Isciradindi sardu e penza (gara poetica Urru – Mascia)

Gara di poesia improvvisata: antigu e modernu
Cantadores: Urru Raffaele di Burcei, Mascia Salvatore di Sinnai:

Urru difende la parte degli antichi, Mascia difende la parte dei moderni

Mascia

isciradindi sardu e penza, (svegliati sardo e pensa)
chi no boli perdi sa trarotta (se non vuoi perdere la …)
su mundu esti in eterna lotta , (il mondo è in eterna lotta)
cussa e chi si nara de sopravvivenza (quella è che si dice sopravvivenza)

Urru

De su chi deus in sa terra hat creadu (Di quello che Dio in terra ha creato)
nisciuna cos’hat durada eterna (nessuna cosa ha durata eterna)
deu apartengu a s’era moderna (io appartengo all’era moderna)
Ca fu su mundu totu trasformadu (perché tutto il mondo si è trasformato)

Mascia

No mi arrespundasa cun prepotenza (Non rispondermi con prepotenza)
I abbandonaddu su modu grezzu (e abbandona il modo grezzo)
e giai chi hanti criau su mezzu (e già che hanno creato il mezzo)
oi gei ‘nc’esti prus intelligenza (oggi c’è più intelligenza)

Urru

Is ominis cun sa treccia (gli uomini con la treccia)
no fianta certus simpaticusu (non erano certo simpatici)
is filosofus e is matematicus (i filosofi e i matematici)
fainti onori a s’antica Grecia (fanno onore all’antica Grecia)

Mascia

Oh Urru collega e amigu (Oh Urru collega e amico)
impari seusu fendi fortuna (insieme stiamo facendo fortuna)
cussus chi funti lompius a sa luna (quelli che sono arrivati alla luna)
tantu gei funti de tempus antigus (non erano mica dei tempi antichi)

Urru

De is attus animalis innoi (Da gli altri animali qui)
no cumbeni mancu chi ndi neris (non conviene neanche che ne parli)
cumenti a Dante Alighieri (come a Dante Alighieri)
bogamindi unu poeta oi (toglimi un poeta oggi)

Mascia

Mascia e Urru funti is pernus (Mascia e Urru sono i perni)
chi onoranta sa sarda canzoni (che onoranta la sarda canzone)
tanti fiada una eccezioni (non era mica una eccezione)
e dd’anti prena de gloria is modernus (l’hanno riempita di gloria i moderni)

Urru

In sa gara improvvisada (nella gara improvvisata)
su forti nostu esti su mutettu (il forte nostro è il mutettu)
de Michelangelu e Tintorettu (da Michelangelo a Tintoretto)
sa razza oi dd’anti spacciada (la razza oggi l’hanno eliminata)

In d’unu labirintu oscuru (in un labirinto oscuro)
su minotauru beni bistrattausu (il minotauro bene bistrattato)
senza di essiri ancora immortalausu (senza essere ancora immortalati)
pittori bravus ci nd’esti oi puru (bravi pittori ce ne sono anche oggi)

Mascia

chi nottesta Urru si creiada (se stanotte Urru credeva)
ca si deppisi apponi su partotu(?) (che dovesse apporre il …)
oi trapiantanta su coru de nou (oggi trapiantano il cuore nuovo)
custa scienzia prima no ci fiada (questa scienza prima non c’era)

Urru

Ispremendi o Mascia sesi (Stai spremendo o Mascia)
innoi po bogai succi (Ora per tirar fuori succo)
che Marco Polu, Colombu e Vespucci (che Marco Polo, Colombo e Vespucci)
bogamindi atterus tresi (tirane fuori altri tre)

Mascia

O collega gei ddu scisi (o collega, già lo sai)
cando su poeticusu spannus(?) (quando il poetico …)
po girai su mundu bolianta bint’annus (per girare il mondo ci volevano venti anni)
oi ti bastant’appena tres disi (oggi ti bastano appena tre giorni)

Urru

a cantai nde bessiu occannu (a cantare è venuto fuori quest’anno)
novellu e no tottu grezzus (novello e non completamente non rifinito)
candu funti scadentisi is mezzusu (quando sono scadenti i mezzi)
a nci arribai est prus meritu mannu (ad arrivarci è merito più grande)

Mascia

No mi arrespundas cun prepotenza (non rispondermi con prepotenza)
i abbandonaddu su modu grezzu (e abbandona il modo grezzo)
e gei chi anti creau su mezzu (e già che hanno creato il mezzo)
oi gei nc’esti prus intelligenza (oggi c’è più intelligenza)

Urru

Antigu esti su solari astru (antico è il solare astro)
e modernu certu no du troccisi (e moderno certo non lo …)
oi nc’esti mezzus prus velocisi (oggi non ci sono mezzi più veloci)
ma d’ogna tanti unu disastru (ma ogni tanto un disastro)

Mascia

Nisciunu de nosus si nd’arriada (nessuno di noi rideva)
candu girausu po fai garasa (quando giriamo per fare gare)
ti portu a coru poita no mi narasa (ti porto in cuore perché non me lo dici)
s’antigu poveru comenti biviada (l’antico povero come viveva)

Urru

Su carradori po su boi (Il costruttore di carri per il bue)
a su strumbulu dd’hat postu ispina (al … ci ha messo spina)
cun cosa genuina (con cosa genuina)
esti meda prus serenu de oi (è molto di più sereno di oggi)

Mascia

In custa odierna cantada (in questa odierna cantata)
nai cosa meda temm’a podi (molte cose potrei dirti)
prima traballastisi de in soli in soli (prima lavoravi dall’alba al tramonto)
e a mruzzai a sa furriada (e a mangiare al rientro)

Urru

Tengada o no tenga gana (Abbia o non abbia voglia)
su cantadori deppidi cantai (il cantadores deve cantare)
po si bistiri e po si trassai (per vestirsi e per rendersi di bella presenza)
usanta sa peddi e i sa lana (usavano le pelli e la lana)

Mascia

de is antigus funti a su postu (degli antichi sono al posto)
gei … impari cun Giottu (… insieme con Giotto)
sa televisioni in su salottu (la televisione nel salotto)
tanti dda teniat nonnu nostu (non l’avevano mica i nostri nonni)

Urru

A comperai una mobilia (comprare una mobilia)
m’esti toccau occannu (mi è toccato quest’anno)
cussa puru si porta dannu (anche questa ci porta danno)
ca no si fueddat prus in famillia (perché non si parla più in famiglia)

Mascia

Ci cantau prus de unu versu (Abbiamo cantato più di un verso)
giudichendi puru su guvernu (giudicando pure il governo)
a tui ti fai mali su modernu (a te fa male il moderno)
candu mi narasa no a su progressu (quando mi dici no al progresso)

Urru

Po s’italia fu su tricolori (per l’Italia era il tricolore)
e po sa germania sa svastica (per la Germania la svastica)
tui asi inventau sa plastica (tu hai inventato la plastica)
cussa si chi ti fait onori (quella si, che ti fa onore)

Mascia

De piticcu appu tentu baru(?) (da piccolo ho avuto baro(?))
deu puru cantadori chi fu bravu (anche io cantadores ero bravo)
prima s’operaiu fiat schiavu (prima l’operaio era schiavo)
fu calpestau de su riccu avaru (era calpestato dal ricco avaro)

Urru

De s’antigu seriedadi eus connottu (dagli antichi serietà abbiamo conosciuto)
ma sa genti oi mala esti tottu trassasa (ma la gente oggi, male è conciata)
e i s’atomica, andi dda lassasa (e l’atomica, dove la lasci)
fatta po bocciri a tui ettottu (fatta per uccidere a te stesso)

Mascia

In s’argumentu prusu no ha(?) perdiu (nell’argomento più non ha perso)
chi a s’antigu prusu non respundu (perché all’antico più non rispondo)
de cantu Deus ha creau su mundu (da quando Dio ha creato il mondo)
genti mala ci nda sempri stetiu (gente cattiva ce n’è sempre stata)

Urru

Assi si de su propriu pernu (asse dello stesso perno)
funti pani, casu, pezza e trigu (sono pane, formaggio, carne e grano)
deu penzu chi senze s’antigu (io penso che senza l’antico)
no ci podiat essiri mancu su mudernu (non ci sarebbe potuto essere neanche il moderno)

 

Dalla musicassetta Cantadores Campidanesus, Antigu e Modernu, Raffaele Urru e Salvatore Mascia.

Ph credit copertina: Duello rusticano di Goya

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...