La poesia contro l’attacco a Cagliari dei rivoluzionari francesi (1793)

La poesia “Sa religione contra sa libertade e s’iguaglianza” fu attribuita al prete-poeta Luca Cubeddu (ma qualcuno la attribuì al poeta prete Pietro Pisursi) un poemetto, andato perduto, fatto di 97 stanze, scritte per il respinto tentativo di invasione dei francesi rivoluzionari del 1792-1793.

Alcune tracce vengono citate dal canonico Spano. Eccone alcune:

Stanza 83, sulla caducità delle cose terrene:

Ue sunt sas ricchesas de Dariu? ( dove sono le ricchezze di Dario?)
O s’armada de Xerse persianu? (o l’armata di Serse persiano?)
De Annibal e Cesare ue est su briu? (da Annibale e Cesare dove è il brio?)
O de cuddu Corneliu s’africanu (o di quel Cornelio l’africano)
Sunu passados totus que unu riu (sono passati tutti come un fiume)
Qui andat a s’attuffare in s’oceanu. (che vanno a tuffarsi nell’oceano)
Asi disparit ogni majestade (Così sparisce ogni grandezza)
A vista de una immensa eternidade. (A fronte di una immensa eternità)

Inue est cuddu raju de battaglia (dove è quel raggio di battaglia)
Alexandru su fizu de Filippu? (Alessandro il figlio di Filippo?)
A vista de su quale ogni muraglia (A vista del quale ogni muraglia)
Que de bidru ruiat a dissippu? (Che di … cada il dissipo?)

ecco la stanza 90:

Quando Franza imbiesit pru de chentu (Quando la Francia inviò più di cento)
Naves cun trupas e bombas pesantes (navi con truppe e bombe pesanti)
pro nde bettare a Casteddu in su momentu (per gettarle a Cagliari nel momento)
Et prender sos reales habitantes, (E prendere i reali abitanti)
Armesit sas tempestas prus sonantes (Si armino le tempeste più sonanti)
Et attappat sas naves totu a pare (E … le navi tutte insieme)
Que fiascu, ludibriu de su mare (Che fiasco, ludibrio del mare)

bombardamento-a-cagliari
Bombardamento a Cagliari

Invece questa seconda, sullo stesso tema, è sicuramente del prete Cubeddu:

Sa cantone de sos  Sardos

Sas portas de s’inferru et de sa morte (le porte dell’inferno e della morte)
Luzziferru hat abbertu dae sa Franza, (Lucifero ha aperto dalla Francia)
alzat s’altera fronte, gridat forte (alza l’altera fronte, grida forte)
libertade, ma falza, et uguaglianza. (libertà, ma falsa e uguaglianza)
Sa ucca immensa, orrenda, oh dura sorte! (La bocca immensa, orrenda, oh dura sorte!)
devorat ogni carre e ogni sustanza, (divora ogni via e ogni sostanza)
ferit, truncat, ingullit ogni edade, (ferisce, tronca, prende ogni età)
ogni istadu, ogni sessu, ogni zittade. (ogni stato, ogni sesso, ogni città)

[…]

In sardu iscrio, in sa limba imparada (In sardo scrivo, nella lingua imparata)
dae totu senza mastru in pizzinnia; (di tutto, senza maestro nell’infanzia)
in conca mia restadu non bi hada (nella testa mia non è rimasto nulla)
ne latina ne itala poesia, (ne latina o itala poesia,)
si in cussas limbas l’haere ìmpastada (se in quelle lingue l’aria si è impastata)
mi diant haer nadu chi no est mia. (me lo avrebbero detto che non è mia)
Coment’isco faeddo, eccola nada, (Come so parlo, eccola nata(?),)
però est cosa mia et non furada. (però è cosa mia e non rubata)

 

In copertina: Quinto Cenni, la difesa di Cagliari nel 1973

 

Annunci

One thought on “La poesia contro l’attacco a Cagliari dei rivoluzionari francesi (1793)

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: