Andende a Bardanare (Andando a “banditare”)

“Sa notte amigos mios est iscura 
che i su turmentu; passat furiosu
su ‘entu e sighit s’aba a istrasura”.

“Su procalzu est bezzu e sonnigosu
e in cust’ora dromidu est che procu.
E no intendet né dannu, né gosu,

“non solude intendere unu zocu,
pro chi sas arulas siene serente
a su cuile’e Bau ‘e Su Trocu”.

“Leade sos fusiles lestramente
e andemus a fagher sa bardana!”.
gai neid’in tonu prepotente

Mimia Monni cun bogh”e campana
in su cuile ‘e s’Abile a sos pagos
amigos chi su notte acuilàna

che a mazzone subra sos serragos.
Bi fit Bobore Crispu, unu giovanu
de vint’annu chi leaiat sos tragos

e los frundiat che fustes lontanu;
e in sos attaccos lestru e attrividu.
Bi fit Franziscu Mannu e Bustianu

pili murtinu e Bobore Bandinu,
tres omines ch’in tottu fid’insoro,
mai biu, né mortu hana timidu

in tottu Nuoresu e Logudoro.
“Avanti o coraggiosa cunpagnia!”,
narein a una ‘oghe a unu coro,

tottus chimbe che una marranìa.
E s’avviein lestros, ben’armados
in mesu a su ‘entu forte, a s’istrazzìa,

che una truma d’iscominigados.

Amici la notte è scura come il tormento, il vento tira con furia e la pioggia continua a cadere a catinelle.

Il guardiano dei porci è vecchio e dormiglione, a quest’ora dorme come un maiale e non avverte i pericoli come non avverte le gioie,

e tanto meno sente i rumori, anche se le stallette sono vicine all’ovile di Bau ‘e su Trocu.

Prendete subito i fucili e andiamo a fare bardana. Così disse con tono prepotente

Mimia Monni, con voce di campana, nell’ovile dell’Aquila, a quei pochi amici che la notte vi si riparavano

come volpi nei luoghi dominanti. C’era Bobore Crispu, un giovane di ventun anni che afferrava i tronchi

e li scagliava lontano come fossero bastoni; e in caso di attacco era sveltoe audace. C’erano Franziscu Mannu e Bustianu

dai capelli rossi e Bobore Bandinu, tre uomini che in tutta la loro vita non avevano mai temuto uomo vivo né morto

in tutto il Nuorese o in Logudoro. “Avanti gente coraggiosa!” dissero ad una voce

tutti e cinque come per sfida. E si avviarono veloci e ben armati sotto il vento forte e la pioviggine,

come una torma di scomunicati.

dal libro, Cantigos d’Ennargentu di Antioco Casula (Montanaru)

Ph credit

Advertisements

One thought on “Andende a Bardanare (Andando a “banditare”)

Add yours

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: