del pappagallo di Giuseppe Biasi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...