Centu concas, centu ciorbeddus

Centu concas, centu berrittas. (Cento teste, cento cappelli)
Centu femminas, ducentus tittas! (Cento femmine, duecento seni)

recita un proverbio sardo, ad indicare l’individualismo dei sardi, la mancanza di cooperazione e anche un po’ di invidia.

Scriveva Emilio Lussu che “[…] la disunione è la nostra prima impronta. Noi siamo tutti […] malamente individualisti, con tutti i guai che l’individualismo, questo nostro orgoglio mal piazzato, comporta.
E’ che sentiamo di essere una nazione mancata, senza ancora aver piena coscienza o senza voler riconoscere che così doveva essere, ne poteva essere diversamente, che un’isola così piccola, rispetto alle grandi isole degli altri mari, con questa posizione nel mediterraneo, non poteva in nessun secolo, vivere indipendente e sovrana.
Questa nostra ostinazione a non voler ammettere la fatale sconfitta collettiva come popolo, ci ha offerto solo la rivincita di un ripiegamento sulla personalità del singolo“.

Lussu aveva torto“, dice Francesco Masala, uno dei più grandi poeti sardi.
“E’ vero che la Sardegna è uno stato mancato, ma non una nazione mancata. La Sardegna è una nazione con la sua lingua, la sua musica, le sue tradizioni, ma non uno stato”.

Non siamo diventati uno stato, ma almeno abbiamo il collante culturale, musicale, poetico, linguistico, seppur con differenze tra zone, ma con la stessa matrice comune.

E tra le tradizioni, in tutta l’isola, da nord a sud, su ballu tundu, simbolo di forza, unione e di parità.

Centu concas, centu berrittas, non è poi così male.
Centu concas, centu ciorbeddus* (cioè cento teste pensanti), è meglio!

*cervelli

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: