Su Boe Muliache (poesia di Aquilino Cannas)

Deu seu su boe naturau (Io sono il bue innaturato)
a facci ‘e cristianu, (con la faccia da uomo)
e de aundi e totu (e da dove lo stesso)
‘ndi seu bessiu uscrau (sono uscito col mantello  sauro)
corrudu e impinnacciau. (cornuto e impennacchiato)

A de notti (Nelle notti)
candu corrinu deu (quando muggisco io)
arretronant is nuraxis (tuonano i nuraghi)
e de buxina mi faint (e de voce mi fanno)
boxi de morti (voce da morto)
po fai azziccai sa genti. (per far spaventare la gente)

Foras mali (Senza mali)
apparicciau deu seu (sembro io)
po mi portai (per portarmi)
beni acuau in brenti  (bene pieno d’acqua in pancia)
(mansavida campis) (mai nella vita campi)
s’inimigu chi benit de mari. (il nemico che viene dal mare)
E mi sighit, de logu, a pei (e mi segue a piedi)
sa maccatrefa turma (la turma truffaldina)
de is arrennegaus (dei rinnegati)
prus naturaus de mei: (più innaturati di me)
fillus de mala bacca, (figli di cattiva vacca)
prus corrudus de mei. (più cornuti di me)

Aquilino Cannas, Tratto da Disterru in terra, Ivo Melis editore, 1994

Ph credit

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...