Il sangue degli eroi (poesia di Montanaru)

La bellezza e la delicatezza della poesia di Montanaru (Antioco Casula) in queste due poesie.

La prima è una poesia d’amore:

Muttos 
A s’ispuntare ‘e sa die (Allo spuntare del giorno)
Cuminzan da oriente (Cominciano dall’oriente)
Sas istellas a fuire (Le stelle a fuggire)

Deo m’ispanto comente (Mi stupisco come)
sia potudo vivìre (abbia potuto vivere)
prima de haere a tie. (prima di avere te.)

La seconda è dedicata alla vernaccia (un vino tipico sardo) del Campidano.
La terra che lo produce è quella in cui sono morti gli eroi antichi.
E dal sangue degli eroi, che bagna la terra, nasce il vino.

A sa Vernaccia (Alla vernaccia)

[…]
Sos eroes antigos sunu mortos (Gli eroi antichi sono morti)
Tremendos e rebellos (Tremendi e ribelli)
Pro cudda sardignola libertade. (Per quella sarda libertà)
E nessunu sa losa (E nessuno la tomba)
Ischit de sos eroes. Ma su sambene (degli eroe conosce dove sia. Ma il sangue)
A sa terra han lassadu. (alla terra han lasciato.)
E custu issoro sambene in sos seculos (E questo loro sangue nei secoli)
Sa terra hat animadu (La terra ha animato)
D’ardore nou e de superba fide. (D’ardore nuovo e superba fede)
E in sas terras ardentes (E nelle terre ardenti)
De Campidanu, su sambene antigu (Dal campidano, il sangue antico)
Est passadu in sas venas de sa ide (E’ passato nelle vene della vite)
Cun impetos potentes. (Con impeti potenti)
[…]

Troppu hapo suffridu e milli penas (Troppo ho sofferto e mille pene)
D’ateros frades bido; (di altri fratelli visto)
Ma oe tottu olvido (ma oggi tutto dimentico)
Ca passat su fogu tuo in custas venas. (perché passa il fuoco tuo in queste vene)
E deo mi abbandono in brazzos tuos, (e mi abbandono nelle braccia tue)
Che in brazzos de una (Che nelle braccia di una)
Bella femmina antiga. (bella femmina antica)
Olvido onzi fatiga (Dimentico ogni fatica)
Onzi mala fortuna, (Ogni mala sorte)
E cun s’anima ido ateros logos, (E con quest’anima vedo altri luoghi)
Ateros chelos, ateras istellas. (Altri cieli, altre stelle)
E chentu femminas bellas (E cento femmine belle)
M’inghiriana e mi suzzan donz’ardore (…  …. ogni ardore)
Fissèndemi cun ogos (Fissandomi con occhi)
Isplendidos d’amore. (Splendidi d’amore)

Ph credit

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: