I poeti cagliaritani: racconti di un tempo dalla città bianca

Casteddu mannu, frori de su mundu, (Cagliari grande, fiore del mondo)
Londra terza e Napoli segundu! (Londra terza e Napoli secondo)

cantavano un tempo i cagliaritani, a cui risponde Sassari (eterna rivale):

Tatari mannu, Cagliari minori (Sassari grande, Cagliari monore)

e a tutti risponde Sanluri:

Roma capu mundu (Roma capitale del mondo)
e Seddori segundu! (Sanluri secondo) (bontà loro, hanno concesso il primato a Roma!)

Sembra impossibile dirlo oggi, ma Cagliari aveva in passato dei cantori in lingua sarda “casteddaia”.
Oggi la città imborghesita, parla quasi esclusivamente italiano e ha perso l’ironia campidanese tipica dei poeti “de casteddu”.

Molte poesie popolari ci mostrano il vecchio mercato (nell’attuale piazza Jenne) non più esistente, tra l’odore de su giarrettu (zerri) con piccioccus de crobu, ragazzini che per pochi centesimi portano la spesa:

Brigungia, signori carrighendi!” (vergogna il signore che porta pesi).

fa esclamare ad un ragazzino la poetessa Teresa Mundula Crespellani nella poesia Su piccioccu ‘e crobi.

Nella poesia It’heus a fai a prandiri? di Franca Ferraris Cornaglia,

In sa buttega prena (Nella bottega piena)
suspirant is signoras: (sospirano le signore:)
domu, maridu, fillus, (casa, marito e figli,)
(‘ta pensamentu is fillus!) (quanti pensieri i figli!)
Est sempri un arrosariu (E’ sempre un rosario)
senz”e mancu misterius; (senza mistero)
e poi, de tanti in tanti, (e poi, di tanto in tanto,)
coment”e unu suspiru: (come un sospiro:)
“It’heus a fai a prandiri?”. (Che cosa faremo a pranzo?)

Sono le grandi questioni della vita.
Come quelli dei poveri che non possono permettersi “s’interru de sa mama” (“il funerale della mamma”, di Luigino Cocco):

Cun su coru frunziu che ‘na pabassa, (Con il cuore appassito come uva passa)
a pagu a pagu, accostat a sa porta (pian piano si avvicina alla porta)
e domandat, tocchendi: – Est innoi sa morta? (e domanda, toccando: – E’ qui la morta?)
Permesso? Son venuto per la cassa.. 

Gravi, a ogus calaus si fait sa gruxi: (Grave, a occhi bassi fa il segno della croce)
– Passienzia tenei po sa sventura…- (Pazienza per la sventura)
E in d’unu nudda pigat sa mesura (E all’improvviso prende la misura)
po sa cascia ‘e castangia, fau o nuxi. (per la cassa di castagno, faggio o noce)

[…]

Ma issu non s’incurat de su spantu. (Ma lui non si cura dello stupore)
Issu est gìai fueddendi po sa spesa. – (Sta già parlando della spesa)
-Nos ci dda ‘nterraus de poberesa. (- Noi la sotterriamo in povertà )
Gi’ si perdonat calincunu Santu… (Già ci perdonerà qualche santo…)

Oppuru faeus beniri a Maistu Manca, (Oppure facciamo venire Mastro Manca,)
a issu chi est fusteri ‘e bonu coru. (lui che è falegname di buon cuore)
ita ndi feus de is maniglias in oru? (Cosa ce ne facciamo delle maniglie d’oro?)
Gi’ bastat semplici, a linna bianca… (Già basta semplice, di legno bianco)

A su baulu, in prus, ddi feus donai (Al baule, in più, gli facciamo dare)
‘na manixedda de color”e nuxi, (una piccola mano di color noce)
po chi a mammai ci dda ‘nterreus a luxi (per quanto a mamma la sotterreremo a luce)
e su mundu no tengat ita nai. (e il mondo non abbia niente da ridire)

Cantus bortas mammai si dd’hat nau (Quante volte mamma ce lo disse)
(aici gosendi gloria in celu siat) (godendo la gloria del cielo sia)
chi a ispendiri menda no boliat, (che non voleva che spendessimo molto)
immoi chi babbai puru est arrimau (ora che anche babbo è malato)

e seus pighendi a fidu in sa buttega. (e compriamo a fido nella bottega)
Cinquantamila francus fun mannus: (Cinquantamila lire sono troppe)
no dd’hemus a torrai mancu in duus annus, (non le renderemo neanche in due anni)
pighendiddu in sa cascia ‘e Sant’Arega. (prendendo dalla cassa di Santa Greca)

Si ci fiant is traballus che ‘na borta, (Se ci fossero i lavori di una volta)
candu babbai intràt bona cidada, (quando babbo portava una buona paga settimanale)
nos a mammai ci dd’hemus collocada (noi a mamma l’avremmo messa)
in tumbinu: aici fiat prus arregorta… (nella tomba in muratura: così sarebbe più protetta)

… una commedia in piena regola…

… invece is piscadoris di Giorgino che aspettano Sant’Efis gloriosu, si preparano per arrivare prima di tutti ed avere la postazione migliore per vedere il santo:

Est pronta sa faixedda, Arrita? (Sono pronte le fave, Rita?)
chi est ora de si moviri (che è ora di partire)
po lompiri a Quarta Regia (per arrivare a Quarta Regia*torre tra Cagliari e Giorgino)
primu de agatai prenu (prima di trovare pieno)
su logu a istibbadura; (il posto, come una scatola di sardine)

[…] durante la processione, tra tanti personaggi importanti a cavallo…

Efixeddu in su cocciu (S.Efisio nel coccio)
castiat a celu (guarda in cielo)
e ascurtat is arresus (e ascolta i …)
e tot’is promittenzias (e tutte le promesse)

[…] e finalmente si pranza:

A sa parti, Chichinu. (Buon appetito, Chichinu)
Ita naras, Peppinu, (Che dici, Peppino)
nd’hiast essiri bistu mai (avevi mai visto)
de burricus a cuaddu? (asini a cavallo?)

(Sa partenza ‘e Sant’Efis, Paolo de Magistris)

… e i preti che passano per fare su “mangiamoi” (benedizione delle case, termine ormai perduto) uscendo da su “Seu” (la Cattedrale).

Tutti dentro la città bianca, che con la storia di dominazioni e di lingue, mettono insieme il nobile decaduto con il povero “imbriagoni” (ubriacone), in cui le distanze si mantengono, ma si scherza insieme, e bisogna essere pronti nella risposta.
Come in un grande paese, tutti si conoscono.

In fundu in fundu a una buttega ‘e binu, (In fondo in fondo ad una bottega di vino)
ananti de una mesa incutulia, (davanti ad un tavolo …)
ci funt ziu Aremundu e ziu Angelinu (ci sono sig. Raimondo e sig. Angelino)
arrexonendi cun filosofia. (ragionando con filosofia)

S’ogu cravau a sa tassa sbuida, (L’occhio che fissa il bicchiere vuoto)
assaborendi s’urtimu ziccheddu, (assaporando l’ultimo sorso)
funt contendu is gosus de sa vida (stanno contando le gioie della vita)
candu si scìt gustai su binu nieddu. (quando si sapeva gustare il vino nero)

… o il nobile decaduto che si ritrova nei salotti:

I festixeddas chi Donna Grazietta (Le festicciole che Donna Grazietta)
donat su giobia sunt suspiradas… (dà il giovedì sono sospirate…)
A is beccixeddus, meda ddas allettat ( Ai vecchietti, molto liete)
cussa ciacciarra, is contus, is portadas. (quelle chiacchiere, i racconti, le portate.)

(Is imbriagonis e Su salottu de Donna Grazietta, di Teresa Mundula Crespellani)

oppure le differenze tra il cittadino e il biddunculo (paesano), arrivato a Cagliari per fare fortuna (“Su majolu” di Canelles), che

Ponìddi guantus, gruxis, oreria! (mettigli guanti, croci e ori)
faiddu deputau, mancai de prus; (fallo deputato, anche di più;)
ma de majolu no ndi bessit mai! (ma de majolu, non ne esce mai!)

Si parla anche della tragedia delle bombe di Cagliari durante la seconda guerra mondiale, in una cronaca quasi splatter:

Bombas de milli chilus sganciadas (Bombe di mille chili, sganciate)
in mesu de is arrugas is prus bellas; (in mezzo alle strade più belle)
peus chi in conca s’arruessint is istellas: (peggio che cadessero le stelle in testa)
domus de trinta metrus sciusciadas. (case di trenta metri distrutte)

… e il dopo guerra, con i martinicheris (contrabbandieri)

Sa martinica ‘e oi già est cos”e nudda! (Il contrabbando di oggi non è cosa da poco)
Dognunu crescit preziu senz’e frenu: (ognuno aumenta il prezzo senza freni)
unu boi balit unu trenu, (un bue vale come un treno)
cincuxentus est pagu po una pudda! (cinquecento è poco per una gallina)

(Is bombas de Casteddu e Sa martinica, di Teresa Mundula Crespellani)

C’è chi segnala il degrado:

Tristuras de Casteddu: (Tristezze di Cagliari)
bia Arroma est una bassa, (via Roma è un cesso)
cun ominis bistius (con uomini vestiti)
a moda de bagassa. (alla moda delle puttane)

[…] con la speranza che:

… chi depit torrai mannu (deve tornare ad esser grane)
e primu … che frori de su mundu. (e primo … come il fiore del mondo)
E torrit Londra terza (e ritorni Londra terza)
e Napoli segundu! (e Napoli secondo!)

(Mario Licheri, S’interru de Casteddu mannu).

C’è spazio anche per Ottone Bacaredda, storico sindaco cagliaritano di inizio novecento:

Mischinu, Bacaredda, (Poverino Bacaredda)
‘ta mali est acabau: (che brutta fine ha fatto)
de su celu a s’inferru (dal cielo all’inferno)
ci dd’hant iscavuau (l’hanno lanciato)

Per la cronaca Bacaredda fu causa della rivolta cagliaritana del 1906, il quale rispondendo alle operaie della tabaccheria sul caro prezzi, rispose in maniera incredibilmente simile alla frase di Maria Antonietta prima della rivoluzione francese:

“È cara la carne, sono cari i pesci? Compratevi il baccalà”

… iniziò una rivolta cagliaritana, che seguì in tutta la Sardegna. Si buttarono gli autobus in mare (vedi Quel Maggio 1906: Ballata per una rivolta cagliaritana di Sergio Atzeni).

E’ proprio vero che dalla storia non si impara mai!

Infine un mutettu anonimo dell”800, raccolto da Raffa Garzia, sulla sfortuna che capita all’autore, a cui va tutto male, ma che la prende con ironia:

Morint is pipieddus (Muoino i bambini)
candu cantat sa zonca; (quando canta la civetta)
si mi pongu a fai cappeddus, (se mi metto a vendere cappelli)
sa genti nascit senzӏ conca (la gente nasce senza testa)

Tutto veniva canzonato, messo in rima, impresso nelle menti dei cittadini, per diventare storia per qualche anno o più, a seconda del rumore che faceva.
Come l’Arreula, antico strumento di legno che girando faceva un fracasso infernale, era l’estemporanea rima canzonatoria:

[…]
…era l’Arreula lepida,

l’estemporanea arreula
pedilibera polimetra
tamburina
che metteva il mondo
alla berlina!…

(Arreula!, Aquilino Cannas)

Tratte da: Cagliari e i suoi poeti in lingua sarda, di Matteo Porru, Edizioni Castello

Ph copertina

Annunci

One thought on “I poeti cagliaritani: racconti di un tempo dalla città bianca

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: